Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3481 del 15/02/2010

Cassazione civile sez. II, 15/02/2010, (ud. 15/01/2010, dep. 15/02/2010), n.3481

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIOLA Roberto Michele – Presidente –

Dott. MALZONE Ennio – rel. Consigliere –

Dott. MAZZIOTTI DI CELSO Lucio – Consigliere –

Dott. GOLDONI Umberto – Consigliere –

Dott. BURSESE Gaetano Antonio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 1119-2005 proposto da:

C.F. (OMISSIS), elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA DI VAL GARDENA 3, presso lo studio dell’avvocato DE ANGELIS

LUCIO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

e contro

CURATELA FALL. REFRAIN SELF 33 (OMISSIS) in persona del Curatore

pro

tempore DR. M.F.;

– intimato –

avverso il provvedimento n. 159/93 del TRIBUNALE di NAPOLI,

depositata il 12/11/2004;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

15/01/2010 dal Consigliere Dott. ENNIO MALZONE;

udito l’Avvocato TERZINO Attilio, con delega depositata in udienza

dell’Avvocato DE ANGELIS Lucio, difensore del ricorrente che ha

chiesto accoglimento del ricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

RUSSO Libertino Alberto che ha concluso per l’inammissibilità in

subordine rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Il Tribunale di Napoli,sezione fallimentare, con decreto in data 12 nov. 2004, respingeva il reclamo ex art. 26, L. Fall. proposto dall’ avv. C.F. avverso l’ordinanza di liquidazione dei compensi professionali emessa dal G.D. al Fall. della società REFRAIN Self 33 in favore dello stesso avvocato per l’attività svolta nella causa promossa dalla Curatela del Fallimento nei confronti nella società SEI spa nel giudizio di revocazione dei pagamenti effettuati in favore della stessa nei due anni precedenti alla dichiarazione di fallimento, chiusosi in senso sfavorevole alla Curatela con sentenza della Corte di Appello di Napoli n. 520/99, passata in giudicato, perchè non impugnata.

Riteneva il Tribunale che il compenso liquidato dal G.D. in favore dello stesso avvocato era da ritenersi congruo in quanto era pari a quanto da lui richiesto per il giudizio di secondo grado e a quanto liquidato in suo favore dal Tribunale nella relativa sentenza di merito per giunta non impugnata sul punto. Per la cassazione della decisione ricorre l’Avv. C. affidandosi a un solo motivo:violazione della L. 13 giugno 1942, n. 794, art. 24 per mancata indicazione del criterio di liquidazione adottato e per la mancata specificazione delle ragioni della riduzione apportate alla parcella, come tali implicanti il vizio di motivazione in quanto non permetterebbe alla parte interessata di denunciare specifiche violazioni della legge e della tariffa.

La doglianza incontra il vizio di autosufficienza del ricorso per la mancata specificazione delle voci per diritti e spese che sarebbero stati liquidati in misura inferiore ai minimi tariffari.

Ed infatti, il ricorrente si sofferma sulle somme liquidate nel giudizio di merito, ma non specifica quale fosse il valore della causa nè quali avrebbero dovuti essere i coefficienti applicabili per diritti in relazione al valore della controversia e nemmeno quali delle spese non sarebbero state liquidate.

D’altro canto,nemmeno si sostiene che siano stati violati i minimi tariffari per le competenze di procuratore e per gli onorari di avvocato in relazione ai quali esiste l’obbligo del giudicante di non discostarsi dai medesimi.

Il ricorso, per le suddette ragioni, va quindi rigettato e con esonero dalla statuizione sulle spese del presente giudizio in ragione dell’assenza della intimata Curatela.

P.Q.M.

rigetta il ricorso.

Così deciso in Roma, il 15 gennaio 2010.

Depositato in Cancelleria il 15 febbraio 2010

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA