Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3559 del 13/02/2020

Cassazione civile sez. III, 13/02/2020, (ud. 10/12/2019, dep. 13/02/2020), n.3559

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TERZA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. RUBINO Lina – Consigliere –

Dott. POSITANO Gabriele – Consigliere –

Dott. VALLE Cristiano – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 27437-2018 proposto da:

F.A., elettivamente domiciliata in ROMA, V.LE CASTRO

PRETORIO, 122, presso lo studio dell’avvocato MARIO VALENTINI,

rappresentata e difesa dagli avvocati GIAN LUCA GROSSI, ERMANNO

VAGLIO;

– ricorrente –

contro

I.M., D.F.V., elettivamente domiciliati in

ROMA, VIA CRESCENZIO, 58, presso lo studio dell’avvocato SAVINA

BOMBOI, che li rappresenta e difende unitamente agli avvocati

RAIMONDA PESCI FERRARI, BRUNO COSSU;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2215/2017 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 22/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

10/12/2019 dal Consigliere Dott. GIUSEPPE CRICENTI.

Fatto

FATTI DI CAUSA

La ricorrente, F.A., ha intimato fratto per morosità a I.M. e D.F.V., le quali, per contro, hanno negato ogni proprio inadempimento, invocando l’applicazione al contratto di locazione del D.Lgs. n. 23 del 2011, art. 3, comma 8, lett. c).

In sostanza, hanno sostenuto che avrebbero dovuto corrispondere il canone nella misura del triplo della rendita catastale e non già il canone pattuito, che era maggiore di quell’altro.

Il Giudice di primo grado ha escluso l’applicazione del canone di legge (D.Lgs. n. 23 del 2011) ed ha, all’esito del giudizio di merito, risolto il contratto per inadempimento e condannato le conduttrici al versamento dei canoni non corrisposti.

Invece, il giudice di appello ha riformato la decisione di primo grado, ritenendo applicabile la suddetta L. n. 23 del 2011, sul presupposto che la successiva L. n. 208 del 2015, preso atto della dichiarata incostituzionalità in parte qua della L. n. 23 del 2011, ha comunque assoggettato alla disciplina di favore per i conduttori i contratti non registrati entro sessanta giorni dalla entrata in vigore della L. n. 23 del 2011.

La locatrice, F.A., ricorre con un motivo di censura.

V’è controricorso delle conduttrici, che chiedono il rigetto della impugnazione. La ricorrente deposita memoria.

Il ricorso pone questioni la cui soluzione è controversa, e suscettibile di soluzioni diverse, in ordine alla interpretazione della norma suddetta ed al rilievo che si attribuisce al termine peri la registrazione.

P.Q.M.

Rinvia la causa alla trattazione in pubblica udienza.

Così deciso in Roma, il 10 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 13 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA