Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3304 del 05/02/2019

Cassazione civile sez. II, 05/02/2019, (ud. 25/05/2018, dep. 05/02/2019), n.3304

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SECONDA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MATERA Lina – Presidente –

Dott. COSENTINO Antonello – Consigliere –

Dott. SCARPA Antonio – Consigliere –

Dott. FORTUNATO Giuseppe – rel. Consigliere –

Dott. OLIVA Stefano – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA INTERLOCUTORIA

sul ricorso iscritto al n. 25821/2014 R.G. proposto da:

P.J., rappresentato e difeso dall’Avv. Paolo Pulze e dall’avv.

Domenico Battista, con domicilio eletto presso quest’ultimo, in

Roma, Via Via Trionfale n. 5637.

– ricorrente –

contro

B.O., rappresentata e difesa dall’avv. Giampaolo Pacini,

con domicilio eletto in Roma, Via Flavio Stilicone 169, presso lo

studio dell’avv. Antonio Mercuri;

– controricorrente – ricorrente in via incidentale –

e

P.R.C., rappresentato e difeso dall’avv. Anna Maria

Buzzoni Zoccola, con domicilio eletto in Roma, Via Attilio Regolo,

presso lo studio dell’avv. Zosima Vecchio.

– controricorrente – ricorrente in via incidentale –

avverso la sentenza della Corte d’appello di Milano n. 2105/2014,

depositata in data 6.6.2014.

Fatto

RILEVATO

CHE:

si controverte, tra l’altro, della divisione giudiziale dell’eredità di P.O.A., e che al giudizio di appello hanno partecipato, pur restando contumaci, P.R.C., P.C., P.C.D., P.I.I. e P.A.A., eredi del de cuius, ai quali non risulta notificato il ricorso per cassazione;

che la sentenza di secondo grado ha dato atto che nel corso del giudizio di primo grado P.C.D., P.I.I. e P.C. hanno ceduto le rispettive quote ereditarie a P.J. e P.R.C., senza che risulti l’estromissione dal giudizio dei suddetti cedenti che, quindi, avendo conservato -Euro 4434411. la qualità di parti del giudizio di appello, dovevano essere evocati in sede di legittimità (Cass. 1535/2010; Cass. 18438/2006).

Diritto

RITENUTO

CHE:

– occorra, pertanto, disporre la notifica del ricorso nel termine fissato in dispositivo a tutte le parti pretermesse.

PQM

ordina la notifica del ricorso per cassazione a P.R.C., P.C., P.C.D., P.I.I. e P.A.A., nel termine di sessanta giorni dalla comunicazione della presente ordinanza, e rinvia la causa a nuovo ruolo.

Così deciso in Roma, il 25 maggio 2018.

Depositato in Cancelleria il 5 febbraio 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA