Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 36103 del 23/11/2021

Cassazione civile sez. trib., 23/11/2021, (ud. 14/10/2021, dep. 23/11/2021), n.36103

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. PERRINO Anna Maria – rel. Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO DI N. Maria Giulia – Consigliere –

Dott. CASTORINA Maria Rosaria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al numero 7829 del ruolo generale dell’anno

2016, proposto da:

Agenzia delle entrate, in persona del direttore pro tempore,

rappresentato e difeso dall’Avvocatura generale dello Stato, presso

gli uffici della quale in Roma, alla via dei Portoghesi, n. 12, si

domicilia;

– ricorrente –

contro

s.r.l. Azzurro, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentato e difeso, giusta procura speciale a margine del

controricorso, dall’avv. Maurizio Villani, presso lo studio del

quale in Lecce, alla via Cavour, n. 56, elettivamente si domicilia;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale della Puglia, sede staccata di Lecce, n. 2058/23/15,

depositata in data 2 ottobre 2015;

Udita la relazione resa nella camera di consiglio del 14 ottobre 2021

dal consigliere Angelina-Maria Perrino.

 

Fatto

RILEVATO

che:

– per gli anni d’imposta 2006, 2007 e 2008 l’Agenzia delle entrate ha contestato alla società l’erronea applicazione ad operazioni di acquisto e di successiva rivendita di oggetti d’oro, definiti dalla contribuente come rottami auriferi, del regime conversione contabile, in luogo di quello del margine per i beni d’occasione;

– le impugnazioni degli avvisi di accertamento che ne sono scaturiti non hanno avuto successo in primo grado, ma il giudice d’appello, facendo leva sul fatto che le società cessionarie sono titolari di un proprio marchio di fabbrica, ha ravvisato i presupposti di applicazione del regime d’inversione contabile;

– contro questa sentenza propone ricorso l’Agenzia delle entrate per ottenerne la cassazione, che affida a un unico motivo, cui la contribuente replica con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– la contribuente ha documentato di aver presentato domanda di definizione agevolata della controversia, a norma del D.L. 23 ottobre 2018, n. 119, art. 6 e art. 7, comma 2, lett. b), e comma 3, conv., con mod., con L. 17 dicembre 2018, n. 136;

– l’Agenzia ha aderito alla definizione;

– il perfezionamento della procedura comporta l’estinzione del processo, mentre le spese restano a carico di chi le ha sostenute.

P.Q.M.

dichiara estinto il processo.

Così deciso in Roma, il 14 ottobre 2021.

Depositato in Cancelleria il 23 novembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA