Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3760 del 17/02/2010

Cassazione civile sez. trib., 17/02/2010, (ud. 17/11/2009, dep. 17/02/2010), n.3760

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LUPI Fernando – Presidente –

Dott. CAPPABIANCA Aurelio – Consigliere –

Dott. D’ALESSANDRO Paolo – Consigliere –

Dott. VIRGILIO Biagio – Consigliere –

Dott. SCARANO Luigi Alessandro – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ordinanza

sul ricorso proposto da:

C.R., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA SICILIA

66, presso lo studio dell’avvocato GIULIANI FRANCESCO, che la

rappresenta e difende unitamente agli avvocati FANTOZZI AUGUSTO,

TIEGHI ROBERTO, giusta procura in atti;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE, in persona del Direttore Generale in carica

pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI

12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende, ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1437/2006 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE di

ROMA del 2/12/05, depositata il 25/01/2006;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

17/11/2009 dal Consigliere Relatore Dott. SCARANO Luigi Alessandro;

udito l’Avvocato Roberto Esposito, (delega avvocato Giuliani

Francesco), difensore della ricorrente che si riporta agli scritti;

e’ presente il P.G. in persona del Dott. SORRENTINO Federico, che si

riporta alla relazione scritta.

Fatto

RITENUTO IN FATTO E CONSIDERATO IN DIRITTO

Considerato che e’ stato dalla contribuente sig.ra C.R. proposto ricorso per la correzione di errore materiale ex art. 391 bis c.p.c. della sentenza Cass., 25/1/2006, n. 1437;

atteso che resiste con controricorso l’Agenzia delle entrate;

vista la requisitoria scritta del P.G. con la quale si e’ richiesta pronunzia ex art. 375 c.p.c. di rigetto del ricorso per manifesta infondatezza;

rilevato che la ricorrente non ha presentato memoria ne’ vi e’ stata richiesta di audizione in Camera di consiglio;

considerato che, come dedotto dalla ricorrente, la suindicata sentenza Cass., 25/1/2006, n. 1437 ha accolto il ricorso proposto dalla ricorrente, con rinvio ad altra Sezione della Commissione Tributaria Regionale del Veneto;

atteso che con il come sopra accolto ricorso la ricorrente aveva censurato la sentenza n. 24/21/99 della Commissione Tributaria Regionale del Veneto del 14/5/1999, avente ad oggetto avviso di accertamento emesso a titolo di IRPEF per l’anno d’imposta 1984 per L. 5.857.000;

rilevato che la suindicata pronunzia Cass., 25/1/2006, n. 1437 reca nella parte dedicata allo svolgimento del ricorso le indicazioni dell’anno d’imposta 1983 e del reddito capitale accertato pari L. 9.157.000, in luogo di quelle viceversa corrette – quali emergenti dalla suindicata impugnata sentenza n. 24/21/99 della Commissione Tributaria Regionale del Veneto del 14/5/1999 versata nei fascicolo d’ufficio -, rispettivamente, dell’anno d’imposta 1984 e del reddito capitale accertato pari a L. 5.857.000;

ritenuto doversi pertanto accogliere il ricorso, sostanzialmente volto a correggere quello che si appalesa un mero errore materiale, come confermato dall’analisi della sentenza Cass., 25/1/2006, n. 1438 recante una corrispondente inversione dei dati in questione;

considerato che nel procedimento di correzione degli errori materiali di cui agli artt. 287 e 391 bis c.p.c. non e’ ammessa alcuna pronuncia sulle spese processuali (v. Cass., 4/5/2009, n. 10203, Cass., Sez. Un., 27/6/2002, n. 9438).

P.Q.M.

LA CORTE Accoglie il ricorso. Ordina che nel corpo della propria sentenza Cass., 25/1/2006, n. 1437 l’indicazione “1983” venga sostituita con “1984” e l’indicazione “L. 9.157.000” venga sostituita con “5.857.000”.

Così deciso in Roma, il 17 novembre 2009.

Depositato in Cancelleria il 17 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA