Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3424 del 11/02/2021

Cassazione civile sez. VI, 11/02/2021, (ud. 12/11/2020, dep. 11/02/2021), n.3424

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GRECO Antonio – Presidente –

Dott. ESPOSITO Antonio Francesco – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA PER CORREZIONE DI ERRORE MATERIALE

sul ricorso 13752-2020 proposto da:

STAFF RELATION SOC. COOP., in persona del legale rappresentante pro

tempre, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DI VILLA SACCHETTI 9,

presso lo studio dell’avvocato MARINI GIUSEPPE, che la rappresenta e

difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE;

– intimata –

avverso l’ordinanza n. 34342/2019 della CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

di ROMA, depositata il 23/12/2019;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/11/2020 dal Consigliere Relatore Dott. RUSSO

RITA.

 

Fatto

RILEVATO

Che:

La società in epigrafe chiede la correzione dell’errore materiale nella sentenza di questa Corte n. 34342/2019 depositata il 23 dicembre 2019 con la quale accogliendo il ricorso della Agenzia delle entrate il processo è stato rinviato alla CTR della Sicilia sezione staccata di Palermo, mentre secondo la ricorrente avrebbe dovuto essere rinviato alla CTR della Sicilia sezione staccata di Catania, in quanto sezione che ha emesso la sentenza impugnata.

Non sussistono i presupposti per l’accoglimento perchè se è pur vero che la sentenza cassata è stata emessa dalla CTR della Sicilia sezione di Catania non vi è nulla nella sentenza impugnata che renda evidente che si tratta di un errore materiale, e cioè di errore nella redazione del documento che risulti immediatamente nella lettura di questo, palesemente emergendo l’incongruenza. La Corte di Cassazione infatti nella scelta del giudice del rinvio gode di discrezionalità purchè rispetti al regola posta dall’art. 383 c.p.c. e cioè che si tratti essere un soggetto diverso, ma di pari grado, da quello che ha pronunciato la sentenza impugnata.

P.Q.M.

Rigetta l’istanza.

Così deciso in Roma, camera di consiglio, il 11 novembre 2020.

Depositato in Cancelleria il 11 febbraio 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA