Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33655 del 28/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 28/12/2018, (ud. 20/11/2018, dep. 28/12/2018), n.33655

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CURZIO Pietro – Presidente –

Dott. DORONZO Adriana – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – rel. Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. CAVALLARO Luigi – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 24298-2017 proposto da:

C.B., nella qualità di Amministratore di sostegno della

Signora C.M., eletltivamente domiciliato in ROMA, VIA

BOEZIO 14, presso lo studio dell’avvocato ANDREA MARSILI

FELICIANGELI, rappresentato e difeso dall’avvocato NAZZARENO

CIARROCCHI;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA SALUTE;

– intimato –

avverso la sentenza n. 20/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 10/04/2017;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 20/11/2018 dal Consigliere Dott. PAOLA GHINOY.

Fatto

RILEVATO

che:

1. l’intimato Ministero della Salute non ha svolto attività difensiva;

2. la notifica del ricorso è nulla, in quanto effettuata all’Avvocatura distrettuale dello stato anzichè all’Avvocatura centrale;

3. in applicazione del principio affermato da Cass. n. 608 del 15/01/2015, occorre disporne la rinnovazione ex art. 291 c.p.c., cui dovrà procedere la parte ricorrente, entro 60 gg. dalla notifica della presente ordinanza.

P.Q.M.

rinvia la causa a nuovo ruolo, ordinando la rinnovazione della notifica del ricorso al Ministero della Salute presso l’Avvocatura generale dello Stato nel termine di giorni sessanta dalla comunicazione della presente ordinanza.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 20 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 28 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA