Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3605 del 14/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 1 Num. 3605 Anno 2018
Presidente: DIDONE ANTONIO
Relatore: TERRUSI FRANCESCO

sul ricorso 17523/2014 proposto da:
Fallimento della Mostarda S.r.l. in Liquidazione, in persona del
curatore fallimentare rag. Giacobone Gabriele, elettivamente
domiciliato in Roma, Viale Mazzini n.6, presso lo studio dell’avvocato
Lupis Stefano, che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato
Ferrari Marco Dino, Peluso Simona, giusta procura in calce al ricorso;
-ricorrente contro

Data pubblicazione: 14/02/2018

Nordiconad S.c.a.r.I., in persona del Direttore Generale pro
tempore, elettivamente domiciliata in Roma, Piazza del Popolo n.18,
presso lo studio dell’avvocato Ribaldone Maria Elena, che la
rappresenta e difende unitamente all’avvocato Lanero Pilade, giusta

– controricorrente nonchè contro

Guido Francesca, elettivamente domiciliata in Roma, Via Ugo De
Carolis n.34-b, presso lo studio dell’avvocato Cecconi Maurizio, che
la rappresenta e difende unitamente agli avvocati Villani Renato,
Villani Giorgio, D’Alessandro Stefania, giusta procura in calce al
controricorso;
– controricorrente nonchè contro

Siri Aldo, elettivamente domiciliato in Roma, Via Emilia n.88,
presso lo studio dell’avvocato Vinti Stefano, rappresentato e difeso
dall’avvocato Curti Massimo, giusta procura a margine del
controricorso;
– controricorrente nonchè contro

Dapelo Giulio,

Bogliolo Giorgio,

Pellerano Giovanni Filippo,

elettivamente domiciliati in Roma, Via S. Agatone Papa n.50, presso
lo studio dell’avvocato Mele Caterina, che li rappresenta e difende
unitamente all’avvocato Foppiano Ubaldo, giusta procura in calce al
controricorso;

procura a margine del controricorso;

-controricorrenti avverso la sentenza n. 474/2014 della CORTE D’APPELLO di
GENOVA, depositata il 08/04/2014;
udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale ANNA
MARIA SOLDI che ha concluso per l’estinzione del giudizio per
rinuncia;
udito, per i controricorrenti Dapelo + altri, l’Avvocato Alessia
Francois, con delega, che accetta la rinuncia già depositata.

Rilevato che:
la curatela del fallimento di Mostarda s.r.l. in liquidazione ha proposto
ricorso per cassazione avverso la sentenza della corte d’appello di
Genova, depositata 1’8-4-2014, che ha definito il giudizio relativo a
un’azione di responsabilità nei confronti degli amministratori della
fallita;
gli intimati hanno replicato con controricorso.
Considerato che:
in prossimità dell’udienza la curatela ha depositato un atto di rinuncia
al ricorso, previamente notificato alle parti controricorrenti;
la rinuncia è stata accettata da tutti, meno la società Nordiconad
coop. a r.l. e Aldo Siri;
la mancata accettazione non rileva ai fini della pronuncia di
estinzione, salva una possibile valenza in ordine alle spese
processuali (art. 391, secondo comma, cod. proc. civ.);
va quindi dichiarata l’estinzione del giudizio, mentre non si ravvisa,
attesa la complessità della causa, la sussistenza dei presupposti per
la condanna alle spese del giudizio di cassazione.

25/10/2017 dal cons. FRANCESCO TERRUSI;

p.q.m.
La Corte dichiara estinto il giudizio.

Deciso in Roma, nella camera di consiglio della prima sezione

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA