Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33584 del 11/11/2021

Cassazione civile sez. lav., 11/11/2021, (ud. 25/05/2021, dep. 11/11/2021), n.33584

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. TRIA Lucia – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. TRICOMI Irene – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

Dott. BELLE’ Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 23551-2015 proposto da:

S.I., elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI VALERI

1, presso lo studio dell’avvocato MAURO GERMANI, che la rappresenta

e difende;

– ricorrente –

contro

AZIENDA USL ROMA C, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA CARNERA PRIMO 1 C/0 ASL RM C,

presso lo studio degli avvocati BARBARA BENTIVOGLIO, GABRIELLA

MAZZOLI e MARIA CRISTINA TANDOI, che la appresentano e difendono;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 2632/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 02/04/2015 R.G.N. 9776/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

25/05/2021 dal Consigliere Dott. BELLE’ ROBERTO;

il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. MUCCI

ROBERTO;

visto il D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, art. 23, comma 8 bis,

convertito con modificazioni nella L. 18 dicembre 2020, n. 176, ha

depositato conclusioni scritte.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La Corte d’Appello di Roma ha rigettato il gravame proposto da S.I. avverso la sentenza del Tribunale della stessa città di reiezione della domanda di accertamento dell’illegittimità del rapporto di lavoro termine, più volte prorogato, intercorso con l’Asl Roma C e le conseguenti domande di conversione a tempo indeterminato e risarcimento dei danni.

La Corte territoriale escludeva che il rapporto, riguardante prestazioni di infermiere, avesse superato la durata di 36 mesi e che le proroghe o le causali fossero illegittime, ritenendo altresì che la causale indicata fosse coerente con necessità transitorie dell’ente pubblico.

2. S.I. ha proposto ricorso per cassazione sulla base di un unico motivo, non rubricato, con il quale sono state ribadire le ragioni di asserita illegittimità denunciate.

La Asl ha resistito con controricorso.

Successivamente alla fissazione dell’udienza di discussione la ricorrente rinunciava “al ricorso ed all’azione” cui seguiva accettazione della controparte.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

La rinuncia comporta ex art. 390 ss c.p.c., l’estinzione del giudizio di cassazione, mentre l’accettazione della controparte impone di non provvedere sulle spese, secondo quanto espressamente disposto dall’art. 391 c.p.c., u.c..

P.Q.M.

La Corte dichiara estinto il giudizio. Nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 25 maggio 2021.

Depositato in Cancelleria il 11 novembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA