Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 33078 del 20/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 20/12/2018, (ud. 20/11/2018, dep. 20/12/2018), n.33078

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Presidente –

Dott. TERRUSI Francesco – Consigliere –

Dott. LAMORGESE Antonio Pietro – rel. Consigliere –

Dott. NAZZICONE Loredana – Consigliere –

Dott. DOLMETTA Aldo Angelo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 798-2018 proposto da:

M.I., elettivamente domiciliato in ROMA, PIAZZA CAVOUR

presso la CANCELLERIA della CORTE di CASSAZIONE, rappresentato e

difeso dall’avvocato ANTONIO FRATERNALE;

– ricorrente –

contro

MINISTERO DELL’INTERNO (OMISSIS);

– intimato –

avverso la sentenza n. 1669/2017 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata 1’8/11/2017;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio non

partecipata del 20/11/2018 dal Consigliere Relatore Dott. ANTONIO

PIETRO LAMORGESE.

Fatto

PREMESSO

che la Corte d’appello de L’Aquila, con sentenza dell’8 novembre 2017, ha dichiarato inammissibile l’appello di M.I. avverso l’impugnata ordinanza, comunicata il 16 giugno 2017, che aveva negato il riconoscimento della protezione internazionale, ritenendolo irritualmente proposto con atto di citazione tardivamente depositato in cancelleria il 22 luglio 2017;

che l’interessato ha proposto ricorso per cassazione, denunciando violazione e falsa applicazione di norme di diritto;

che il Ministero dell’interno non ha presentato controricorso.

Diritto

RILEVATO

che è opportuno che la causa sia discussa in pubblica udienza, per l’esigenza di un approfondimento degli effetti della recente sentenza delle Sezioni Unite n. 28575 del 2018 in materia.

P.Q.M.

Rimette la causa alla 1 Sezione per la trattazione in udienza pubblica.

Così deciso in Roma, il 20 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 20 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA