Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3340 del 12/02/2020

Cassazione civile sez. VI, 12/02/2020, (ud. 08/10/2019, dep. 12/02/2020), n.3340

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DORONZO Adriana – Presidente –

Dott. ESPOSITO Lucia – rel. Consigliere –

Dott. RIVERSO Roberto – Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

Dott. DE FELICE Alfonsina – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso per conflitto di competenza, iscritto al nr RG 4262/2019

sollevato dal Tribunale di Napoli con ordinanza n. R.G. 6594/2018

del 22/1/19 nel procedimento vertente tra:

P.M. da una parte, MINISTERO DEL’ISTRUZIONE,

DELL’UNIVERSITA’ E DELLA RICERCA, dall’altra;

– ricorrenti –

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata dell’08/10/2019 dal Consigliere Relatore Dott. LUCIA

ESPOSITO;

lette le conclusioni scritte del PUBBLICO MINISTERO in persona del

SOSTITUTO PROCURATORE GENERALE Dott. SANLORENZO RITA che chiede che

la Corte di Cassazione accolga il regolamento di competenza e

affermi la competenza per territorio del Tribunale di Avellino.

Fatto

RILEVATO

che il Tribunale di Avellino dichiarava la propria incompetenza per territorio ritenendo competente il Tribunale di Napoli nella causa instaurata nei confronti del Miur da P.M., docente di scuola secondaria di secondo grado, titolare presso la dotazione organica Provincia di Napoli e assegnata in sede provvisoria all'(OMISSIS) dal 1/9/2016 al 31/8/2017, al fine di ottenere il riconoscimento del servizio pre ruolo prestato, con rivalutazione della procedura di trasferimento e assegnazione della sede di servizio in un ambito della provincia di Avellino o Benevento in luogo di quella attribuitale nell’ambito (OMISSIS);

che, con ordinanza del 22 gennaio 2019, il Tribunale di Napoli, innanzi al quale la causa era stata riassunta, ha sollevato conflitto sulla ritenuta sussistenza della competenza per territorio del Tribunale di Avellino;

che il Procuratore Generale ha reso le sue c:onclusioni nel senso della individuazione della competenza del Tribunale di Avellino.

Diritto

CONSIDERATO

che le conclusioni cui è giunto il Procuratore Generale sono condivisibili alla luce del consolidato il principio (più volte ribadito in fattispecie sovrapponibile a quella in esame: Cass. 15 marzo 2018 n. 6458, Cass. 11 gennaio 2019 n. 506) secondo cui, nelle controversie relative a rapporti di lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione, la competenza per territorio va determinata, secondo quanto previsto dall’art. 413 c.p.c., in coerenza con la finalità legislativa di rendere più funzionale e celere il processo radicando la cognizione nei luoghi normalmente vicini alla residenza del dipendente, nei quali sono più agevolmente reperibili gli elementi probatori necessari al giudizio, di talchè il giudice competente dev’essere individuato in relazione al luogo in cui il lavoratore presta effettivo servizio (purchè dotato di un minimo di struttura sufficiente per la sua operatività) e non invece in relazione al luogo in cui viene effettuata la gestione amministrativa del rapporto secondo le regole interne delle singole amministrazioni (Cass. 29 febbraio n. 3111 del 2012; Cass. 15 ottobre 2007 n. 21562 del 2007);

che, conseguentemente, la disposizione dr cui all’art. 413 c.p.c., comma 5, secondo la quale “competente per territorio nelle controversie relative ai rapporti di lavoro alle dipendenze delle amministrazioni pubbliche è il giudice nella cui circoscrizione ha sede l’ufficio al quale il dipendente è addetto o era addetto al momento della cessazione del rapporto”, va interpretata nel senso che, in caso di utilizzazione temporanea del dipendente presso altro ufficio appartenente alla stessa amministrazione, la competenza per territorio va senz’altro determinata con risguardo al luogo in cui il lavoratore presta effettivamente servizio, tale accezione essendo l’unica compatibile con l’anzidetta ratio legis, che l’art. 413 c.p.c., comma 5, condivide con quella che ispira la disciplina dei precedenti commi 2 e 4 (così, espressamente, Cass. 4 giugno 2004 n. 10691);

che, alla luce di quanto esposto, va determinata la competenza per territorio del Tribunale di Avellino in funzione di giudice del lavoro;

che non si provvede in ordine alle spese del presente giudizio.

P.Q.M.

La Corte dichiara la competenza per territorio del Tribunale di Avellino innanzi al quale la causa andrà riassunta.

Così deciso in Roma, il 8 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 12 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA