Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33668 del 18/12/2019

Cassazione civile sez. trib., 18/12/2019, (ud. 07/11/2019, dep. 18/12/2019), n.33668

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CHINDEMI Domenico – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana Maria Teresa – Consigliere –

Dott. CROLLA Cosmo – Consigliere –

Dott. CAPRIOLI Maura – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 3150-2014 proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente –

contro

DIERRE EDILIZIA DI V.R.E.D. SNC;

– intimato –

avverso la sentenza n. 53/2013 della COMM. TRIB. REG. di ANCONA,

depositata il 30/04/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

07/11/2019 dal Consigliere Dott. CAPRIOLI MAURA.

Fatto

Ritenuto che:

Con sentenza nr 53/2013 la CTR di Ancona rigettava l’appello proposto dall’Agenzia delle Entrate avverso la sentenza della CTP nr 164/2009 con cui era stato accolto il ricorso proposto da Dierre Edilizia di V.R. snc avverso l’avviso di liquidazione notificatole dall’Amministrazione finanziaria in rettifica dell’imposta di registro autoliquidata con riferimento all’acquisto relativo ad un un terreno edificabile sito in Comune Torre San Patrizio e registrato in data 25.6.1988.

Il giudice di appello,ricostruito il quadro di riferimento normativo, riteneva che ai fini dell’aliquota agevolata prevista dalla L. n. 244 del 2007, art. 1, comma 28 la destinazione anche solo prevalentemente residenziale dell’intervento edilizio fosse perfettamente compatibile con il regime speciale e coerente con le finalità perseguite dal legislatore fiscale.

Avverso tale sentenza l’Agenzia delle Entrate propone ricorso per cassazione affidato ad un unico articolato motivo.

Nessuno si è costituito per la società contribuente.

Diritto

Considerato che:

Con l’unico motivo la ricorrente si duole della violazione e falsa applicazione del D.P.R. n. 131 del 1986, art. 1, comma 1, tariffa allegata, come modificato dalla L. n. 244 del 2007, art. 1, commi 25 e 26, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3.

Critica, in particolare, l’interpretazione data alla CTR all’art. 1 della normativa richiamata in rubrica rilevando che l’immobile oggetto della vendita non fosse compreso in un piano particolareggiato di edilizia esclusivamente residenziale come richiesto dalla legge sicchè il bene non avrebbe potuto fruire dell’aliquota agevolata.

La questione veicolata,attraverso l’unico motivo del ricorso, impone di muovere dal dato normativo di riferimento vale a dire dalla L. n. 244 del 2007, art. 1, prevede, al comma 25, che “Nel testo unico delle disposizioni concernenti l’imposta di registro, di cui al D.P.R. 26 aprile 1986, n. 131, all’art. 1 della Tariffa, parte 1, è aggiunto, in fine, il seguente periodo: “se il trasferimento ha per oggetto immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati diretti all’attuazione dei programmi di edilizia residenziale comunque denominati, a condizione che l’intervento cui è finalizzato il trasferimento venga compiuto entro cinque anni dalla stipula dell’atto: 1 per cento”. (termine prorogato di tre anni dal D.L. n. 225 del 2010, art. 2, comma 23, convertito dalla L. n. 10 del 2011); al comma 26, che “all’art. 1-bis della Tariffa annessa al testo unico delle disposizioni concernenti le imposte ipotecaria e catastale, di cui al D.Lgs. 31 ottobre 1990, n. 347, sono aggiunte, in fine, le seguenti parole: “ovvero che importano il trasferimento di proprietà, la costituzione o il trasferimento di diritti immobiliari attinenti ad immobili compresi in piani urbanistici particolareggiati diretti all’attuazione dei programmi di edilizia residenziale comunque denominati”; al comma 27, infine, che “al D.L. 4 luglio 2006, n. 223, art. 36 convertito, con modificazioni, dalla L. 4 agosto 2006, n. 248, e successive modificazioni, il comma 15 è abrogato”.

La ratio della norma ha come unica finalità quella di incentivare la realizzazione di interventi di edilizia residenziale convenzionata a condizione che l’intervento edificatorio intervenga nel quinquennio previa stipula della convenzione sui prezzi di cessione e sui canoni di locazione.

Non è invece previsto che la destinazione sia esclusivamente residenziale e che quindi sull’area in questione non possano essere realizzati anche negozi ed uffici che non vengono a snaturare l’intervento edilizio che nella specie conserva la connotazione di un edificio ad uso residenziale.

Condivisibile in questo quadro è pertanto l’interpretazione data dalla CTR che appare coerente con la ratio e la lettera della legge.

Il ricorso va pertanto rigettato.

Nessuna determinazione in punto spese stante la mancata costituzione della controricorrente.

P.Q.M.

La Corte rigetta ricorso; nulla per le spese

Così deciso in Roma, il 7 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 18 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA