Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32922 del 13/12/2019

Cassazione civile sez. I, 13/12/2019, (ud. 20/09/2019, dep. 13/12/2019), n.32922

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. CAMPANILE Pietro – Presidente –

Dott. MARULLI Marco – Consigliere –

Dott. IOFRIDA Giulia – Consigliere –

Dott. CAIAZZO Luigi Pietro – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 24347/2018 proposto da:

K.Z., elettivamente domiciliato in Roma V.vito Giuseppe Galati

100-c presso lo studio dell’avvocato Giardiello Enzo che lo

rappresenta e difende unitamente all’avvocato Giammarino Giuseppe,

Vigilante Franco Maurizio;

– ricorrente –

contro

Ministero Dell’interno, (OMISSIS);

– intimato –

avverso il decreto del TRIBUNALE di NAPOLI, depositato il 28/06/2018;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

20/09/2019 da Dott. SOLAINI LUCA;

udito l’Avvocato;

udito il P.M. in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

PATRONE IGNAZIO.

Fatto

FATTI DI CAUSA

Il Tribunale di Napoli ha respinto l’opposizione proposta da K.Z., cittadino ivoriano, avverso la decisione con la quale la commissione territoriale di Caserta gli aveva negato il riconoscimento della protezione internazionale anche nella forma sussidiaria e di quella umanitaria.

Il richiedente asilo aveva riferito di essere nato in (OMISSIS), di essere di religione mussulmana e di essere fuggito dal proprio paese per il timore di essere accusato dell’incendio che aveva involontariamente provocato nel 2015 a (OMISSIS) dove si era trasferito nel 2012 per lavorare come aiutante in una piantagione di cacao. Infatti, nel marzo del 2015 tale piantagione aveva preso improvvisamente fuoco e l’incendio si era esteso anche alle piantagioni confinanti. Dell’accaduto, veniva accusato anche il ricorrente che veniva picchiato, minacciato e rinchiuso in una casa dove, dopo qualche giorno, era riuscito a fuggire e temendo per la propria incolumità si decise di lasciare definitivamente il paese.

A sostegno della propria decisione di rigetto, il Tribunale ha evidenziato come seppur credibile, il ricorrente non ha riferito di circostanze che possano far ritenere che, in caso di rientro nel proprio paese, egli potrebbe essere vittima di persecuzioni o correre il rischio di un danno grave alla sua incolumità o libertà personale; nè eventuali rischi derivanti da violenza generalizzata collegati a situazioni di conflitto armato, emergono dalle fonti internazionali consultate nell’esercizio dei poteri officiosi. Il Tribunale ha rilevato come il richiedente sia espatriato per la ragione economica di non essere in grado di risarcire il danno accidentalmente provocato, ed oltre a trattarsi di una vicenda privata, egli non si era mai rivolto alla polizia per ottenere protezione o per dimostrare la sua incolpevolezza. Non sussistevano neppure i presupposti per il riconoscimento della protezione umanitaria.

Contro il decreto del Tribunale di Napoli è ora proposto ricorso per cassazione sulla base di due motivi.

Il Ministero dell’Interno non ha spiegato difese scritte.

Il giudizio è stato rimesso in pubblica udienza, dall’ordinanza interlocutoria della sesta sezione civile di questa Corte n. 9162/19.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Il ricorrente censura la decisione del Tribunale: (i) sotto un primo profilo, per nullità del decreto, per violazione del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis, comma 11 come modificato dal D.L. n. 13 del 2017 convertito nella L. n. 46 del 2017, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 1, n. 4, per aver escluso la necessità dell’udienza di comparizione, pur in assenza della videoregistrazione del colloquio davanti alla Commissione Territoriale; (ii) sotto un secondo profilo, per nullità del decreto, per omessa motivazione in ordine alla mancata fissazione dell’udienza, D.Lgs. n. 25 del 2008, ex art. 35 bis comma 11, lett. a e b, in combinato con l’art. 111 Cost. e con l’art. 132 c.p.c., in riferimento all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 4.

I due motivi di ricorso, che possono essere oggetto di un esame congiunto, perchè connessi, sono fondati.

Secondo la giurisprudenza di questa Corte “In tema di protezione internazionale, allorchè il richiedente impugni la decisione della Commissione territoriale e la videoregistrazione del colloquio non sia disponibile, il giudice deve fissare l’udienza per la comparizione delle parti, configurandosi, in difetto, la nullità del decreto che decide il ricorso per violazione del principio del contraddittorio, a nulla rilevando che l’audizione, nella specie, sia stata effettuata davanti alla Commissione territoriale in data anteriore alla consumazione del termine di 180 giorni dall’entrata in vigore del D.L. n. 13 del 2017, convertito nella L. n. 46 del 2017, essendo l’udienza di comparizione delle parti, anche in tale ipotesi, conseguenza obbligata della mancanza della videoregistrazione” (Cass.- n. 32029/18, 10786/19, 5973/19, v. anche Cass. n. 2817/19, la quale pur ribadendo l’obbligatorietà della fissazione dell’udienza, ai sensi del D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis ha precisato che ciò non comporta automaticamente la necessità di dar corso alla audizione del richiedente; Corte giust. 26 luglio 2017, in causa C-348/16, Moussa Sacko).

Nel caso di specie, Il Tribunale di Napoli ha disatteso il superiore principio di diritto, in quanto ha ritenuto che poichè la videoregistrazione non era obbligatoria al momento dello svolgimento del colloquio, non fosse applicabile il D.Lgs. n. 25 del 2008, art. 35 bis, comma 11 nella versione attualmente vigente, laddove alla lett. a) prevede che “l’udienza è altresì disposta…” se “la videoregistrazione non è disponibile”.

Il decreto va, pertanto, cassato e la causa va rinviata al Tribunale di Napoli, affinchè, alla luce dei principi sopra esposti, riesamini il merito della controversia.

P.Q.M.

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

Accoglie il ricorso.

Cassa il decreto impugnato e rinvia, anche per le spese del presente giudizio di legittimità, al Tribunale di Napoli, in diversa composizione.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 20 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA