Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33390 del 17/12/2019

Cassazione civile sez. I, 17/12/2019, (ud. 30/10/2019, dep. 17/12/2019), n.33390

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DE CHIARA Carlo – Presidente –

Dott. SCOTTI Umberto Luigi Cesare Giuseppe – Consigliere –

Dott. FEDERICO Guido – Consigliere –

Dott. FALABELLA Massimo – Consigliere –

Dott. FIDANZIA Andrea – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 4198/2016 proposto da:

Poste Italiane Spa, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via Orazio 3, presso lo studio

dell’avvocato Bellini Vito, che la rappresenta e difende, giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate – Riscossione, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in Roma,

Piazza Barberini n. 18, presso lo studio dell’avvocato Papa

Malatesta Alfonso, che la rappresenta e difende, giusta procura in

calce alla memoria di costituzione;

– resistente –

contro

Unicredit Spa, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliata in Roma, Via Carlo Mirabello 18, presso lo

studio dell’avvocato Quintarelli Alfonso, che la rappresenta e

difende, giusta procura in calce al controricorso;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 4032/2015 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 06/07/2015;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio del

30/10/2019 dal Cons. Dott. FIDANZIA ANDREA.

Fatto

FATTO E DIRITTO

Il Collegio, rilevato che, sulle medesime questioni che formano oggetto del presente giudizio, la sezione III di questa Corte, con ordinanza n. 14081/2019, depositata il 23 maggio 2019 (nel ricorso RG n. 23437/2017 proposto da Agenzia delle Entrate – Riscossione contro Poste Italiane s.p.a.) ha sottoposto, a norma dell’art. 267 TFUE, alla Corte di Giustizia dell’Unione Europea questioni pregiudiziali di interpretazione del diritto comunitario.

P.Q.M.

rinvia a nuovo ruolo, in attesa della pronuncia della Corte di Giustizia dell’Unione Europea.

Così deciso in Roma, il 30 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA