Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 34339 del 23/12/2019

Cassazione civile sez. trib., 23/12/2019, (ud. 14/11/2019, dep. 23/12/2019), n.34339

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – rel. Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – Consigliere –

Dott. FICHERA Giuseppe – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso iscritto al n. 9568 del ruolo generale dell’anno 2013

proposto da:

Sire s.r.l. con socio unico, incorporante Hollywood Party s.r.l., in

liquidazione, in persona del legale rappresentante pro tempore,

rappresentata e difesa, per procura speciale a margine del ricorso,

dagli Avv.ti Giancarlo Zoppini, Giuseppe Russo Corvace e Giuseppe

Pizzonia, elettivamente domiciliata in Roma, via della Scrofa, n.

57, presso lo studio del primo difensore;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa ex lege dall’Avvocatura generale dello Stato,

presso i cui uffici in Roma, via dei Portoghesi, n. 12, è

domiciliata;

– controricorrente –

per la cassazione della sentenza della Commissione tributaria

regionale del Lazio, n. 24/28/2012, depositata in data 20 febbraio

2012;

udita la relazione svolta nella Camera di Consiglio del 14 novembre

2019 dal Consigliere Dott. Triscari Giancarlo.

Fatto

RILEVATO

che:

dalla esposizione in fatto della sentenza impugnata si evince che: l’Agenzia delle entrate aveva emesso nei confronti di Hollywood Party s.r.l. un atto di contestazione con il quale aveva proceduto al parziale recupero dell’Iva chiesta a rimborso nell’anno 2003 e irrogato la relativa sanzione; avverso il suddetto atto impositivo la società aveva proposto ricorso che era stato rigettato dalla Commissione tributaria provinciale di Roma; avverso la pronuncia del giudice di primo grado la società aveva proposto appello;

il giudice del gravame ha rigettato l’appello, in particolare ha ritenuto che: con l’atto impositivo l’Agenzia delle entrate non aveva contestato il credito Iva maturato nelle annualità 2001, 2002 e 2003, ma aveva disconosciuto alcune operazioni portate a credito, in particolare le operazioni di cui alle fatture passive emesse dalla società Spolentini costruzioni s.r.l. e che erano state stornate per errata fatturazione, sicchè il credito Iva ad esse relativo non poteva concorrere ai fini della determinazione del credito Iva da chiedere a rimborso, atteso che il conseguente importo Iva versato all’erario non comportava il diritto del cessionario alla detrazione; per quanto concerneva la fattura emessa dall’Enel, la stessa, essendo relativa a consumi di energia elettrica, non era relativa ad acquisti di beni ammortizzabili, quindi la suddetta operazione non concorreva alla determinazione del credito Iva da chiedere in rimborso;

avverso la pronuncia del giudice del gravame ha proposto ricorso la società affidato a cinque motivi di censura, cui ha resistito l’Agenzia delle entrate depositando controricorso;

il Pubblico Ministero, in persona del Sostituto procuratore generale Dott.ssa Rita Sanlorenzo ha deposito le proprie conclusioni scritte con le quali ha chiesto l’accoglimento del ricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

in via preliminare ed assorbente va dato atto che in data 4 novembre 2019 Sire s.r.l., con socio unico, quale incorporante di Hollywood Party s.r.l., in liquidazione, ha depositato atto di rinuncia al ricorso, notificato alla controparte, a seguito della presentazione della dichiarazione di adesione alla definizione agevolata, ai sensi del D.L. n. 193 del 2016, art. 6, e del pagamento di quanto dovuto;

ritenuto che:

non sussistono circostanze ostative alla declaratoria di estinzione del giudizio, ai sensi dell’art. 391 c.p.c., con compensazione delle spese di lite.

P.Q.M.

La Corte:

dichiara l’estinzione del giudizio. Spese compensate.

Così deciso in Roma, il 14 novembre 2019.

Depositato in cancelleria il 23 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA