Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3787 del 16/02/2011

Cassazione civile sez. lav., 16/02/2011, (ud. 28/10/2010, dep. 16/02/2011), n.3787

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. BATTIMIELLO Bruno – Presidente –

Dott. LAMORGESE Antonio – Consigliere –

Dott. D’AGOSTINO Giancarlo – Consigliere –

Dott. CURCURUTO Filippo – rel. Consigliere –

Dott. MAMMONE Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso 11091-2009 proposto da:

R.R. (OMISSIS), elettivamente domiciliata in

ROMA, VIA ARCHIMEDE 120, presso lo studio dell’avvocato MICALI FABIO,

rappresentata e difesa dall’avvocato MICALI FRANCESCO, giusta mandato

speciale a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

INPS – ISTUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE in persona del

Presidente e legale rappresentante pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA DELLA FREZZA 17, presso l’AVVOCATURA

CENTRALE DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati PULLI

CLEMENTINA, VALENTE NICOLA, RICCIO ALESSANDRO, giusta procura in

calce al ricorso notificato;

– resistente –

e contro

MINISTERO DELL’ECONOMIA E DELLE FINANZE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 445/2008 della CORTE D’APPELLO di MESSINA del

3.4.08, depositata il 24/04/2008;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

28/10/2010 dal Consigliere Relatore Dott. FILIPPO CURCURUTO.

E’ presente il Procuratore Generale in persona del Dott. MASSIMO

FEDELI.

Fatto

RITENUTO

che:

Con la sentenza qui impugnata la Corte d’appello di Messina ha riconosciuto a R.R. il diritto all’indennità di accompagnamento compensando interamente le spese de giudizio.

la R. propone ricorso affidato a due motivi con i quali denunzia violazione e falsa applicazione di norme di diritto (primo motivo) e vizio di motivazione (secondo motivo) assumendo essenzialmente che la decisione di compensare le spese contrasterebbe con gli artt. 91 e 92 c.p.c. e sarebbe comunque priva di motivazione.

Il ricorso è infondato.

Premesso che non risulta violato nel caso di specie il divieto di porre le spese del giudizio a carico della parte interamente vittoriosa, va notato che nella sentenza impugnata la compensazione è giustificata con il rilievo che la decorrenza del beneficio in sede di appello è stata anticipata solo di pochi mesi, dall’aprile al gennaio 2004, rispetto alla determinazione fattane in primo grado.

Tale ragione non è nè illogica nè manifestamente pretestuosa.

Quindi la censura proposta è priva di fondamento.

In conclusione, il ricorso va rigettato.

Nulla per le spese in considerazione della natura della controversia.

P.Q.M.

rigetta il ricorso; nulla per le spese.

Così deciso in Roma, il 28 ottobre 2010.

Depositato in Cancelleria il 16 febbraio 2011

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA