Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 356 del 13/01/2021

Cassazione civile sez. VI, 13/01/2021, (ud. 15/10/2020, dep. 13/01/2021), n.356

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. GIAIME GUIZZI Stefano – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 25140-2019 proposto da:

COMUNE DI SAN GREGORIO D’IPPONA, in Commissario pro tempore,

elettivamente domiciliato persona del in ROMA, PIAZZA CAVOUR presso

la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e difeso

dall’Avvocato FRANCESCO IZZO;

– ricorrente –

contro

B.A.I., in qualità di genitori esercenti la patria

potestà sul minore B.W., elettivamente domiciliati in ROMA,

PIAZZA CAVOUR presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE,

rappresentati e difesi dall’Avvocato MARIA GRAZIA PIANURA;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 639/2019 della CORTE D’APPELLO di CATANZARO,

depositata il 27/03/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 15/10/2020 dal Consigliere Relatore Dott. STEFANO

GIAIME GUIZZI.

 

Fatto

RITENUTO IN FATTO

– che il Comune di San Gregorio d’Ippona ricorre, sulla base di un unico motivo, per la cassazione della sentenza n. 639/19, del 27 marzo 2019, della Corte di Appello di Catanzaro, che – dichiarato inammissibile l’appello dallo stesso esperito contro la sentenza n. 466/16, del 1 luglio 2016, del Tribunale di Vibo Valentia -confermava la condanna dell’odierno ricorrente a risarcire a B.W., in persona dei genitori B.M. e A.I., nonchè ai medesimi in proprio e nella suddetta qualità, i danni conseguenti al sinistro occorso al minore il 14 agosto 2010;

– che, in punto di fatto, il ricorrente riferisce di essere stato convenuto in giudizio affinchè fosse affermata la propria responsabilità in relazione ad incidente subito dal minore B.W., con conseguente condanna a risarcire, allo stesso e ai propri genitori, i danni subiti;

– che accolta la domanda dal Tribunale vibonese, il gravame esperito dal convenuto soccombente avverso tale decisione (dopo che della stessa era stata sospesa l’efficacia esecutiva, in accoglimento dell’istanza di inibitoria) veniva dichiarato inammissibile per tardività;

– che avverso la sentenza della Corte catanzarese (impugnata, peraltro, anche per revocazione ex art. 395 c.p.c., comma 4) ricorre per cassazione il Comune di San Gregorio d’Ippona, sulla base – come detto – di un unico motivo;

– che esso denunzia – ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, nn. 3) e 5), – violazione e falsa applicazione dell’art. 149 c.p.c.;

– che, difatti, essendo la notifica dell’appello avvenuta a mezzo posta, consegnato dall’allora appellante all’Ufficio postale di Catanzaro, in data 23 gennaio 2017, il plico da notificare, il termine ex art. 327 c.p.c., destinato a scadere il 1 febbraio 2017, sarebbe stato pienamente rispettato, essendo irrilevante – per il noto principio della scissione soggettiva del momento perfezionativo del procedimento notificatorio – la circostanza che lo stesso venne recapitato al destinatario solo il 7 febbraio 2017;

– che i genitori di B.W., B.M. ed A.I., ha resistito con controricorso all’avversaria impugnazione, chiedendo che la stessa venga dichiarata inammissibile o comunque rigettata;

– che la proposta del relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata ritualmente comunicata alle parti, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio per il 15 ottobre 2020.

Diritto

CONSIDERATO IN DIRITTO

– che il difensore del ricorrente ha fatto pervenire “dichiarazione di cessata materia del contendere”, in ragione di “intervenuto accordo transattivo tra le parti”;

– che alla stessa, tuttavia, risulta allegata esclusivamente una delibera comunale che approva uno “schema di transazione” tra le parti del presente giudizio;

– che sussiste, pertanto, la necessità di acquisire copia della transazione sottoscritta dalle parti, anche al fine di provvedere sulle spese del presente giudizio.

– che sussiste, pertanto, la necessità di acquisire copia della transazione sottoscritta dalle parti, anche al fine di provvedere sulle spese del presente giudizio.

PQM

La Corte rinvia il giudizio a nuovo ruolo, per acquisizione di copia della transazione sottoscritta dalle parti, da prodursi a cura del ricorrente nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza.

In caso di diffusione del presente provvedimento omettere le generalità e gli altri dati identificativi a norma del D.Lgs. n. 196 del 2003, art. 52, in quanto imposto dalla legge.

Depositato in Cancelleria il 13 gennaio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA