Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3563 del 14/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 5 Num. 3563 Anno 2018
Presidente: CHINDEMI DOMENICO
Relatore: CASTORINA ROSARIA MARIA

ORDINANZA

sul ricorso 6841-2013 proposto da:
AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro
tempore, elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI
PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO
STATO, che lo rappresenta e difende;
– ricorrente contro

PICCIOLINI
2018
237

MARIA

PATRIZIA,

ANDREUCCI

ROBERTO,

ANDREUCCI MARTINA, ANDREUCCI GIOVANNA, domiciliati in
ROMA PIAZZA CAVOUR presso la cancelleria della CORTE
DI CASSAZIONE, rappresentati e difesi dall’Avvocato
MASSIMO MORCELLA;
– resistenti con atto di costituzione –

avverso la sentenza n. 11/2011 della COMM.TRIB.REG. di

Data pubblicazione: 14/02/2018

PERUGIA, depositata il 27/01/2011;
udita la relazione della causa svolta nella camera di
consiglio del 25/01/2018 dal Consigliere Dott. ROSARIA

MARIA CASTORINA.

RGR 6841/13

L’Agenzia delle entrate ha proposto ricorso per la cassazione della
sentenza resa dalla CTR dell’Umbria n.11/02/11 del 15.12.2010,
depositata il 27.1.2011 che riformava la sentenza della CTP di Terni
del 14.12.2007 n.233/04/2007 e accoglieva il ricorso del contribuente
dichiarando l’illegittimità del provvedimento di revoca delle

a suo tempo godute da Andreucci Roberto.
La CTR aveva ritenendo sussistenti i requisiti ancorchè attestati
da un certificato depositato oltre il termine triennale di legge.
Resisteva Roberto Andreucci con controricorso.
Con memoria del 9.1.2018 si sono costituiti in prosecuzione gli
eredi di Roberto Andreucci, frattanto deceduto, riportandosi alle
difese da quest’ultimo spiegate.
1.La ricorrente lamenta la violazione e falsa applicazione degli
artt.3 e 4 I.n.604/1954 in relazione all’art. 360 comma 1 c.p.c.
conseguente al’avere la CTR ritenuto sufficienta la certificazione in
narrativa indicata benchè depositata oltre il termine di legge.
la. Il motivo è fondato. Ed invero, in tema di agevolazioni

tributarie, il contribuente che intenda fruire dei benefici per la piccola
proprietà contadina e che all’atto della registrazione si sia limitato a
produrre l’attestazione di cui all’art. 4, comma 1, della I. n. 604 del
1954, in luogo del certificato previsto dall’art. 3, è tenuto, ai sensi
dell’art. 4, comma 2, a presentare il certificato dell’ispettorato agrario
attestante il possesso dei requisiti prescritti entro il termine, stabilito
a pena di decadenza, di tre anni dalla registrazione dell’atto (cfr.Cass.
n. 15489 del 26/07/2016, Cass. n. 25438 del 17/12/2015; Cass. n.
21050 del 08/10/2007).

agevolazioni tributarie previste in tema di piccola proprietà contadina

RGR 6841/13

2.La giurisprudenza di questa Corte ha avuto modo di chiarire che
in tema di agevolazioni fiscali per la piccola proprietà contadina
stabilite dalla I. n. 604 del 1954, il contribuente che non adempia
l’obbligo di produrre all’Ufficio il certificato definitivo attestante la sua
qualifica di imprenditore agricolo professionale entro il termine

diritto ai benefici ove provi di aver diligentemente agito per
conseguire la certificazione in tempo utile senza riuscire nello scopo
per colpa degli uffici competenti. Detta diligenza, che deve essere
adeguata alle circostanze concrete, richiede al contribuente non solo
di formulare tempestivamente l’istanza ma anche di seguirne l'”iter”,
fornendo la documentazione mancante eventualmente richiesta
dall’ufficio (Cass.n.9842/2017).
3.0rbene, nel caso che ne occupa, la CTR ha riconosciuto la
legittimità dell’agevolazione applicata al contribuente in relazione al
rogito stipulato il 25.5.1999 e registrato il 14.6.1999 sull’unico rilievo
che la certificazione prodotta dal contribuente (attestato dell’Inps
dell’11.12.2003, attestato della Comunità Montana del 22.12.2003 e
certificazione Asl del 23.7.2007) fosse idonea ad accertare il
possesso dei requisiti anche se presentata all’Agenzia delle entrate in
epoca successiva alla scadenza del termine triennale.
4.Tale prospettiva è disattesa dalla giurisprudenza di questa
Corte, secondo cui detta agevolazione presuppone il deposito entro
tre anni della certificazione definitiva pena l’esclusione del beneficio,
nemmeno qui facendosi questione dell’eventuale inerzia dell’ufficio
preposto al rilascio della stessa.
Il Collegio non ha ragione di discostarsi da tale orientamento.

decadenziale di tre anni dalla registrazione dell’atto, non perde il

RGR 6841/13

Né rileva, in questa sede, la causa di forza maggiore labialnnente
allegata dagli eredi del contribuente.
Ne consegue l’accoglimento del ricorso e la cassazione della
sentenza impugnata. Ricorrendone le condizioni, in quanto non
debbono essere compiuti accertamenti di merito ai sensi dell’art 384

introduttivo del contribuente.
Le spese del giudizio di merito possono essere compensate in
considerazione dell’evoluzione nel tempo della giurisprudenza.
Le spese del presente giudizio di legittimità seguono la
soccombenza.
P.Q.M.
Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e, decidendo nel
merito, rigetta il ricorso introduttivo del contribuente.
Compensa le spese del giudizio di merito.
Condanna parte soccombente al pagamento delle spese del
presente giudizio di legittimità che liquida in €2.300,00 oltre
accessori.
Così deciso nella Camera di Consiglio del 25.1.20
Il Presid,nte

DEPOIT5TptiNnC

fl Direttor
Stefa

LLERIA

ministrativo

LUMBO

cpc, la causa può essere decisa nel merito con il rigetto del ricorso

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA