Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33922 del 19/12/2019

Cassazione civile sez. trib., 19/12/2019, (ud. 06/11/2019, dep. 19/12/2019), n.33922

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. STALLA Giacomo Maria – rel. Consigliere –

Dott. PAOLITTO Liberato – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

Dott. RUSSO Rita – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24445-2C15 proposto da:

LINEA ENERGIA SPA, in persona del Presidente del C.d.A. e Legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE

BRUNO BUOZZI 99, presso lo studio dell’avvocato FAUSTO CIAPPARONI,

che lo rappresenta e difende unicamente all’avvocato ELISA BONZANI

giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI ESINE;

– intimato –

Nonchè da:

COMUNE DI ESINE persona del Presidente del C.d.A. e legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIA

CICERONE 44, presso lo studio dell’avvocato GIOVANNI CORBYONS,

rappresentato e difeso dall’avvocato DARIO MARCHESI giusta delega a

margine;

– controricorrente incidentale –

contro

LINEA ENERGIA SPA, in persona del Presidente del C.d.A. e legale

rappresentanze pro tempore, elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE

BRUNO BUOZZI 99, presso lo studio dell’avvocato FAUSTO CIAPPARONI,

che lo rappresenta e difende unitamente all’avvocato ELISA BONZANI

giusta delega a margine;

– controricorrente all’incidentale –

avverso la sentenza n. 1124/2015 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

BRESCIA, depositata il 23/03/2015;

udita la relazione cella causa svolta nella pubblica udienza del

06/11/2019 dal Consigliere Dott. GIACOMO MARIA STALLA;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

GIOVANNI GIACALONE che ne concluso per l’estinzione del giudizio;

udito per il ricorrente l’Avvocato CIAPPARONI che ha chiesto

l’estinzione.

Fatto

OSSERVA

La Linea Energia spa ha proposto quattro motivi di ricorso per la cassazione della sentenza n. 1124/15 del 23.3.2015, con la quale la commissione tributaria regionale della Lombardia, in parziale riforma della prima decisione, ha ritenuto legittimi, limitatamente alle annualità 2008 e 2009, gli avvisi di accertamento notificatile dal Comune di Esine (BS) per maggiore Ici 2006/2009; ciò con riguardo alla centrale idroelettrica di proprietà sociale, fatta oggetto di attribuzione di nuova rendita catastale con classamento D/1.

Ha resistito con controricorso il Comune di Esine, il quale ha altresì proposto un motivo di ricorso incidentale avverso la statuizione di illegittimità degli avvisi di accertamento per gli anni 2006 e 2007.

La Linea Energia spa ha depositato controricorso a ricorso incidentale.

In data 26 novembre 2018 le parti hanno presentato dichiarazione di “rinuncia congiunta a ricorso principale ed a controricorso con ricorso incidentale ed al conseguente controricorso”, dando atto di aver raggiunto un accordo transattivo, a spese compensate, approvato con delibera della Giunta Comunale di Esine n. 73/2018. Tale dichiarazione è stata sottoscritta sia dalle parti sia dai rispettivi difensori.

Visto quanto sopra, sussistono i presupposti – ex artt. 390 e 391 c.p.c. – per la dichiarazione di estinzione dell’intero giudizio, a spese compensate.

P.Q.M.

La Corte:

– dichiara estinto il processo;

– compensa le spese;

– dà atto che non sussistono i presupposti processuali ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, ex art. 13, comma 1 quater, come modificato dalla L. n. 228 del 2012, per il versamento, a carico della parte ricorrente, di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello previsto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della quinta sezione civile, il 6 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 19 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA