Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3356 del 08/02/2017


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Cassazione civile, sez. trib., 08/02/2017, (ud. 12/01/2017, dep.08/02/2017),  n. 3356

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI IASI Camilla – Presidente –

Dott. DE MASI Oronzo – Consigliere –

Dott. ZOSO Liana M. T. – rel. Consigliere –

Dott. STALLA Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. FASANO Anna Maria – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 28704-2012 proposto da:

EQUITALIA SUD SPA in persona del legale rappresentante pro tempore,

domiciliato in ROMA PIAZZA CAVOUR presso la cancelleria della CORTE

DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dall’Avvocato GIOVANNI GRECO

(avviso postale ex art. 135), giusta delega a margine;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– controricorrente –

nonchè contro

D.A.M.;

– intimata –

nonchè contro

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che lo rappresenta e difende;

– ricorrente ricorso successivo –

avverso la sentenza n. 88/2012 della COMM. TRIB. REG. SEZ. DIST. di

LECCE, depositata il 29/06/2012;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

12/01/2017 dal Consigliere Dott. ZOSO LIANA MARIA TERESA;

udito per il controricorrente l’Avvocato ROCCHITTA che si riporta al

controricorso;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

ZENO IMMACOLATA che ha concluso per il rigetto dei motivi 1 e 3,

inammissibile il 2 e 4 (se incidentale AT= inammissibile).

Fatto

ESPOSIZIONE DELLE RAGIONI IN FATTO ED IN DIRITTO DELLA DECISIONE MOTIVAZIONE SEMPLIFICATA

1. D.A.M. impugnava quattro intimazioni di pagamento relative a Iva, Irpef, Ilor, sanzioni e interessi relativi agli anni di imposta dal 1982 al 1985 sostenendo, tra l’altro, di non aver ricevuto la notifica delle cartelle esattoriali prodromiche. La commissione tributaria provinciale di Brindisi accoglieva il ricorso con sentenza che era confermata dalla commissione tributaria regionale della Puglia, sezione staccata di Lecce, sul rilievo che mancava la prova della notifica delle cartelle di pagamento, avuto riguardo non solo a quelle la cui mancanza era stata confermata dall’appellante agente di riscossione Equitalia Sud S.p.A., ma anche a quelle relativamente alle quali la concessionaria aveva depositato fotocopie nel giudizio d’appello. Ciò in quanto una di tali fotocopie riproduceva la spedizione di un avviso di deposito da cui non era dato evincere a quale cartella si riferisse mentre l’altra fotocopia atteneva ad una relata di notificazione che non si accompagnava alla completa esibizione della cartella, sicchè era impossibile stabilire la connessione con la cartella medesima.

2. Avverso la sentenza della CTR propone ricorso per cassazione Equitalia Sud S.p.A. affidato a quattro motivi. Si è costituita in giudizio l’Agenzia delle entrate depositando controricorso. La contribuente non si è costituita in giudizio.

3. Con il primo motivo la ricorrente deduce violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione al D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26. Sostiene che la CTR ha errato nel ritenere che l’agente della riscossione fosse tenuto ad esibire la matrice o una copia della cartella unitamente alla relata di notificazione in quanto il D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, comma 5, prevede che il concessionario ha l’obbligo di conservare i documenti stessi solo per cinque anni e, nel caso di specie, tale periodo era decorso con conseguente impossibilità della esibizione.

4. Con il secondo motivo deduce violazione di legge, ai sensi dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, in relazione al D.P.R. 602 del 1973, art. 60 e all’art. 2697 c.c..Sostiene che, con riguardo a due cartelle di pagamento, non risponde al vero che non fosse ravvisabile una connessione tra la documentazione esibita e le cartelle stesse in quanto il numero che le contraddistingueva era riportato nelle relate di notifica. Inoltre la CTR non ha considerato che la notifica era stata effettuata a norma del D.P.R. n. 602 del 1973, art. 60 e non dell’art. 140 c.p.c., trattandosi di destinatario irreperibile, sicchè l’unico adempimento che doveva essere provato era il deposito dell’atto presso la casa comunale.

5. Con il terzo motivo deduce l’intempestività dell’opposizione poichè la contribuente avrebbe potuto proporre ricorso solo avverso le cartelle di pagamento che erano state ritualmente notificate.

6. Con il quarto motivo la ricorrente chiede la cassazione della sentenza in riferimento al capo relativo regolamento delle spese di lite ingiustamente a lei addebitate.

7. Il Collegio ha autorizzato, come da decreto del Primo Presidente di data 14.9.2016, la redazione della motivazione in forma semplificata.

8. Osserva la Corte che il primo motivo di ricorso è infondato. Invero il D.P.R. n. 602 del 1973, art. 26, comma 5, prevede che il concessionario ha l’obbligo di conservare per cinque anni la matrice o la copia della cartella con la relazione dell’avvenuta notificazione o l’avviso di ricevimento al fine di farne esibizione su richiesta del contribuente, ma ciò non implica anche che il concessionario che intenda agire o resistere in giudizio sia esonerato dall’obbligo di fornire la prova di aver correttamente proceduto alla notifica, poichè in tal caso l’obbligo della conservazione permane per il tempo necessario per l’uso processuale.

9. Il secondo motivo è inammissibile in quanto difetta di autosufficienza perchè la ricorrente, la quale ha affermato che, contrariamente a quanto ritenuto dalla CTR, il numero delle cartelle era riportato nelle relate di notifica, non ha trascritto il testo delle relate e non le ha nemmeno prodotte, non consentendo, dunque, alla Corte di esaminare la fondatezza del gravame sulla base degli atti.

10. Il terzo ed il quarto motivo rimangono assorbiti.

11. Il ricorso va, dunque, rigettato. Non si provvede sulle spese a favore della parte vittoriosa data la mancata costituzione della contribuente.

PQM

La corte rigetta il ricorso. Nulla sulle spese.

Così deciso in Roma, nella Camera di Consiglio, il 12 gennaio 2017.

Depositato in Cancelleria il 8 febbraio 2017

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA