Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3570 del 14/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 3 Num. 3570 Anno 2018
Presidente: SPIRITO ANGELO
Relatore: ROSSETTI MARCO

ORDINANZA INTERLOCUTORIA
sul ricorso 2163-2015 proposto da:
AVIVA ITALIA SPA, in persona del Procuratore Speciale
Chief Operating Office Dr. ANDREA AMADEI,
elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DUILIO, 7,
presso lo studio dell’avvocato MASSIMO MARETTO, che
la rappresenta e difende unitamente all’avvocato
t

MICHELANGIOLO PANEBARCO giusta procura speciale in
calce al ricorso;
– ricorrente –

2017
contro

2322

GIOVANNINI KATIUSCIA, elettivamente domiciliata in
ROMA,

VIA C.

MIRABELLO 18,

presso lo studio

dell’avvocato UMBERTO RICHIELLO, che la rappresenta e

Il

Data pubblicazione: 14/02/2018

difende unitamente all’avvocato ALESSANDRO ANTICHI
giusta procura speciale in calce al controricorso;
– controricorrente

avverso la sentenza n. 1293/2014 della CORTE
D’APPELLO di FIRENZE, depositata il 23/07/2014;

consiglio del 29/11/2017 dal Consigliere Dott. MARCO
ROSSETTI;
lette le conclusioni scritte del Pubblico Ministero,
in persona del Sostituto Procuratore Generale dott.
CORRADO MISTRI, che ha chiesto la declaratoria di
parziale inammissibilità e comunque il rigetto del
ricorso;

2

udita la relazione della causa svolta nella camera di

Itte

212.5

R.G.N.
Udienza del 29 novembre
2017

La Corte:
– rilevato che la sentenza impugnata è stata notificata alla società
odierna ricorrente a mezzo PEC;
– rilevato che la società ricorrente ha depositato agli atti, ai fini
dell’assolvirnento dell’onere di produzione del provvedimento

suo difensore, priva dell’attestazione di conformità della stampa qui
prodotta all’originale ricevuto dal ricorrente;
– rilevato che l’idoneità (o l’inidoneità) di tale deposito a soddisfare
l’onere richiesto, a pena di improcedibilità, dall’art. 369 c.p.c., è
questione recentemente sottoposta all’esame delle Sezioni Unite di
questa Corte con ordinanza interlocutoria 20.12.2017 n. 30622;
– ritenuto, di conseguenza, che sia opportuno rinviare la causa a nuovo
ruolo, nell’attesa che su tale pregiudiziale questione si pronuncino le
Sezioni Unite;
p.q.m.
rinvia la causa a nuovo ruolo;
manda alla Cancelleria di comunicare alle parti la data della nuova
udienza di discussione.
Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Terza Sezione civile

impugnato, la stampa del messaggio di posta elettronica pervenuto al

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA