Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3823 del 16/02/2011

Cassazione civile sez. lav., 16/02/2011, (ud. 11/01/2011, dep. 16/02/2011), n.3823

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MIANI CANEVARI Fabrizio – Presidente –

Dott. DE RENZIS Alessandro – rel. Consigliere –

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Consigliere –

Dott. BERRINO Umberto – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso proposto da:

M.F., elettivamente domiciliato in Roma presso la

Cancelleria della Corte di Cassazione, rappresentato e difeso dagli

Avv.ti Croce Francesco e Mariano Di Giancroce del foro di Teramo per

procura a margine del ricorso, con richiesta ex art. 135 disp. att.

c.p.c.;

– ricorrente –

contro

ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in Roma, Via

della Frezza 17 presso l’Avvocatura Centrale dello stesso Istituto,

rappresentato e difeso, anche disgiuntamente, dagli Avv.ti Riccio

Alessandro, Clementina Pulii e Nicola Valente per procura in calce al

controricorso;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza n. 22/07 della Corte di Appello di

L’Aquila dell’11.0 1.2007/1.02.2007 nella causa n. 139 R.G. 2004.

Udita la relazione nella pubblica udienza dell’11.0 1.201 1 svolta

dal Consigliere Dott. Alessandro De Renzis;

udito l’Avv. Oreste Rossi, per delega dell’Avv. Francesco Croce, e

l’Avv. Clementina Pulii per il controricorrente;

sentito il P.M., in persona del Sost. Proc. Gen. Dott. GAETA Pietro

che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

1. Con sentenza n. 75 del 1995 il Pretore di Teramo respingeva la domanda di M.F. volta a ottenere il riconoscimento di pensione di inabilità o, in subordine, assegno di invalidità.

A seguito di appello del M. il Tribunale di Teramo con sentenza n, 356 del 2000 confermava la decisione di primo grado.

2. La Corte di Cassazione, a seguito di ricorso del M., con sentenza n. 19853 del 2003 cassava la sentenza di appello e rinviava alla Corte di Appello di L’Aquila, rilevando in particolare il mancato apprezzamento dello stato encefalico da endocraniosi, insufficienza epatica e stato di ansia inveterato. Riassunta la causa, la Corte di Appello di L’Aquila, rinnovata la consulenza tecnica di ufficio, con sentenza n, 22 del 2007 respingeva l’appello proposto contro la decisione del Pretore di Teramo, con compensazione delle spese di tutti i gradi del giudizio, compreso quello avanti alla cassazione. La Corte aquilana, valutate le conclusioni e i chiarimenti del consulente tecnico di ufficio, ha ritenuto il M. non invalido.

3. Il M. ricorre per cassazione con tre motivi.

L’INPS resiste con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo il M. denuncia vizio della sentenza per totale omissione di motivazione circa la documentazione attestante il complesso stato morboso, ivi comprese le memorie difensive.

Con il secondo motivo il ricorrente lamenta violazione della L. n. 222 del 1984 circa il mancato riconoscimento dell’inabilità dell’invalidità alla luce dei documenti prodotti e degli accertamenti peritali Con il terzo motivo il ricorrente deduce violazione dell’art. 196 c.p.c., per ingiustificato rigetto delle istanze istruttorie volte ad ottenere l’ammissione di consulenza tecnica, almeno suppletiva.

I motivi si concludono con quesiti volti ad ottenere l’accertamento delle indicate violazioni.

2. Il ricorso così formulato, proposto per impugnare la sentenza resa tra le parti dopo il 2 marzo 2006, data di entrata in vigore del D.Lgs. 2 febbraio 2006, n. 40 incorre nella violazione dell’art. 366 bis c.p.c., introdotto con l’art. 6 dell’anzidetto D.Lgs..

Tale norma impone, per i casi previsti dall’art. 360 c.p.c., nn. 1, 2, 3 e 4, l’illustrazione di ciascun motivo con la formulazione, a pena di inammissibilità, di un quesito di diritto, mentre in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 5, l’illustrazione del motivo deve contenere, a pena di inammissibilità, la chiara indicazione del fatto controverso in relazione al quale la motivazione si assume omessa o contraddittoria ovvero le ragioni per le quali la dedotta insufficienza della motivazione la rende inidonea a giustificare la decisione.

Ciò precisato, va osservato che nel caso di specie, quanto al primo motivo relativo al vizio di motivazione, l’inammissibilità della censura deriva dalla mancanza totale di un momento di sintesi logico- giuridica delle questioni sollevate con riferimento alle consulenze svolte nelle pregresse fasi di giudizio, ai giudizi espressi dal CTU nel primo e secondo grado, alla mancata considerazione – da parte del CTU della causa di rinvio- delle diverse risultanze cliniche prospettate dal consulente di parte nominato nello stesso giudizio (sulla necessità di un momento di sintesi della denuncia del vizio di motivazione si è più volte espressa questa Corte: cfr Cass. n. 4556 del 2009; Cass. n. 8897 del 2008).

Con riguardo agli altri motivi, il ricorso non presenta formulazione di appropriati ed adeguati quesiti di diritto, tali da consentire di individuare lo specifico contenuto dell’impugnazione e il profilo logico-giuridico risolutivo delle questioni introdotte, limitandosi a sottoporre a questa Corte, come già evidenziato, una domanda di accertamento delle dedotte violazioni. Al riguardo si richiama recente indirizzo di questa Corte (in particolare Sezioni Unite sentenza n. 7258 del 26 marzo 2007, seguita da successiva giurisprudenza), secondo cui l’art. 366 bis c.p.c., non può essere interpretato nel senso che il quesito del diritto (e simmetricamente la formulazione del fatto controverso nel caso previsto dall’art. 360 c.p.c., n. 5) possa desumersi implicitamente dalla formulazione del motivo del ricorso, perchè tale interpretazione si risolverebbe nell’abrogazione tacita della norma, che, come già evidenziato, ha introdotto, a pena di inammissibilità, il rispetto di un requisito formale, da formularsi in maniera esplicita.

3. In conclusione il ricorso va dichiarato inammissibile.. Nessuna statuizione sulle spese del giudizio di cassazione va emessa nei confronti dell’INPS, ricorrendo le condizioni previste dall’art. 152 disp. att. c.p.c., nella formulazione previgente al D.L. n. 269 del 2003, entrato in vigore il 2 ottobre 2003, risultando proposto il corso introduttivo della fase di primo grado prima di tale data.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile. Nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 11 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA