Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33160 del 21/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 21/12/2018, (ud. 20/09/2018, dep. 21/12/2018), n.33160

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 3

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. FRASCA Raffaele – Presidente –

Dott. SESTINI Danilo – Consigliere –

Dott. OLIVIERI Stefano – Consigliere –

Dott. SCRIMA Antonietta – Consigliere –

Dott. ROSSETTI Marco – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 9271-2017 proposto da:

D.M.A., quale erede del Sig. C.G.,

elettivamente domiciliata in ROMA, VIA ETTORTE NIMENES, 3, presso lo

studio dell’avvocato MIRANDA MANNENTI, rappresentata e difesa

dall’avvocato GIANFRANCO TODARO;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELLA SALUTE (OMISSIS), in persona del Ministro pro tempore

, elettivamente domiciliata in ROMA, VIA DEI PORTOGHESI 12, presso

l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO , che lo rappresenta e difende ope

legis;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 386/2016 della CORTE D’APPELLO di CATANIA,

depositata il 07/03/2016;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/09/2018 dal Consigliere Relatore Dott. ROSSETTI

MARCO;

Fatto

RITENUTO

Che:

nel 2006 C.G. convenne dinanzi al Tribunale di Catania il Ministero della salute e l’Assessorato Regionale alla sanità della Sicilia, chiedendone la condanna al risarcimento dei danni patiti in conseguenza del contagio contratto in conseguenza d’una emotrasfusione con sangue infetto;

con sentenza 1.7.2009 n. 3515 il Tribunale di Catania rigettò la domanda, ritenendo prescritto il diritto;

la Corte d’appello di Catania, adita dal soccombente, con sentenza 7.3.2016 n. 386 rigettò il gravame;

la sentenza d’appello è stata impugnata per cassazione da D.M.A., successore mortis causa dell’originario attore, con ricorso fondato su due motivi;

il Ministero della salute e l’Assessorato regionale hanno resistito con controricorso unitario;

Diritto

CONSIDERATO

che:

con atto ritualmente depositato e sottoscritto, la ricorrente ha dichiarato di rinunciare al ricorso;

va di conseguenza dichiarato estinto il giudizio, ai sensi dell’art. 391 c.p.c.;

le spese di lite possono essere compensate;

P.Q.M.

la Corte di cassazione, visto l’art. 391 c.p.c., dichiara estinto il giudizio e compensa integralmente tra le parti le spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, il 20 settembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 21 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA