Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33384 del 11/11/2021

Cassazione civile sez. VI, 11/11/2021, (ud. 21/04/2021, dep. 11/11/2021), n.33384

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE L

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PONTERIO Carla – Presidente –

Dott. CINQUE Guglielmo – Consigliere –

Dott. MARCHESE Gabriella – Consigliere –

Dott. AMENDOLA Fabrizio – Consigliere –

Dott. LEO Giuseppina – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso 4049-2020 proposto da:

A.S., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR,

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO CARBONELLI;

– ricorrente –

contro

OPS OFFICINE PRESSOFUSIONE SCOTTI SRL, in persona del legale

rappresentante pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA

DONATELLO, 23, presso lo studio dell’avvocato FRANCESCO VILLA PIZZI,

che la rappresenta e difende unitamente all’avvocato STEFANO

CUZZETTI;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 363/2019 della CORTE D’APPELLO di BRESCIA,

depositata il 16/10/2019;

udita la relazione della causa svolta nella Camera di consiglio non

partecipata del 21/04/2021 dal Consigliere Relatore Dott. GIUSEPPINA

LEO.

 

Fatto

RILEVATO

che:

1. La Corte di Appello di Brescia, con la sentenza n. 363/2019, pubblicata il 16.10.2019, ha respinto il gravame interposto da A.S., nei confronti di O.P.S. Officine Pressofusione Scotti S.r.l., avverso la pronunzia del Tribunale della stessa sede con la quale, in via preliminare, era stata ritenuta fondata l’eccezione di parziale decadenza sollevata dalla società convenuta, ai sensi della L. n. 183 del 2010, art. 32, comma 4, lett. d, rispetto a gran parte dei contratti di somministrazione impugnati tranne l’ultimo, stipulato il (OMISSIS), posto che l’impugnazione stragiudiziale era intervenuta soltanto con raccomandata ricevuta il (OMISSIS), e dunque oltre 60 giorni dalla cessazione dei contratti precedenti; ed inoltre che i vari contratti che si erano succeduti nel tempo non potevano essere considerati come un unico contratto, secondo quanto sostenuto dal ricorrente. Relativamente al merito, il giudice di prima istanza aveva reputato che le molteplici assunzioni del ricorrente non violassero il termine di 36 mesi, poiché la norma di cui al D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 22, cui corrispondeva quella di cui al D.Lgs. n. 81 del 2015, art. 34, aveva escluso l’applicabilità del predetto limite ai contratti di somministrazione.

2. Per la cassazione della sentenza A.S. ha proposto ricorso articolando due motivi; la O.P.S. Officine Pressofusione Scotti S.r.l. ha resistito con controricorso.

3. Il ricorrente ha altresì depositato una “Memoria ex art. 380-bis c.p.c.”.

4. La proposta del relatore è stata comunicata alle parti unitamente al decreto di fissazione dell’adunanza camerale, ai sensi dell’art. 380-bis codice di rito.

Diritto

CONSIDERATO

che:

5. Con il primo motivo di ricorso si deduce la “violazione dell’art. 117 Cost., comma 1, in relazione alla Dir. sul lavoro, n. 2008/104/CE, art. 5.5, tramite agenzia interinale (art. 360 c.p.c., n. 3”.

6. Con il secondo motivo si denunzia la “nullità della sentenza impugnata per mancata pronuncia sul motivo d’appello relativo alla violazione del CCNL per i lavoratori addetti alla piccola e media industria metalmeccanica, orafa ed alla installazione di impianti 29 luglio 2013, art. 4, lett. a), del cap. III (art. 360 c.p.c., n. 4)”.

7. Preliminarmente, il Collegio rileva che altri ricorsi riguardanti le medesime questioni oggetto del presente giudizio risultano pendenti dinanzi alla Quarta Sezione civile di questa Corte. Pertanto, in vista di una soluzione unitaria delle medesime, è necessario rimettere alla predetta Sezione anche il presente procedimento.

PQM

La Corte rimette la causa alla Sezione Quarta per eventuale trattazione congiunta con altre cause aventi il medesimo oggetto.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 21 aprile 2021.

Depositato in Cancelleria il 11 novembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA