Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 36184 del 23/11/2021

Cassazione civile sez. VI, 23/11/2021, (ud. 05/10/2021, dep. 23/11/2021), n.36184

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Presidente –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. TATANGELO Augusto – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 18615-2019 proposto da:

A.C., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA UFENTE 12,

presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO BRESMES, che la rappresenta

e difende unitamente all’avvocato STEFANO MARIA COMMODO;

– ricorrente –

contro

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI, in persona del Presidente pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2120/2018 della CORTE D’APPELLO di TORINO,

depositata il 17/12/2018;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 05/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott. MARCO

ROSSETTI.

La Corte.

 

Fatto

RILEVATO

che:

-) l’odierna ricorrente nel primo grado del giudizio chiese il risarcimento del danno da tardiva attuazione della Dir. comunitaria n. 80 del 2004;

-) che ella stessa chiese che tale danno venisse stimato in misura pari “all’indennizzo equo ed adeguato che la Repubblica avrebbe dovuto riconoscere alle vittime di reati verificatisi sul suo territorio”;

-) che vari provvedimenti normativi hanno esteso retroattivamente il diritto di chiedere il suddetto indennizzo, prorogandone contemporaneamente il termine, successivamente fissato:

-) fino (OMISSIS) dalla L. 30 dicembre 2018, n. 302, art. 1, comma 594;

-) fino al (OMISSIS) dal D.L. 30 dicembre 2019, n. 162, art. 3, comma 2, lett. c);

-) fino al (OMISSIS) dal D.L. 31 dicembre 2020, n. 183, art. 2, comma 2, lett. a).

Diritto

RITENUTO

che:

il ricorso pone a questa Corte una questione di rilievo nomofilattico, e cioè stabilire gli effetti del jus superveniens sull’interesse a ricorrere.

PQM

-) rinvia la causa alla pubblica udienza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sesta Sezione civile della Corte di cassazione, il 5 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 23 novembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA