Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3432 del 12/02/2020

Cassazione civile sez. trib., 12/02/2020, (ud. 12/12/2019, dep. 12/02/2020), n.3432

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – rel. Consigliere –

Dott. CATALOZZI Paolo – Consigliere –

Dott. TRISCARI Giancarlo – Consigliere –

Dott. ANTEZZA Fabio – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 16942/2015 R.G. proposto da:

Fattoria di Caniparola di A.Z. & C. S.a.s. e i soci

Z.A.M., B.B. e B.F., elettivamente

domiciliati in Roma, Via D. Chelini n. 9, presso lo Studio dell’Avv.

Moracci Carlo, rappresentata e difesa dall’Avv. Tolini Adolfo,

giusta delega al ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, presso

la quale è domiciliata ex lege in Roma, via dei Portoghesi n. 12;

– resistente –

con atto di costituzione avverso la sentenza della Commissione

Tributaria Regionale della Toscana n. 174/1/15, depositata il 29

gennaio 2015.

Sentita la relazione svolta nella udienza camerale del 12 dicembre

2019 dal Cons. Bruschetta Ernestino Luigi.

Fatto

RILEVATO E CONSIDERATO

1. che con l’impugnata sentenza la Regionale della Toscana, in riforma della prima decisione, respingeva i riuniti ricorsi promossi da Fattoria di Caniparola S.a.s. avverso l’avviso di accertamento con il quale l’ufficio recuperava a tassazione ai fini IVA IRAP maggiori ricavi relativi alla vendita di un fabbricato e avverso gli avvisi di accertamento nei confronti dei tre soci con i quali veniva imputata una maggiore IRPEF;

2. che, rigettata l’eccezione di inammissibilità dell’appello proposto dall’ufficio, perchè a giudizio della Regionale i motivi di gravame erano da considerarsi specifici; la CTR reputava nel merito che l’Agenzia avesse dimostrato presuntivamente che il prezzo pagato dall’acquirente era stato superiore a quello dichiarato, atteso che dal conto corrente della compratrice erano stati senza giustificazione prelevati “in contanti” Euro 150.000,00, evidentemente utilizzati “per soddisfare la parte a nero della compravendita” e che tale indizio era confermato dalle proiezioni statistiche OMI;

3. che i contribuenti ricorrevano per tre motivi, mentre l’Agenzia depositava un atto denominato “di costituzione” al solo dichiarato fine di partecipare all’udienza di discussione;

4. che con il primo motivo, formulato in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4, deducendo la violazione del D.Lgs. 31 dicembre 1992 n. 546, art. 53, i contribuenti rimproveravano alla Regionale di non aver dichiarato inammissibile l’appello dell’ufficio per assenza di motivi specifici; la censura è però infondata, bastando a riguardo rammentare che il motivo d’appello deve essere specifico, non nuovo; ben potendosi riproporre alla Regionale gli stessi elementi di prova presuntiva già sottoposti Provinciale, al fine di sollecitarne una diversa valutazione (Cass. sez. trib. n. 3064 del 2012);

5. che con il secondo motivo, formulato in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, deducendo la violazione degli artt. 115 e 116 c.p.c., oltrechè la violazione degli artt. 24 e 111 Cost., i contribuenti lamentavano che la Regionale non avesse tenuto conto dei contrari elementi di prova allegati e che avesse inoltre fondato la prova dell’evasione “su due indizi privi dei requisiti di gravità, precisione e concordanza”; con il terzo motivo, formulato in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, i contribuenti lamentavano che la Regionale non avesse considerato il fatto decisivo della disponibilità dell’acquirente a giustificare le somme prelevate in contanti; che i due motivi, da trattarsi congiuntamente in quanto entrambi pongono in discussione l’accertamento in fatto compiuto dalla Regionale, sono infondati; la CTR ha difatti garantito il minimo costituzionale di motivazione, nel quale non rientrano la scelta della prove da considerarsi decisive e nemmeno l’apprezzamento di concludenza delle stesse e tanto meno ipotetiche dichiarazioni di terzi (Cass. sez. un. 8053 del 2014);

6. che in mancanza di avversario controricorso, le spese processuali non devono essere regolate.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso; ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il giorno 12 dicembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA