Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33366 del 17/12/2019

Cassazione civile sez. I, 17/12/2019, (ud. 25/10/2019, dep. 17/12/2019), n.33366

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. GIANCOLA Maria Cristina – Presidente –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. GHINOY Paola – Consigliere –

Dott. SCALIA Laura – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso n. 31730/18 proposto da:

-) W.L., elettivamente domiciliato a Perugia, via Enrico

Toti n. 32, presso l’avv. Carmela Grillo che lo rappresenta e

difende per procura apposta in calce al ricorso;

– ricorrente –

contro

-) Ministero dell’Interno;

– intimato –

avverso il decreto del Tribunale di Perugia 19 settembre 2018;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

25 ottobre 2019 dal Consigliere relatore Dott. Marco Rossetti.

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. Con ricorso al Tribunale di Perugia, sezione specializzata in materia di protezione internazionale, W.L., cittadino della Sierra Leone, chiese l’ammissione al beneficio della protezione internazionale nella forma della protezione sussidiaria, ovvero, in subordine, della protezione umanitaria.

Dedusse a fondamento dell’istanza di essere esposto, nel suo Paese, al rischio di morte, per essere stato minacciato dagli aderenti ad una organizzazione criminale potente e temuta.

2. Con decreto 25 settembre 2018 Il Tribunale rigettò la domanda di protezione sussidiaria e di quella umanitaria ritenendo non credibili i fatti allegati dal ricorrente.

3. Ricorre per cassazione avverso il suddetto decreto W.L., con ricorso fondato su un motivo.

L’amministrazione è rimasta intimata.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Inammissibilità del ricorso.

1.1. E’ superfluo dar conto del motivo di ricorso, giacchè quest’ultimo va dichiarato inammissibile ai sensi dell’art. 366 c.p.c., n. 3, per totale omissione dello svolgimento dei fatti di causa.

In particolare, il ricorso esordisce con l’esposizione di motivi, senza indicare:

-) quali fossero i motivi addotti a sostegno del ricorso introduttivo del giudizio di primo grado;

-) con quali motivazioni la domanda fu rigettata dal Tribunale;

-) quali motivi la decisione del Tribunale fu reclamata dinanzi la Corte d’appello.

La mancanza di tali indicazioni, richieste a pena di inammissibilità dall’art. 366 c.p.c., n. 3, impedisce a questa Corte di stabilire – sulla base del solo esame del ricorso, come prescritto dalla legge – se le censure prospettate nel ricorso per cassazione siano o non siano nuove.

2. Le spese.

2.1. Non è luogo a provvedere sulle spese del presente giudizio, attesa la indefensio della parte pubblica.

2.2. Il rigetto del ricorso costituisce il presupposto, del quale si dà atto con la presente sentenza, per il pagamento a carico della parte ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato ai sensi del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater (nel testo introdotto dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17), a condizione che esso sia dovuto: condizione che non spetta a questa Corte stabilire. La suddetta norma, infatti, impone all’organo giudicante il compito unicamente di rilevare dal punto di vista oggettivo che l’impugnazione ha avuto un esito infruttuoso per chi l’ha proposta.

P.Q.M.

la Corte di cassazione:

(-) dichiara inammissibile il ricorso;

(-) dà atto che sussistono i presupposti previsti dal D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1 quater, per il versamento da parte del ricorrente di un ulteriore importo a titolo di contributo unificato, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio della Sezione Prima civile della Corte di cassazione, il 25 ottobre 2019.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA