Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 351 del 10/01/2018

Cassazione civile, sez. lav., 10/01/2018, (ud. 17/10/2017, dep.10/01/2018),  n. 351

Fatto

FATTI DI CAUSA

Con sentenza n. 260/2012 la Corte d’appello di Firenze rigettava il gravame dell’Inps avverso la sentenza che aveva accolto la domanda avanzata da V.T.A. dichiarando irripetibili le somme richieste dall’Istituto.

A fondamento della sentenza la Corte rilevava che le somme in questione erano costituite dai ratei di pensione di anzianità che l’Inps aveva erogato a seguito di domanda di pensione (del 12 aprile 2001) nella quale il V.T. dichiarava la cessazione del rapporto di lavoro in data 31 marzo 2001 mentre in realtà esso era ripreso nelle identiche modalità con il medesimo datore di lavoro il giorno successivo; aggiungeva che in data 13 marzo 2006 l’appellato aveva presentato domanda di supplemento della pensione in godimento in forza dei contributi versati in seguito al pensionamento e che, dopo i conseguenti accertamenti, l’Inps aveva revocato la pensione di anzianità. Ciò posto, la Corte dichiarava l’irripetibilità delle somme in oggetto in forza della normativa in tema di indebito previdenziale, vale a dire L. n. 88 del 1989, L. n. 412 del 1991, ex artt. 52 e 13, essendo pacifico che l’Inps fosse stato messo a conoscenza della prosecuzione del rapporto di lavoro, poichè gli era stato regolarmente comunicato così come erano stati versati i relativi contributi.

Contro la sentenza ha proposto ricorso per cassazione l’Inps con un motivo. V.T.A. si è costituito col rilascio di procura al fine di partecipare l’udienza di discussione.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. – Con l’unico motivo di ricorso l’INPS denuncia la violazione e falsa applicazione della L. n. 88 del 1989, art. 52, comma 2, e della L. n. 412 del 1991, art. 13, (in relazione all’art. 360 c.p.c., n. 3). Secondo l’Inps, data l’inesistenza del titolo e del diritto a pensione, i ratei indebitamente versati al pensionato erano da dichiarare ripetibili, dovendo applicarsi in via analogica la stessa soluzione che la giurisprudenza (Sezioni Unite n. 12194 del 13/8/2002) aveva individuato per il lavoratore licenziato che percepisca la pensione e poi venga reintegrato a seguito di dichiarazione di illegittimità del licenziamento la L. n. 300 del 1970, ex art. 18,essendo egli tenuto a restituire quanto percepito medio tempore a titolo di pensione.

L’Inps dava atto che sotto il vigore della L. n. 88 del 1989, art. 52, la giurisprudenza aveva applicato la disciplina dell’irripetibilità dell’indebito anche a casi di insussistenza del diritto a pensione, ma solo (Cass. 4085/2009) in quanto rispondente alla necessità della tutela del minimo vitale, intesa come funzione posta a base della disciplina dell’indebito pensionistico all’indomani dell’introduzione dell’art. 52 cit.; condizione che nel caso in esame era insussistente avendo il pensionato continuato a percepire la retribuzione.

2. – Il motivo di ricorso è infondato. Anzitutto va rilevato secondo la disciplina applicabile alla fattispecie, costituita dal L. n. 412 del 1991, art. 13, l’irripetibilità delle somme è prevista anche nel caso in cui l’indebito si produca per mancanza del diritto a pensione e non soltanto in relazione al quantum della pensione.

Non si può quindi estendere al caso di specie la soluzione individuata nell’ipotesi in cui il diritto a pensione venga meno insieme al licenziamento, a seguito di reintegra L. n. 300 del 1970, ex art. 18, la quale non può essere considerata espressione di un principio di carattere generale o comunque idoneo a sovrapporsi sulla speciale disciplina di settore in discorso.

3. – Inoltre la medesima normativa non consente la ripetibilità dell’indebito in quanto manchi il dolo dell’interessato; al quale è equiparata l’omessa od incompleta segnalazione da parte del pensionato di fatti incidenti sul diritto o sulla misura della pensione goduta, che non siano già conosciuti dall’ente.

4. – Nel caso in esame, secondo la sentenza impugnata, la continuazione del rapporto era stata regolarmente comunicata all’Inps ed erano stati versati i relativi contributi; tutti fatti incompatibili con il diritto a pensione. Talchè il pensionato non aveva omesso di comunicare nulla. Nè la sentenza è stata impugnata in fatto, in relazione alla individuazione del dolo del pensionato che consente in ogni caso la totale ripetibilità dell’indebito. Si tratta perciò di un indebito dovuto ad errore imputabile all’Istituto, posto a conoscenza dei fatti relativi alla insussistenza dei requisiti per il diritto a pensione.

5. Quanto al fatto che il pensionato in questione abbia pure percepito la retribuzione nello stesso periodo di tempo, va rilevato che la L. n. 412 del 1991, art. 13,(come prima la L. n. 88 del 1989, art. 52, comma 2) non attribuisce alcuna rilevanza alle condizioni reddituali del pensionato percettore di prestazioni pensionistiche non dovute. Alle quali invece il legislatore ha attribuito rilievo con la L. 23 dicembre 1996, n. 662 e L. 28 dicembre 2001, n. 448, attraverso una disciplina di carattere globalmente sostitutivo di quella prevista dalle disposizioni sopra richiamate, da applicarsi in via transitoria soltanto ai pagamenti indebiti di prestazioni previdenziali anteriori al 1996 ed al 2001. Talchè per i pagamenti indebiti di pensione effettuati dal 1 gennaio 2001 trova di nuovo applicazione la disciplina di regime di cui alla L. n. 412 del 1991, art. 13, in base alla quale non è consentito rendere incondizionata la ripetibilità dell’indebito per la sola presenza di determinate soglie di reddito del pensionato.

6. In forza delle considerazioni che precedono il ricorso deve essere quindi rigettato e la parte ricorrente, rimasta soccombente, deve essere condannata al pagamento delle spese del giudizio di cassazione, liquidate in dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso e condanna l’INPS al pagamento delle spese processuali liquidate in complessive Euro 2200, di cui Euro 2000 per compensi professionali, oltre al 15% di spese generali ed accessori di legge.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 17 ottobre 2017.

Depositato in Cancelleria il 10 gennaio 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA