Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 36132 del 23/11/2021

Cassazione civile sez. VI, 23/11/2021, (ud. 26/10/2021, dep. 23/11/2021), n.36132

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LEONE Margherita Maria – Presidente –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – Consigliere –

Dott. DE MARINIS Nicola – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 5402-2020 proposto da:

INPS – ISTITUTO NAZIONALE DELLA PREVIDENZA SOCIALE, in persona del

legale rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA CESARE BECCARIA 29, presso l’AVVOCATURA CENTRALE

DELL’ISTITUTO, rappresentato e difeso dagli avvocati LUIGI CALIULO,

LIDIA CARCAVALLO, ANTONELLA PATTERI, SERGIO PREDEN;

– ricorrente –

contro

R.G., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA AGRI, 1,

presso lo studio dell’avvocato MASSIMO NAPPI, che la rappresenta e

difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1301/2019 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 27/08/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 26/10/2021 dal Consigliere Relatore Dott. NICOLA DE

MARINIS.

 

Fatto

RILEVATO

– che, con sentenza del 27 agosto 2019, la Corte d’Appello di Milano confermava la decisione resa dal Tribunale di Pavia ed accoglieva la domanda proposta da R.G. nei confronti dell’INPS, avente ad oggetto il riconoscimento della pensione di vecchiaia anticipata D.Lgs. n. 503 del 1992, ex art. 1, comma 8, (in favore cioè di soggetto invalido in misura non inferiore all’80% che conservava il precedente limite di età per il pensionamento) con decorrenza dal 1.1.2017;

– che la decisione della Corte territoriale discende dall’aver questa ritenuto non operare nella specie il differimento annuale della decorrenza della prestazione per l’applicazione delle c.d. finestre atteso che la disposizione di cui al D.L. n. 78 del 2010, art. 12, conv. in L. n. 122 del 2011, non riguarda la posizione degli assicurati che maturano il diritto alla pensione di vecchiaia anticipata al compimento dei sessanta anni ma incide solo su coloro che conseguono il diritto alla pensione di vecchiaia in modo ordinario, secondo le previsioni di età dei vari ordinamenti, non trattandosi di norma di carattere generale, valida per tutti a prescindere dall’età pensionabile statuita, ossia anche per chi matura il diritto alla pensione con un’età normativamente prevista al di sotto dei livelli ordinari per i vari sistemi pensionistici.

– che, per la cassazione di tale decisione ricorre l’INPS, affidando l’impugnazione ad un unico motivo, cui resiste, con controricorso, la R.;

– che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in Camera di consiglio non partecipata.

Diritto

CONSIDERATO

– che, con l’unico motivo, l’Istituto ricorrente, nel denunciare la violazione e falsa applicazione del D.L. n. 78 del 2010, art. 12, conv. in L. n. 122 del 2011, lamenta l’erroneità dell’interpretazione che della norma predetta ha accolto la Corte territoriale dovendo al contrario leggersi la medesima come disposizione di carattere generale intesa a differire i termini per il conseguimento del diritto alla prestazione pensionistica di qualsiasi tipo, salvo le deroghe espressamente previste con riguardo alle quali trova applicazione la disciplina preesistente;

– che il motivo merita accoglimento alla stregua dell’orientamento accolto da questa Corte (cfr., da ultimo, Cass. n. 29420/2018 e Cass. n. 8735/2019) per il quale l’ambito di applicazione del regime delle finestre come regolato dal predetto D.L. n. 78 del 2010, art. 12, e così del differimento di un anno dell’accesso alla pensione di vecchiaia include non solo i soggetti che a decorrere dall’anno 2011 maturano il diritto all’accesso al pensionamento di vecchiaia a 65 anni se uomini e a 60 per le lavoratrici del settore privato, secondo la lettura riduttiva accolta dal giudice del merito, ma anche, oltre alle lavoratrici del pubblico impiego pure contemplate dalla norma, tutti gli altri soggetti che negli altri casi maturano il diritto all’accesso al pensionamento di vecchiaia alle età previste dagli specifici ordinamenti, ivi compresi coloro che, essendo invalidi in misura non inferiore all’80%, hanno diritto alla pensione di vecchiaia anticipata ai sensi del D.Lgs. n. 502 del 1993, art. 1;

– che, pertanto, il ricorso va accolto e la sentenza impugnata cassata con rinvio alla Corte d’Appello di Milano, in diversa composizione, che provvederà in conformità, disponendo altresì per l’attribuzione delle spese del presente giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia, anche per le spese, alla Corte d’Appello di Milano in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale il 26 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 23 novembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA