Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32980 del 13/12/2019

Cassazione civile sez. lav., 13/12/2019, (ud. 05/06/2019, dep. 13/12/2019), n.32980

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Presidente –

Dott. ARIENZO Rosa – Consigliere –

Dott. DE GREGORIO Federico – Consigliere –

Dott. LORITO Matilde – rel. Consigliere –

Dott. PONTERIO Carla – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 28929/2014 proposto da:

P.S., + ALTRI OMESSI, elettivamente domiciliati in ROMA,

CORSO VITTORIO EMANUELE II 209, presso lo studio dell’avvocato LUCA

SILVESTRI, rappresentati e difesi dagli avvocati ERNESTO MARIA

CIRILLO, LUIGI ROMANO;

– ricorrenti principali – controricorrenti incidentali –

contro

ACCENTURE HR SERVICE S.P.A., in persona del legale rappresentante pro

tempore elettivamente domiciliata in ROMA, VIALE DELLE MILIZIE 114,

presso lo studio dell’avvocato ANTONIO VALLEBONA, che la rappresenta

e difende unitamente agli avvocati ANNAMARIA PEDRONI, ANDREA NICOLO’

STANCHI, VINCENZO STANCHI;

– controricorrente –

e contro

TELECOM ITALIA S.P.A., C.F. (OMISSIS), in persona del legale

rappresentante pro tempore elettivamente domiciliata in ROMA, VIA L.

G. FARAVELLI 22, presso lo studio dell’avvocato ARTURO MARESCA, che

la rappresenta e difende unitamente agli avvocati ROBERTO ROMEI,

FRANCO RAIMONDO BOCCIA, ENZO MORRICO;

– controricorrente e ricorrente incidentale –

avverso la sentenza n. 972/2014 della CORTE D’APPELLO di PALERMO,

depositata il 27/05/2014 R.G.N. 2148/2011;

Il P.M., ha depositato conclusioni scritte.

Fatto

RILEVATO

Che:

P.S. e plurimi litisconsorti adivano il Tribunale di Palermo e deducevano di aver lavorato alle dipendenze di Telecom Italia spa sino al 31 ottobre 2000 con mansioni impiegatizie nell’ambito dell’Ufficio personale; precisavano che:in tale data, detto servizio di amministrazione era stato ceduto a Tele Payroll Services spa, interamente partecipata da Telecom s.p.a., e che successivamente (il 1/3/2003) l’intero pacchetto azionario Tele Payroll Services s.p.a. era stato ceduto alla società Accenture HR ServiceInternational Limited, ivi compreso il ramo di azienda cui appartenevano sin dall’origine. Sul rilievo dell’invalidità della cessione, perchè disposta in assenza dei presupposti sanciti ex art. 2112 c.c., chiedevano accertarsi l’inefficacia nei loro confronti del trasferimento del ramo d’azienda con accertamento della permanenza dei rapporti di lavoro con Telecom s.p.a. e reintegra nel posto di lavoro.

Il Tribunale di Palermo, rilevata la carenza di interesse ad agire dei ricorrenti, rigettava il ricorso.

La Corte d’Appello di Palermo, a propria volta, respingeva il gravame proposto dai lavoratori avverso tale decisione.

Sulla premessa della sussistenza di un interesse ad agire dei lavoratori nel presente giudizio, la Corte di merito, in estrema sintesi, all’esito dello svolgimento di accertamenti tecnici affidati ad esperti di discipline aziendalistiche, argomentava in ordine alla ricorrenza dei presupposti di una legittima cessione di ramo d’azienda sanciti dall’art. 2112 c.c., come definiti alla luce della elaborazione dottrinaria e giurisprudenziale, anche di livello sovranazionale.

Per la cassazione di tale decisione ricorrono i lavoratori, prospettando cinque motivi di impugnazione, successivamente illustrati da memoria. Telecom Italia spa, resiste con controricorso proponendo altresì ricorso incidentale ex art. 371 c.p.c.. La Accenture HR Service International Limited s.p.a. oppone a propria volta difese con controricorso e deposita memoria.

Diritto

CONSIDERATO

che:

1.Con cinque motivi, sotto il profilo della violazione dell’art. 2112 c.c. (primo motivo), dell’art. 116 c.c. (quarto motivo), art. 2697 c.c. e art. 112 c.p.c. (quinto motivo) ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3., nonchè in ragione dell’omesso esame circa un fatto decisivo ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 (secondo e terzo motivo), i ricorrenti stigmatizzano l’impugnata sentenza per avere ritenuto sussistenti i presupposti di applicabilità dell’art. 2112 c.c., nonostante la mancanza di autonomia economica, organizzativa e funzionale dell’ufficio personale cui erano addetti, integranti elementi coessenziali per l’individuazione di una nozione legale di cessione di ramo d’azienda.

Criticano gli approdi ai quali è pervenuto il giudice del gravame in ordine alla ricorrenza dei presupposti di legittimità della vicenda traslativa scrutinata, prospettando l’insussistenza del requisito della preesistenza del ramo ceduto; deducono in particolare, che la cessione in esame era il frutto dello smembramento avvenuto in prossimità del negozio traslativo, della divisione Risorse Umane, che comprendeva una pluralità di attività fungibili fra i vari lavoratori, in cui era ricompresa quella relativa alla Amministrazione del Personale, struttura creata ad hoc in occasione del trasferimento.

Al riguardo precisano che “per avere un trasferimento d’azienda è necessario che l’oggetto del trasferimento sia un’attività economica strutturata che già prima del trasferimento abbia determinate caratteristiche di entità organizzata e idonea alla produzione di beni e servizi, la quale deve conservare la propria identità anche a seguito del passaggio al nuovo imprenditore”. Si dolgono quindi della insussistenza, nella specie, dei requisiti individuati in sede giurisprudenziale, come coessenziali alla definizione di una legittima cessione di ramo d’azienda.

2. Sotto altro versante, con unico motivo, la Telecom s.p.a. dispiega ricorso incidentale, con il quale denuncia violazione e falsa applicazione degli artt. 1362,1372,1406 e 2697 c.c., degli artt. 100 e 112 c.p.c. in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, nonchè omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio ex all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5.

La società critica la sentenza impugnata per aver ritenuto sussistente l’interesse ad agire dei lavoratori, tralasciando di considerare l’ulteriore eccezione formulata e relativa alla sussistenza di un comportamento di tacita accettazione, da parte dei lavoratori, del trasferimento del ramo d’azienda, avvenuto nove anni prima della proposizione del ricorso in sede giudiziale.

3. Il ricorso principale, le cui censure possono congiuntamente trattarsi per presupporre la soluzione di questioni giuridiche connesse, non è fondato.

Ed invero, le critiche articolate, essenzialmente, tendono a pervenire ad un rinnovato apprezzamento del merito, non consentito nella presente sede di legittimità.

Non può sottacersi al riguardo, che la Corte d’appello, con motivazione congrua e conforme a diritto, fondata puntualmente sulle risultanze della espletata consulenza tecnica, criticamente esaminata, ha correttamente valutato gli elementi di fatto riconoscendo la configurabilità della cessione del ramo d’azienda.

In particolare la Corte ha accertato che il complesso denominato “AMMINISTRAZIONE DEL PERSONALE”, di cui erano parte gli attuali ricorrenti, era dotato di una stabile e consolidata autonomia organizzativa e poteva quindi qualificarsi, sin dal gennaio 2000, in epoca anteriore alla cessione, come un autonomo ramo di azienda, secondo quanto previsto dall’art. 2112 c.c..

Ed infatti la consulenza tecnica – sulla quale si è fondato il convincimento della Corte territoriale – aveva mostrato che all’interno del complesso aziendale la struttura descritta, raggruppava tutti gli organi impegnati nelle attività di “inputting di dati nei sistemi informativi, di stampa documenti, di controllo e verifica dati,di archiviazione documenti, di emissione di documenti, di gestione dei rapporti con enti terzi…tutte collegate alla gestione degli aspetti retributivi, fiscali, tributari, previdenziali e, in generale, amministrativi del personale”…

La consulenza, con esame approfondito e dettagliato dell’organizzazione aziendale, è pervenuta alla conclusione che la struttura considerata ha rappresentato dal gennaio 2000 al momento della sua cessione alla Tess s.p.a. un ramo di azienda, ossia una articolazione autonoma dal punto di vista funzionale e organizzativo di Telecom s.p.a. e che le competenze nel campo della gestione dei servizi di amministrazione del personale acquisite dai lavoratori, conferivano loro professionalità certamente sufficienti a svolgere le attività richieste nell’ambito della articolazione “Amministrazione del personale”.

Secondo la Corte territoriale il processo produttivo proprio di tale articolazione, non era un mero raggruppamento di attività costituito ad hoc, in prossimità della cessione, bensì un insieme di attività rese omogenee proprio dal fatto di costituire un intero processo aziendale in grado di offrire in maniera autonoma dal punto di vista funzionale ed organizzativo un servizio spendibile sul mercato.

Correttamente la Corte territoriale ha rilevato che ciò che si richiede, ai fini della sussistenza del requisito di cui all’art. 2112 c.c., è l’idoneità all’esercizio in modo autonomo dell’attività produttiva e quindi alla realizzazione del risultato produttivo, riscontrato nel caso in esame, in coerenza con i dicta della Corte di Giustizia, che nelle sentenze nn. 127/96, 229/96, 74/97, Vidal, e nelle sentenze nn. 173/96, 24/96, Hidalgo, ha ritenuto che possa rientrare nel concetto di entità autonoma anche “un gruppo o complesso organizzato di lavoratori subordinati specificamente e stabilmente assegnati all’espletamento di un compito comune”.

4. Le cennate conclusioni, sostenute da puntuali e congrue argomentazioni, rispondono ai principi del tutto consolidati nella giurisprudenza di questa Corte secondo cui ai fini dell’applicazione dell’art. 2112 c.c. nel testo introdotto dal D.Lgs. 2 febbraio 2001, n. 18, art. 1 – anche in quello modificato dal D.Lgs. n. 276 del 2003, art. 32 – integra elemento costitutivo della cessione l’autonomia funzionale del ramo ceduto, ovvero la sua capacità, già al momento dello scorporo dal complesso cedente, di provvedere ad uno scopo produttivo con i propri mezzi funzionali ed organizzativi e quindi di svolgere, autonomamente dal cedente e senza integrazioni di rilievo da parte del cessionario, il servizio o la funzione cui risultava finalizzato nell’ambito dell’impresa cedente, situazione ravvisabile (quando non occorrano particolari mezzi patrimoniali per l’esercizio dell’attività economica) anche rispetto ad un complesso stabile organizzato di persone, addirittura in via esclusiva, purchè dotate di particolari competenze e stabilmente coordinate ed organizzate tra loro, così da rendere le loro attività interagenti e idonee a tradursi in beni e servizi ben individuabili. (vedi ex plurimis, Cass. 8/11/2018 n. 28593, Cass. 31/5/2016 n. 11247).

Si è infatti sostenuto in tema (vedi Cass. 30/4/2014 n. 9461, Cass. 30/1/2013 n. 2151) che oggetto di valido procedimento traslativo deve essere un’entità economica organizzata in modo stabile e non destinata all’esecuzione di una sola opera (cfr. Corte di Giustizia CE, sentenza 24 gennaio 2002, C-51/00), ovvero un’organizzazione quale legame funzionale che renda le attività dei lavoratori interagenti e capaci di tradursi in beni o servizi determinati (Cass. 8/6/2009 n. 13171) e possegga propria identità funzionalmente autonoma che resti conservata con il trasferimento, secondo quanto stabilito dalla direttiva CE n. 98/50, nonchè dalla n. 23/2001 secondo cui “è considerato come trasferimento ai sensi della presente direttiva quello di un’entità economica che conserva la propria identità, intesa come insieme di mezzi organizzati al fine di svolgere un’attività economica, sia essa essenziale o accessoria”(all’art. 1, lett. b).

5. Conclusivamente, alla stregua delle superiori argomentazioni, il ricorso principale è respinto.

Alla reiezione del ricorso principale consegue l’assorbimento del ricorso incidentale, successivo in ordine logico.

Le spese del presente giudizio di legittimità seguono il regime della soccombenza, liquidate come in dispositivo.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, nel testo risultante dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, deve provvedersi, ricorrendone i presupposti, come da dispositivo.

PQM

La Corte rigetta il ricorso principale, assorbito il ricorso incidentale. Condanna i ricorrenti al pagamento delle spese del presente giudizio in favore di ciascuna delle controricorrenti, che liquida in Euro 200,00 per esborsi ed Euro 3.000,00 per compensi professionali, oltre spese generali al 15% ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte dei ricorrenti principali, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato, pari a quello dovuto per il ricorso principale, a norma dello stesso art. 13, comma 1 bis.

Così deciso in Roma, nella Adunanza camerale, il 5 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2019

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA