Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3473 del 09/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. lav., 09/02/2017, (ud. 22/11/2016, dep.09/02/2017),  n. 3473

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NAPOLETANO Giuseppe – Presidente –

Dott. MANNA Antonio – Consigliere –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – rel. Consigliere –

Dott. BALESTRIERI Federico – Consigliere –

Dott. PATTI Adriano Piergiovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28733/2014 proposto da:

G.G., C.F. (OMISSIS), L.G. C.F. (OMISSIS),

elettivamente domiciliati in ROMA, VIA GIUSEPPE FERRARI 2, presso lo

studio dell’avvocato GIORGIO ANTONINI, rappresentati e difesi

dall’avvocato PIERGIOVANNI ALLEVA, giusta delega in atti;

– ricorrenti –

contro

AUTOSTRADE PER L’ITALIA S.P.A. P.I. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

L.G. FARAVELLI 22, presso lo studio dell’avvocato ENZO MORRICO, che

la rappresenta e difende, giusta delega in atti;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 779/2014 della CORTE D’APPELLO di BOLOGNA,

depositata il 06/06/2014 R.G.N. 848/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

22/11/2016 dal Consigliere Dott. PAOLO NEGRI DELLA TORRE;

udito l’Avvocato ANTONINI GIORGIO per delega verbale avvocato ALLEVA

PIERGIOVANNI;

udito l’Avvocato RIGANO’ GIOSEFAT per delega verbale avvocato MORRICO

ENZO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

FINOCCHI GHERSI Renato, che ha concluso per il rigetto del ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con sentenza n. 779/2014, depositata il 6 giugno 2014, la Corte di appello di Bologna, in accoglimento del gravame di Autostrade per l’Italia S.p.A. e in riforma della sentenza di primo grado del Tribunale di Bologna, rigettava le domande di G.G. e di L.G. per l’annullamento dei licenziamenti per giusta causa loro intimati in data 22/10/2009 per essere rimasti inattivi, per circa tre ore, trascorse presso il Centro di manutenzione di (OMISSIS), durante il turno di lavoro, quali “ausiliari addetti alla viabilità”, compreso tra le ore 22.00 del 16/9/2009 e le ore 6.00 del giorno successivo; per non avere dato avviso di tale interruzione di attività alla Sala Radio di Autostrade per l’Italia; per avere annotato nel rapporto di servizio un intervento di rimozione di ostacolo sulla sede autostradale in orario incompatibile con la sosta presso il Centro di manutenzione di (OMISSIS), risultando il periodo di inattività dalle registrazioni Telepass di entrata e uscita dal casello autostradale; per avere infine cessato l’esecuzione della prestazione alle ore 5.00 anzichè alle ore 6.00 del 17/9/2009.

La Corte di appello osservava come i fatti contestati, anche senza bisogno di esaminare la fondatezza dell’ultima mancanza oggetto di rilievo, fossero idonei a integrare la giusta causa di recesso, sia perchè, dal punto di vista oggettivo, accertati nella loro materialità, sia perchè, dal punto di vista soggettivo, non risultava che gli appellati avessero mai contattato la Sala Radio per informare di eventuali ragioni che potessero giustificare una sospensione dell’attività di pattugliamento loro affidata, mentre era stata dimostrata la registrazione, nel rapporto di servizio, di un intervento fittizio al solo fine di attestare lo svolgimento dell’attività durante il periodo di sosta. La Corte osservava poi che se era pur vero che il CCNL di settore prevedeva (all’art. 35) la mera sanzione conservativa per alcune delle mancanze contestate (quali osservare l’orario di lavoro e/o attenersi alle direttive fissate con gli ordini di servizio), era altresì vero che nella specie emergeva una pluralità di condotte intenzionalmente poste in essere al fine di sottrarsi ai propri obblighi lavorativi.

Hanno proposto ricorso per la cassazione della sentenza i lavoratori con tre motivi, assistiti da memoria; la società ha resistito con controricorso.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Con il primo motivo, deducendo violazione e falsa applicazione della L. n. 300 del 1970, art. 7, i ricorrenti censurano la sentenza impugnata per avere la Corte territoriale superato il sistema sanzionatorio, che costituisce un limite non valicabile dal datore di lavoro e dal giudico, delineato nell’art. 36 CCNL, il quale prevede, per la principale delle infrazioni contestate (interruzione temporanea della prestazione), una sanzione conservativa (art. 35).

Con il secondo motivo, deducendo la violazione del principio, secondo il quale la buona fede si presume (art. 1147 c.c.), i ricorrenti si dolgono che la Corte abbia ritenuto il carattere intenzionale delle due condotte “concorrenti” con quella (principale) costituita dall’interruzione temporanea della prestazione lavorativa, trascurando di porre in rilievo le eventuali prove evidenti ed indiscutibili di mala fede dei lavoratori nella realizzazione delle condotte suddette.

Con il terzo, deducendo violazione e falsa applicazione dell’art. 2106 c.c., i ricorrenti si dolgono che la Corte abbia ritenuto proporzionata la sanzione espulsiva rispetto alle infrazioni contestate, omettendo di considerare la circostanza che, nel pur lungo periodo di lavoro alle dipendenze della società, entrambi non avessero ricevuto alcuna sanzione. Il primo motivo risulta improcedibile, poichè, nell’inosservanza dell’art. 369 c.p.c., n. 4, i ricorrenti non hanno depositato copia del contratto collettivo (nè in forma integrale, nè per estratto), senza indicare neppure il luogo preciso in cui esso fu depositato nei gradi di merito (Sezioni Unite, n. 25038/2013).

Il secondo motivo è inammissibile, in quanto tende a promuovere una rilettura, da parte del giudice di legittimità, delle risultanze probatorie acquisite al giudizio, e per l’effetto una diversa soluzione del merito della controversia, vale a dire un’attività ed un esito che sono di esclusiva competenza del giudice di merito.

Il terzo motivo è infondato.

La Corte territoriale, infatti, chiamata a valutare se la sanzione fosse proporzionata ai fatti contestati, ha fatto corretta applicazione del consolidato principio di diritto, per il quale, nel compiere tale accertamento, il giudice di merito deve esaminare non soltanto le circostanze, che connotano le condotte sul piano oggettivo, ma anche gli aspetti soggettivi e, in particolare, l’elemento della intenzionalità, pervenendo, a conclusione di un rigoroso esame del materiale istruttorio, al convincimento di una pluralità di condotte dei lavoratori preordinate a sottrarsi all’adempimento dei propri obblighi e, pertanto, contrassegnate da una indubbia e oggettiva gravità, come tale idonea ad escludere la possibile rilevanza di altri eventuali elementi.

Il ricorso deve conseguentemente essere respinto.

Le spese seguono la soccombenza e si liquidano come in dispositivo.

PQM

la Corte rigetta il ricorso; condanna i ricorrenti al pagamento delle spese del presente giudizio di legittimità, liquidate in Euro 100,00 per esborsi e in Euro 4.000,00 per compensi professionali, oltre rimborso spese generali al 15% e accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 22 novembre 2016.

Depositato in Cancelleria il 9 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA