Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32999 del 13/12/2019

Cassazione civile sez. VI, 13/12/2019, (ud. 05/11/2019, dep. 13/12/2019), n.32999

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE 1

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. DI VIRGILIO Rosa Maria – Presidente –

Dott. SCALDAFERRI Andrea – Consigliere –

Dott. MELONI Marina – Consigliere –

Dott. FERRO Massimo – rel. Consigliere –

Dott. CAMPESE Eduardo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

Sul ricorso proposto da:

P.P., rappr. e dif. dall’avv. Carlo Zauli e dall’avv. Fabrizio

Gizzi, elett. dom. presso lo studio del secondo, in Roma, via

Oslavia n. 30, come da procura in calce all’atto;

– ricorrente –

Contro

RAAL s.r.l. in liquidazione, in persona del L.R. p.t.;

– intimato –

per il regolamento di competenza contro l’ordinanza Trib. Bologna

3.10.2018, n. 1066/2018, R.G. 17264/2017;

lette le conclusioni del P.G. in persona del sostituto procuratore

generale Dott.ssa Zeno Immacolata;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

giorno 5 novembre 2019 dal Consigliere relatore Dott. Ferro Massimo.

Fatto

FATTI DI CAUSA E RAGIONI DELLA DECISIONE

Rilevato che:

1. P.P. impugna la statuizione sulla competenza, negata dal decreto Trib. Trib. Bologna 3.10.2018, n. 1066/2018, R.G. 17264/2017, avendo riguardo alla causa civile promossa da RAAL Immobiliare s.r.l. contro la medesima ricorrente;

2. la dichiarazione d’incompetenza per materia, in favore della sezione specializzata in materia d’impresa del tribunale di Bologna, è stata emessa unitamente alla dichiarazione di nullità del decreto ingiuntivo Trib. Bologna 5471/2017 del 7.9.2017 (già chiesto ed ottenuto da P.), con assegnazione del termine di tre mesi per la riassunzione avanti all’Ufficio competente e con compensazione sulle spese;

3. parte ricorrente ha depositato atto di rinuncia agli atti del giudizio, dichiarando altresì di non avere alcun interesse a proseguirlo, e così anche con riguardo al giudizio di merito, dando altresì atto della intervenuta conciliazione fra le parti originarie;

4. va dunque dichiarata l’estinzione del giudizio ai sensi dell’art. 391 c.p.c. e non v’è luogo a provvedere sulle spese di lite;

5. non sussistono, inoltre, i presupposti per l’applicazione del D.P.R. 30 maggio 2002, n. 115, art. 13, comma 1-quater, inserito dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, art. 1, comma 17, in tema di contributo unificato per i gradi o i giudizi di impugnazione (Cass. 25485/2018, 19560/2015 e Cass. 25722/2019).

P.Q.M.

La Corte dichiara l’estinzione del giudizio. Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, inserito dalla L. n. 228 del 2012, art. 1, comma 17, dà atto della insussistenza dei presupposti per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso giusta lo stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 5 novembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA