Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 36559 del 25/11/2021

Cassazione civile sez. trib., 25/11/2021, (ud. 29/04/2021, dep. 25/11/2021), n.36559

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLITANO Lucio – Presidente –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello Maria – Consigliere –

Dott. VENEGONI Andrea – Consigliere –

Dott. PANDOLFI Catello – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso iscritto al n. 16475/2015 proposto da:

Agenzia delle Entrate, rappresentato e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato domiciliata in via dei Portoghesi n. 12 Roma;

– Ricorrente –

Contro

V.F., rappresentato e difeso dall’avv. Ettore Tenerelli,

dall’avv. Antonio Console e dall’avv. Francesco Tenerelli

elettivamente domiciliata in Roma, via del Tritone n. 102 presso lo

studio dell’Avv. Vito Nanna;

– Controricorrente –

Avverso la decisione della Commissione tributaria regionale della

Puglia n. 168/07 /2015 depositata il 29.01.2015.

Udita la relazione del Consigliere Dott. Catello Pandolfi nella

camera di consiglio del 29/04/2021.

 

Fatto

RILEVATO

che:

L’Agenzia delle Entrate ha proposto ricorso per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria regionale della Puglia n. 168/07/2015 depositata il 29 gennaio 2015.

La vicenda trae origine dalla notifica a V.F., in data 13/12/2009, della cartella di pagamento (OMISSIS), relativa all’avviso di accertamento IRPEF n. (OMISSIS), per l’anno d’imposta 1991. La cartella veniva opposta dal contribuente con esito a lui favorevole in entrambi i gradi di merito.

L’Ufficio impugna la sentenza del giudice regionale con un unico motivo per violazione dell’art. 2953 c.c..

Resiste il contribuente con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

Il Collegio deve, preliminarmente, rilevare che parte nei giudizi di merito era stata anche Equitalia Polis s.p.a. alla quale era subentrata Equitalia Sud s.p.a. cui era succeduta ex lege l’Agenzia delle Entrate-Riscossione.

A quest’ultima non risulta essere stato notificato il ricorso in esame, quale litisconsorte processuale, con ciò determinandosi la necessità di integrare il contraddittorio nei confronti della predetta Agenzia, concedendo termine all’Amministrazione ricorrente per provvedervi.

P.Q.M.

Rinvia la causa a nuovo ruolo, concedendo termine di giorni 60 dalla comunicazione della presente ordinanza per gli adempimenti di cui sopra.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 29 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 25 novembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA