Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3749 del 15/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. L Num. 3749 Anno 2018
Presidente: BALESTRIERI FEDERICO
Relatore: LEO GIUSEPPINA

ORDINANZA

sul ricorso 16673-2012 proposto da:
POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. 97103880585, in persona
del legale rappresentante pro tempore, elettivamente
domiciliata in ROMA, VIA DELLE TRE MADONNE 8, presso
lo studio dell’avvocato MARCO MARAZZA, che la
rappresenta e difende, giusta delega in atti;
– ricorrente contro
2017
2730

GUCCIONE ALESSIA, DI GIULI BARBARA, rappresentate

e

difese dall’avvocato CARLO MORONI, domiciliate in
ROMA PIAZZA CAVOUR PRESSO LA CANCELLERIA DELLA CORTE
DI CASSAZIONE, giusta delega in atti;
– controricorrentí –

Data pubblicazione: 15/02/2018

avverso

la

sentenza n.

2587/2012

della CORTE

D’APPELLO di ROMA, depositata il 27/03/2012 R.G.N.

4765/10;

RG. 16673/2012

RILEVATO
che, con sentenza depositata il 27/3/2012, la Corte di Appello di
Roma, in parziale accoglimento del gravame interposto da Di Giuli
Barbara e Guccione Alessia, nei confronti di Poste Italiane S.p.A.,
avverso la pronunzia del Tribunale della stessa sede depositata in data
8/2/2010, ha dichiarato che tra le parti si è instaurato un rapporto di

decorrenza dal 1/10/2002 (per la Di Giuli) e dall’8/10/2002 (per la
Guccione) ed ha condannato la società a corrispondere alle lavoratrici
un’indennità pari a tre mensilità dell’ultima retribuzione globale di
fatto, oltre accessori come per legge;
che avverso tale sentenza Poste Italiane S.p.A. ha proposto ricorso per
cassazione affidato a due motivi;
che la Di Giuli e la Guccione hanno resistito con controricorso;
che il P.G. non ha formulato richieste

CONSIDERATO

che è stata depositata presso la cancelleria della Sezione lavoro della
Corte di Cassazione copia dei verbali di conciliazione in sede sindacale,
rispettivamente sottoscritti da Di Giuli Barbara e dal procuratore
speciale della società, Ciofetta Donatella, in data 24/9/2012, e da
Guccione Alessia e dal medesimo procuratore speciale della società, in
data 23/11/2012 e che Poste Italiane S.p.A., a seguito di ciò, ha
depositato atto di rinunzia ai sensi dell’art. 390 c.p.c., ritualmente
notificato alle lavoratrici in data 24/3/2013;
che, avuto riguardo all’accordo transattivo raggiunto dalle parti in
ordine ai fatti per cui è causa – ed alla conseguente rinunzia al ricorso
per cassazione da parte della società datrice di lavoro -, deve ritenersi
che le stesse non abbiano più interesse a proseguire il processo;
che

va, pertanto, dichiarata la cessazione della materia del

contendere;

lavoro subordinato a tempo indeterminato, ancora in atto, con

che la condotta processuale tenuta dalle parti, diretta alla definizione
non contenziosa del procedimento, giustifica la compensazione delle
spese del giudizio

P.Q.M.

La Corte dichiara la cessazione della materia del contendere. Spese
compensate.

Così deciso nella Adunanza camerale del 20 giugno 2017.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA