Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33448 del 17/12/2019

Cassazione civile sez. VI, 17/12/2019, (ud. 25/09/2019, dep. 17/12/2019), n.33448

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – Consigliere –

Dott. DELL’UTRI Marco – Consigliere –

Dott. PORRECA Paolo – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 2895-2018 proposto da:

P.M.A. in proprio e nella qualità di coerede di

EMANUELE UMBERTO, elettivamente domiciliata in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CORTE DI CASSAZIONE, rappresentata e difesa dall’avvocato

PORTALE GIACOMO;

– ricorrente –

contro

F.M.S., S.R., elettivamente domiciliate in

ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 38, presso lo studio dell’avvocato

ANGELOZZI GIOVANNI, rappresentate e difese dall’avvocato DAZIO MARIA

STELLA;

– controricorrenti –

avverso la sentenza n. 683/2017 del TRIBUNALE di PATTI, depositata il

30/10/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 25/09/2019 dal Consigliere Relatore Dott. PORRECA

PAOLO.

Fatto

CONSIDERATO

Che:

P.M.A. si opponeva al precetto a lei intimato da S.R. e F.M.S. deducendo il vizio di notifica del titolo esecutivo e la mancata indicazione, nell’intimazione, della data di notifica del titolo azionato;

il Tribunale, qualificata la domanda come opposizione agli atti, la dichiarava inammissibile perchè proposta il ventunesimo giorno dalla notifica del precetto;

avverso questa decisione ricorreva per cassazione P.M.A. formulando un motivo;

resistevano con controricorso S.R. e F.M.S..

Diritto

RILEVATO

Che:

con l’unico motivo si prospettava la violazione e falsa applicazione degli artt. 137 e 617, c.p.c., art. 111 Cost., poichè il tribunale avrebbe erroneamente rilevato la data del 19 novembre 2013 quale momento di consegna dell’atto di opposizione per la notifica, mentre dal timbro UNEP risulterebbe il giorno precedente;

Vista la proposta formulata del relatore ai sensi dell’art. 380 bis c.p.c.;

Rilevato che:

il processo deve essere dichiarato estinto senza disporre sulle spese

stante la correlativa rinuncia accettata come in atti;

trattandosi di fattispecie estintiva sopravvenuta alla proposizione del ricorso per cassazione non sussistono i presupposti per imporre al ricorrente il pagamento del cd. “doppio contributo unificato” (Cass., 07/12/2018, n. 31732).

P.Q.M.

La Corte, dichiara estinto il giudizio di cassazione per rinuncia.

Così deciso in Roma, il 25 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA