Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3735 del 14/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 14/02/2020, (ud. 12/11/2019, dep. 14/02/2020), n.3735

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. DELL’ORFANO Antonella – Consigliere –

Dott. CAPOZZI Raffaele – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 19700-2018 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, C.F. (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– ricorrente –

contro

B.A.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 2607/1/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di FIRENZE, depositata il 19/12/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/11/2019 dal Consigliere Relatore Dott. CAPOZZI

RAFFAELE.

Fatto

RILEVATO

che l’Agenzia delle entrate propone ricorso per cassazione nei confronti di una sentenza della CTR della Toscana, che aveva accolto l’appello proposto dalla contribuente B.A. avverso una sentenza della CTP di Siena, di rigetto del ricorso dalla medesima proposto avverso una cartella di pagamento, emessa nei suoi confronti, quale socia accomandante della s.a.s. “DIGITOTOSCANA TV”, cancellata dal registro delle imprese; la contribuente, in tale sua veste, era stata ritenuta coobbligata con quest’ultima società per il pagamento delle imposte da quest’ultima non versate.

Diritto

CONSIDERATO

che il ricorso è affidato a due motivi;

che, con il primo motivo, l’Agenzia lamenta violazione e falsa applicazione dell’art. 2495 c.c., comma 2, artt. 2312 e 2324 c.c., in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3., in quanto nei confronti della s.a.s. “DIGITOTOSCANA TV”, di cui la contribuente era socia accomandante al 90%, erano stati emessi due avvisi di accertamento per maggiori imponibili anni 2004 e 2005, impugnati dalla società innanzi alla CTP; e, nel corso dei relativi giudizi, la società anzidetta era stata cancellata dal registro delle imprese, i relativi giudizi erano stati dichiarati estinti, con conseguente definitività degli avvisi di accertamento emessi nei confronti della società anzidetta; a seguito di ciò, era stato iscritto a ruolo a titolo straordinario una parte delle somme dovute dalla società nei confronti della contribuente B.A., quale socia accomandante della società, titolare del 90% del capitale sociale; invero, dopo la riforma del diritto societario, di cui al D.Lgs. n. 6 del 2003, anche dopo l’estinzione di una società le obbligazioni dei creditori si trasferivano in capo ai soci in base ad un fenomeno di tipo successorio; ed il conseguimento dei beni all’esito della liquidazione costituiva solo il limite quantitativo della successione dei soci nelle obbligazioni sociali; invero, in caso di accertamenti nei confronti di società di persone cancellate, la prova della percezione di utilità all’esito della liquidazione era in re ipsa; nell’ipotesi poi di società in accomandita semplice, qual’era quella in questione, la presunzione di distribuzione occulta era ancora più appropriata, in quanto l’accertamento era stato emesso nei confronti di un socio accomandante titolare del 90% delle quote sociali e, come tale, dominus sostanziale dell’attività, si che, nella specie, non poteva essere chiesta un’ulteriore prova specifica circa la percezione di quote di liquidazione o di utilità ulteriori da parte del socio, anche perchè, nella specie, non vi era stata liquidazione e non era stato depositato alcun bilancio di liquidazione;

che, con il secondo motivo, l’Agenzia delle entrate lamenta nullità della sentenza per omessa motivazione e violazione dell’art. 132 c.p.c., comma 2, n. 4, art. 118 disp. att. c.p.c., comma 1 e del D.Lgs. n. 546 del 1992, art. 36, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, in quanto la CTR aveva omesso di indicare gli elementi di fatto ritenuti significativi ed era pervenuta in modo apodittico alla conclusione che l’ufficio non aveva fornito alcuna prova dell’attribuzione alla contribuente di quote ed utilità della s.a.s. “DIGITOTOSCANA TV”;

che la contribuente non si è costituita;

che i due motivi di ricorso proposti dall’Agenzia delle entrate, da trattare congiuntamente siccome strettamente correlati fra di loro, sono fondati;

che, secondo la giurisprudenza di legittimità (cfr. Cass. n. 15474 del 2017; Cass. n. 23916 del 2016), ai sensi dell’art. 2495 c.c., comma 2, dopo la cancellazione di una società dal registro delle imprese, i creditori insoddisfatti possono far valere i propri crediti nei confronti dei soci fino alla concorrenza delle somme da questi riscosse in base al bilancio finale di liquidazione, si che, in via generale, l’obbligazione della società non si estingue, ma si trasferisce ai soci, nei limiti di quanto riscosso a seguito della liquidazione, ove il socio sia limitatamente responsabile per i debiti sociali e che, pertanto, normalmente è il creditore sociale tenuto a provare che l’importo preteso sia di ammontare uguale o superiore a quello riscosso dal socio, in quanto la percezione di una quota dell’attivo sociale assurge ad elemento della fattispecie costitutiva del diritto azionato dal creditore nei confronti del socio;

che quanto sopra non vale tuttavia per la specie in esame, nella quale la s.a.s. “DIGITOTOSCANA TV” è stata cancellata dal registro delle imprese senza essere stata mai posta in liquidazione e senza che sia stato mai approvato alcun bilancio finale di liquidazione;

che, inoltre, nel caso in esame, il credito azionato è un’obbligazione tributaria, fatta valere nei confronti della contribuente quale socia di una società a ristretta base sociale, non essendo controverso che la contribuente era socia accomandante della citata s.a.s. “DIGITOSCANA TV”, titolare del 90% delle quote sociali, e quindi sostanziale “domina” dell’attività commerciale svolta dietro lo schermo societario;

che, pertanto, nel caso in esame, in deroga alla giurisprudenza formatasi in ordine all’applicazione dell’art. 2495 c.c., comma 2, è da ritenere ammissibile la presunzione di attribuzione al socio di utili conseguiti dalla società di appartenenza, in quanto la ristrettezza dell’assetto societario implica un vincolo di solidarietà e di reciproco controllo dei soci nella gestione sociale; ed è noto che detta presunzione, legittima ai sensi del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 39, comma 1, lett. d, comporta l’inversione dell’onere della prova a carico del contribuente, essendo quest’ultimo tenuto a provare di non avere acquisito utili provenienti dalla società (cfr. Cass. n. 20851 del 2005; Cass. n. 1947 del 2019);

che pertanto la sentenza impugnata va cassata e gli atti trasmessi alla CTR della Toscana in diversa composizione, anche per la determinazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso; cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTR della Toscana in diversa composizione, anche per le spese del presente giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 12 novembre 2019.

Depositato in cancelleria il 14 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA