Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3502 del 09/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. VI, 09/02/2017, (ud. 27/10/2016, dep.09/02/2017),  n. 3502

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. IACOBELLIS Marcello – Presidente –

Dott. MOCCI Mauro – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – rel. Consigliere –

Dott. CRUCITTI Roberta – Consigliere –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 4592-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE, (OMISSIS), in persona del Direttore pro

tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12,

presso L’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la rappresenta e

difende ope legis:

– ricorrente –

contro

Z.E., elettivamente domiciliare in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’avvocato GIOVANNI

PASSERO, giusta procura in calce alla nomina di nuovo difensore;

– resistente –

avverso la sentenza n. 144/ 36/013 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE DEL PIEMONTE del 2/07/2013, depositata il 15/07/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

27/10/2016 dal Consigliere Relatore Dott. IOFRIDA GIULIA.

Fatto

IN FATTO

L’Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione, affidato a due motivi, nei confronti di Z.E. (che si è costituito al solo fine di chiedere la sollecita fissazione dell’udienza), avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Piemonte n. 144/36/2013, depositata in data 15/07/2013, con la quale in controversia concernente l’impugnazione del silenzio-rifiuto opposto dall’Amministrazione finanziaria ad istanza del contribuente (esercente la professione di geologo) di rimborso dell’IRAP versata negli anni d’imposta dal 2002 al 2004 – è stata confermata la decisione di primo grado, che aveva accolto il ricorso del contribuente.

In particolare, i giudici d’appello, nel respingere il gravame dell’Agenzia delle Entrate, hanno sostenuto che non sussisteva una significativa ed autonoma organizzazione, in quanto anche “i compensi a terzi non sono sicuramente tali fare ritenere sussistente un rapporto di lavoro dipendente mascherato, così come le spese appaiono modeste rispetto ai ricavi”.

A seguito di deposito di relazione ex art. 380 bis c.p.c., è stata fissata l’adunanza della Corte in camera di consiglio, con ruituale comunicazione alle parti. Si dà atto che il Collegio ha disposto la redazione della ordinanza con motivazione semplificata.

Diritto

IN DIRITTO

1. La ricorrente lamenta, con il primo motivo, la violazione o falsa applicazione, ex art. 360 c.p.c., n. 3, del D.Lgs. n. 446 del 1997, artt. 2 e 3 e art. 2697 c.c., avendo i giudici d’appello violato sia le regole di riparto dell’onere probatorio, sia la normativa IRAP in ordine al presupposto impositivo, avendo ritenuto rilevante, ai fini della sussistenza dell’autonoma organizzazione, il solo utilizzo di lavoratori dipendenti. Con il secondo motivo, la ricorrente denuncia, ex art. 360 c.p.c., n. 5, l’omesso esame ovvero l’omessa, insufficiente motivazione su fatto discusso e decisivo, rappresentato dagli elevati compensi, tra Euro 111.604,00 ed Euro 147.611,00″) corrisposti a collaboratori esterni (alcuni utilizzati in maniera fissa e continuativa negli anni d’imposta in contestazione) operanti nel medesimo settore professionale, nonchè dalle spese per locazione beni mobili, immobili ed altro, di valore non trascurabile.

2. La prima censura è fondata, nei sensi di cui appresso, con assorbimento della seconda.

A norma del combinato disposto del D.Lgs. 13 dicembre 1997, n. 446, art. 2, comma 1, primo periodo, e art. 3, comma 1, lett. c), l’esercizio delle attività di lavoro autonomo di cui al D.P.R. n. 917 del 1986, art. 49, comma 1, è escluso dall’applicazione dell’IRAP solo qualora si tratti di attività non autonomamente organizzata ed il requisito della autonoma organizzazione – il cui accertamento spetta al giudice di merito ed è insindacabile in sede di legittimità solo se congruamente motivato – ricorre quando il contribuente, per quanto qui interessa, impieghi beni strumentali eccedenti, secondo l’id quod plerumque accidit, il minimo indispensabile per l’esercizio dell’attività in assenza di organizzazione oppure si avvalga in modo non occasionale di lavoro altrui (v. S. U. n. 12109 del 2009). Le Sezioni Unite di questa Corte, da ultimo (Cass. 9451/2016), hanno precisato che “in tema di imposta regionale sulle attività produttiva, il presupposto dell’autonoma organizzazione” richiesto dal D.Lgs. n. 446 del 1997, art. 2 non ricorre quando il contribuente responsabile dell’organizzazione impieghi beni strumentali non eccedenti il minimo indispensabile dell’attività e si avvalga di lavoro altrui non eccedente l’impiego di un dipendente con mansioni esevutive”.

Con riguardo specifico all’impiego non occasionale di lavoro altrui, questa Corte (Cass. 22674/2014; Cass. 370/2010; Cass. 93761/7010) ha affermato che “in tema di IRAP, l’impiego non occasionale di lavoro altrui costituente una delle possibili condizioni che rende con configurabile un’autonoma organizzazione, sussiste se il professionista eroga elevati compensi a terzi per prestazioni afferenti l’esercizio della propria attività, restando indifferente il mezzo giuridico utilizzato e, cioè, il ricorso a lavoratori dipendenti, a una società di servizi o un’associazione professionale”.

La sentenza della C.t.R. – pur non risultando violato il principio dell’onere probatorio ex art. 2697 c.c., (prova dell’insussistenza dell’autonoma organizzazione, a carico del contribuente, che agisca per il rimborso dell’imposta versata), potendo gli elementi fattuali utili emergere anche dall’istanza di rimborso e dai quadri IRAP delle dichiarazioni a suo tempo presentate – none conforme ai suddetti principi di diritto, non avendo vagliato correttamente il profilo degli elevati compensi corrisposti a terzi, limitandosi a rilevare “l’assenza di un rapporto di lavoro dipendente mascherato”. 3. Per tutto quanto sopra esposto, in accoglimento del primo motivo del ricorso (assorbito il secondo), va cassata la sentenza impugnata, con rinvio alla C.T.R. del Piemonte, in diversa composizione, anche in ordine alla liquidazione delle spese del presente giudizio di legittimità.

PQM

La Corte accoglie il primo motivo del ricorso, assorbito il secondo, cassa la sentenza impugnata, con rinvio, anche in ordine alla liquidazione delle spese del presente giudizio di legittimità, alla C.T.R. del Piemonte.

Così deciso in Roma, il 27 ottobre 2016.

Depositato in Cancelleria il 9 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA