Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3620 del 14/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. L Num. 3620 Anno 2018
Presidente: MANNA ANTONIO
Relatore: LEO GIUSEPPINA

ORDINANZA

sul ricorso 23723-2013 proposto da:
SBARAGLIA

GIANLUCA

C.F.

SBRGLC87L09H501A,

elettivamente domiciliato in ROMA, CORSO TRIESTE, 16,
presso lo studio dell’avvocato GUIDO CHIODETTI, che
lo rappresenta e difende, giusta delega in atti;
– ricorrente contro

POSTE ITALIANE S.P.A. C.F. 97103880585, in persona
2017
4635

del legale rappresentante pro tempore, elettivamente
domiciliata in ROMA VIA C. MONTEVERDI 16, presso lo
studio dell’avvocato GIUSEPPE CONSOLO, che la
rappresenta e difende, giusta delega in atti;
– controricorrente –

Data pubblicazione: 14/02/2018

avverso la

sentenza n.

2467/2013

della CORTE

D’APPELLO di ROMA, depositata il 16/04/2013 R.G.N.
6875/2010.

RG. 23723/2013

RILEVATO
che, con sentenza depositata in data 16/4/2013, la Corte di Appello di
Roma ha respinto il gravame interposto da Sbaraglia Gianluca, nei
confronti di Poste Italiane S.p.A., avverso la pronunzia del Tribunale
della stessa sede, con la quale era stata rigettata la domanda del
medesimo Sbaraglia volta all’accertamento della nullità del termine

Italiane S.p.A., per i periodi 2/11/2006-31/1/2007 e 20/4/200729/9/2007, ed al conseguente riconoscimento della sussistenza, tra le
parti, di un unico rapporto di lavoro subordinato a tempo
indeterminato a decorrere dal 2/11/2006;
che avverso tale sentenza lo Sbaraglia ha proposto ricorso per
cassazione affidato a sei motivi;
che Poste Italiane S.p.A. ha resistito con controricorso;
che il P.G. non ha formulato richieste

CONSIDERATO

che, preliminarmente, deve rilevarsi che è stato depositato presso la
cancelleria della Sezione lavoro della Corte di Cassazione l’originale
dell’atto di rinunzia al ricorso, sottoscritto da Sbaraglia Gianluca e dal
difensore, avv. Guido Chiodetti, ritualmente notificato a Poste Italiane
S.p.A., nel quale si dà atto che, nelle more del giudizio, il lavoratore è
stato assunto dalla predetta società a seguito dell’accertata nullità del
termine apposto ad un terzo contratto di lavoro intercorso tra le parti,
relativamente al periodo 28/1/2007-30/1/2008, in ordine alla quale si
è pronunziata la Suprema Corte con la sentenza n. 6599/2015,
depositata il 31/3/2015;
che sussistono, pertanto, i presupposti di cui agli artt. 390 e 391 c.p.c.
per dichiarare l’estinzione del giudizio;
che la condotta processuale tenuta dalla parte ricorrente, diretta alla
definizione non contenziosa del procedimento, giustifica la
compensazione delle spese del giudizio di legittimità

UL

apposto ai due contratti di lavoro stipulati tra il ricorrente e Poste

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio; spese compensate.

Così deciso nella Adunanza camerale del 22 novembre 2017.

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA