Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33490 del 27/12/2018

Cassazione civile sez. trib., 27/12/2018, (ud. 28/11/2018, dep. 27/12/2018), n.33490

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA Ernestino Luigi – Consigliere –

Dott. NONNO Giacomo Maria – Consigliere –

Dott. SUCCIO Roberto – rel. Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI Maria Giulia – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 25160/2012 R.G. proposto da:

AGENZIA DELLE ENTRATE in persona del Direttore pro tempore,

rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello Stato, con

domicilio eletto in Roma, via Dei Portoghesi, n. 12, presso

l’Avvocatura Generale dello Stato;

– ricorrente –

contro

R.G. & FIGLI s.n.c. in persona del legale

rappresentante pro tempore rappresentata e difesa giusta delega in

atti dall’avv. Giovanni Quadrino ed elettivamente domiciliata presso

lo studio del procuratore ridetto in Fondi (LT), via Mantova n. 8;

– controricorrente –

Avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale del Lazio

sez. Staccata di Latina n. 601/40/11 depositata il 1/09/2011, non

notificata;

Udita la relazione della causa svolta nell’adunanza camerale del

28/11/2018 dal consigliere Roberto Succio.

Fatto

RILEVATO

che:

– con la sentenza di cui sopra la Commissione Tributaria Regionale ha respinto l’appello dell’Agenzia delle Entrate e confermato la sentenza di primo grado che aveva annullato la cartella di pagamento emessa per IRAP 2002 e 2003;

– avverso la sentenza di seconde cure propone ricorso per Cassazione l’Agenzia delle Entrate con ricorso affidato a un unico motivo; la società contribuente resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

– osserva preliminarmente la Corte che il ricorso è inammissibile;

– infatti, la sentenza gravata è stata resa nei confronti dell’Agenzia delle Entrate e del sig. R.G.; ne deriva che il ricorso per cassazione, diretto e notificato alla società R.G. E FIGLI s.n.c., che non risulta esser stata parte di quel giudizio, risulta evidentemente inammissibile.

P.Q.M.

dichiara inammissibile il ricorso; liquida le spese in Euro 1.400 oltre 15% spese generali, CPA ed IVA di legge che pone a carico di parte soccombente.

Così deciso in Roma, il 28 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 27 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA