Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33742 del 18/12/2019

Cassazione civile sez. VI, 18/12/2019, (ud. 24/10/2019, dep. 18/12/2019), n.33742

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MOCCI Mauro – Presidente –

Dott. CONTI Roberto Giovanni – Consigliere –

Dott. LA TORRE Maria Enza – Consigliere –

Dott. DELLI PRISCOLI Lorenzo – Consigliere –

Dott. GORI Pierpaolo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 21858-2018 proposto da:

A.A.C., elettivamente domiciliato in ROMA, VIALE GIULIO

CESARE 59, presso lo studio dell’avvocato LINDA MARIA DI RICO, che

lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE – RISCOSSIONE (OMISSIS), in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende ope legis;

– resistente –

avverso la sentenza n. 1184/7/2018 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE della CAMPANIA, depositata il 08/02/2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 24/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. GORI

PIERPAOLO.

Fatto

RILEVATO

che:

– Con sentenza n. 1184/7/18 depositata in data 8 febbraio 2018 la Commissione tributaria regionale della Campania, accoglieva l’appello proposto da A.A.C. avverso la sentenza n. 5981/22/16 della Commissione tributaria provinciale di Napoli, la quale aveva rigettato il ricorso del contribuente contro l’intimazione di pagamento per II.DD. 1998, a sua volta dal contribuente impugnata unitamente alla pregressa cartella, a suo dire mai correttamente notificatagli;

– In particolare, la CTR riformava la decisione di primo grado, ritenendo prescritto il credito dell’erario e dichiarando non dovuta alcuna somma portata dall’intimazione, e compensava le spese di lite;

– Avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione il contribuente deducendo un unico motivo. L’Agenzia ha depositato mero atto di costituzione.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– Con un unico motivo dedotto – ai fini dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – il contribuente lamenta la violazione e falsa applicazione degli artt. 91 e 92 c.p.c., dell’art. 111 Cost. e della L. n. 203 del 2005, art. 2, per aver la CTR compensato le spese di lite nonostante l’accoglimento dell’appello;

Nel caso di specie, accolto l’appello del contribuente, la CTR ha motivato la statuizione sulla compensazione adducendo una apodittica “natura meramente formale della questione decisa”, quando la succinta motivazione è incentrata sulla decisione della controversia in punto di prescrizione, citando orientamenti giurisprudenziali consolidati al momento della proposizione dell’appello. La sentenza è così apertamente confliggente con i principi di diritto sopra richiamati e, in accoglimento del ricorso, la sentenza va cassata ed il giudizio rinviato alla CTR della Campania, in diversa composizione, affinchè si attenga all’enunciato principio e provveda alla liquidazione delle spese di tutti i gradi di merito, oltre a quelle del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte:

Accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTR della Campania, in diversa composizione, in relazione al profilo accolto, e per il regolamento delle spese del giudizio di cassazione.

Così deciso in Roma, il 24 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 18 dicembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA