Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33525 del 27/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 27/12/2018, (ud. 12/06/2018, dep. 27/12/2018), n.33525

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. AMENDOLA Adelaide – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. SCODITTI Enrico – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – rel. Consigliere –

Dott. VINCENTI Enzo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 12350-2017 proposto da:

T.E.G.M., elettivamente domiciliato in

ROMA, VIA GIORGIO SCALIA 12, presso lo studio dell’avvocato GIUSEPPE

VIRBANI, rappresentato e difeso dall’avvocato EMANUELE MAGANUCO;

– ricorrente –

contro

M.P., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA SILVIO

PELLICO 44, presso lo studio dell’avvocato ALESSANDRO ALICICCO,

rappresentato e difeso dall’avvocato EDOARDO MASTICE;

– controricorrente –

contro

B.R., elettivamente domiciliato in ROMA, VIA VALNERINA

68, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO PENSO, che lo

rappresenta e difende;

– controricorrente –

contro

D.A., considerato domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentato e difeso dagli avvocati

FRANCESCO MARIA FELICE, GIAMPAOLO DI MARCO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 279/2017 della CORTE D’APPELLO di MILANO,

depositata il 24/01/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 12/06/2018 dal Consigliere Dott. ANTONIETTA SCRIMA.

Fatto

RITENUTO

che:

con ricorso basato su due motivi e illustrato da memoria, T.E.G.M. ha impugnato, nei confronti di B.R., M.P. e D.A., la sentenza della Corte di appello di Milano, pubblicata il 24 gennaio 2017, con cui: a) è stata dichiarata la nullità della sentenza n. 11771/2015 del Tribunale di Milano per nullità della notifica dell’atto introduttivo del giudizio nei confronti di B.R.; b) la causa è stata rimessa al giudice di primo grado; c) l’appellato T. è stato condannato alle spese del grado di appello in favore del M., del D. e del B.;

hanno resistito con distinti controricorsi B.R., M.P. e D.A.;

la proposta di improcedibilità del ricorso, formulata dal relatore, ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c., è stata comunicata, unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza in camera di consiglio; considerato che:

tra l’adunanza camerale e il deposito dell’ordinanza, con riferimento al tema dell’improcedibilità del ricorso per cassazione, si sono pronunciate le Sezioni Unite di questa Corte con sentenza n. 22438/18 e che, da ultimo, con O.I. 28844/18, sono stati rimessi gli atti al Primo Presidente di questa Corte per l’eventuale assegnazione alle Sezioni Unite di ulteriori questioni sempre relative all’improcedibilità del ricorso per cassazione;

ritenuto che:

non sussistono le condizioni di cui all’art. 375 c.p.c. per la trattazione camerale del ricorso ai sensi dell’art. 380-bis c.p.c.,

PQM

La Corte rimette la causa alla Terza Sezione civile ai sensi dell’art. 380-bis, u.c..

Si comunichi.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della 6-3 Sezione civile della Corte suprema di Cassazione, in seguito a riconvocazione, il 28 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 27 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA