Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 361 del 13/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/01/2021, (ud. 12/11/2020, dep. 13/01/2021), n.361

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRAZIOSI Chiara – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. CIRILLO Francesco Maria – Consigliere –

Dott. IANNELLO Emilio – rel. Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 11613/2019 R.G. proposto da:

I.F., rappresentato e difeso dall’Avv. Fabrizio Crisci e

dall’Avv. Gennaro Abete;

– ricorrente –

contro

Axa Assicurazioni S.p.a., rappresentata e difesa dall’Avv. Lina

Caputo, con domicilio eletto presso il proprio studio in Roma, C.so

Trieste, n. 27;

– controricorrente –

e nei confronti di:

Generali Italia S.p.A., C.A., C.C. (n. q. di

procuratore di Cr.At.), P.C., Cattolica

Assicurazioni Soc. Coop.;

– intimati –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Napoli, n. 5125/2018,

depositata il 13 novembre 2018;

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 12 novembre

2020 dal Consigliere Dott. Iannello Emilio.

 

Fatto

RILEVATO

che:

la Corte d’Appello di Napoli – nel decidere sui contrapposti gravami proposti avverso la sentenza del Tribunale di Benevento che aveva dichiarato inammissibili o rigettato le domande di risarcimento (e connessa garanzia) reciprocamente avanzate dalle parti in epigrafe in relazione ai danni derivati da sinistro stradale – ha dichiarato inammissibile, per difetto di interesse, l’appello principale proposto da Generali Italia S.p.a. e, di conseguenza, inefficaci, ai sensi dell’art. 334 c.p.c., gli appelli incidentali proposti da altre parti, tra cui quello di I.F., ritenendoli “tutti tardivi”;

per la cassazione di tale sentenza propone ricorso, con unico mezzo, lo I., cui resiste, con controricorso, Axa Assicurazioni S.p.a.;

gli altri intimati sono rimasti tali;

il ricorso è stato avviato alla camera di consiglio non partecipata della sesta sezione civile a seguito di proposta del relatore, che è stata notificata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza della Corte.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con l’unico motivo il ricorrente denuncia “violazione e falsa applicazione degli artt. 333,334 e 343 c.p.c. nonchè disapplicazione dell’art. 327 c.p.c., error in procedendo ed error in iudicando”, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4;

deduce che il proprio gravame incidentale non poteva essere reputato tardivo, essendo stato proposto nel termine annuale di cui all’art. 327 c.p.c. rispetto alla data di pubblicazione della sentenza del tribunale, e nel rispetto del termine di cui all’art. 343 c.p.c., senza che potesse in alcun modo ricollegarsi alla notificazione dell’appello principale l’effetto di far decorrere il termine breve di cui all’art. 325 c.p.c.;

ritenuto che sulla questione in tali termini prospettata dal ricorrente si registrano, nella giurisprudenza di legittimità, orientamenti contrastanti;

che ad un indirizzo tradizionale, che che nega l’equipollenza, per il destinatario, ai fini del decorso del termine, tra notifica della sentenza e notifica dell’impugnazione (v. Cass. 04/12/2018, n. 31251; 05/08/2010 n. 18184; 19/07/2002, n. 10535, in obiter; Cass. 13/03/1997, n. 2250; 20/06/1996, n. 5711; 26/08/1993, n. 9022), si contrappone un orientamento, di recente ancora seguito, che tale equipollenza invece afferma (v. Cass. n. 474 del 10/01/2019; n. 17309 del 13/07/2017; n. 7261 del 22/03/2013; n. 14267 del 19/06/2007; n. 11176 del 12/11/1993);

che si rende necessario pertanto rimettere la causa, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., comma 3, alla sezione semplice perchè sia trattata in pubblica udienza.

P.Q.M.

La Corte, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., comma 2, rimette la causa alla pubblica udienza della sezione semplice.

Così deciso in Roma, il 12 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 13 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA