Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32878 del 13/12/2019

Cassazione civile sez. trib., 13/12/2019, (ud. 25/06/2019, dep. 13/12/2019), n.32878

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MAGDA Cristiano – Presidente –

Dott. BRUSCHETTA L. Ernestino – Consigliere –

Dott. D’AQUINO Filippo – rel. Consigliere –

Dott. PUTATURO DONATI VISCIDO di NOCERA M.G. – Consigliere –

Dott. FANTICINI Giovanni – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 11632/2015 R.G. proposto da:

MANNINI COSTRUZIONI SRL (C.F. (OMISSIS)), in persona del legale

rappresentante pro tempore, rappresentato e difeso dagli Avv.ti

CORUZZO MARCO e ROMEO CARLO, elettivamente domiciliato presso

quest’ultimo in Roma, Viale delle Milizie, 76;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE (C.F. (OMISSIS)), in persona del Direttore pro

tempore, rappresentata e difesa dall’Avvocatura Generale dello

Stato, presso la quale è domiciliata in Roma, via dei Portoghesi,

12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale della

Toscana n. 2437/14 depositata il 15 dicembre 2014.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 25 giugno

2019 dal Consigliere D’Aquino Filippo.

Fatto

RILEVATO

Che:

M. Costruzioni s.r.l. impugnò l’avviso di accertamento, relativo all’anno di imposta 2007, con il quale l’Agenzia delle entrate, rilevato uno scostamento dai dati desumibili dagli studi di settore, aveva rettificato in aumento i ricavi da essa dichiarati, liquidando le maggiori Irap, Ires ed Iva ritenute dovute;

la CTP di Firenze accolse il ricorso; la CTR della Toscana, con sentenza in data 15 dicembre 2014, ha parzialmente accolto l’appello proposto dall’Agenzia delle entrate contro la decisione, rilevando che nell’avviso erano ampiamente esposti i motivi sui quali si fondava la determinazione del maggior reddito dell’impresa M., ma che tuttavia, essendo più confacente all’attività della contribuente uno studio di settore diverso da quello applicato dall’amministrazione, l’imponibile non dichiarato andava quantificato in misura inferiore a quella indicata nell’atto impositivo;

M. Costruzioni propone ricorso per la cassazione della sentenza, affidato a due motivi, cui l’Agenzia delle entrate resiste con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

Che:

con il primo motivo si deduce nullità della sentenza per violazione dell’art. 112 c.p.c.; parte ricorrente assume di avere eccepito sin dal primo grado del giudizio l’omessa allegazione e la mancanza di prova delle gravi incongruenze quantitative e qualitative tra i ricavi dichiarati e quelli applicati a termini del D.L. 30 agosto 1993, n. 331, art. 62-sexies e lamenta che il giudice di appello abbia omesso sia di verificare autonomamente l’applicabilità in concreto dello studio di settore sia di valutare le circostanze da essa addotte a giustificazione del minimo scostamento (pari al 6,70%) rilevato dall’amministrazione;

con il secondo motivo si deduce omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio a termini dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, per avere il giudice di appello ritenuto applicabile lo studio di settore indicato dalla ricorrente, ma senza valutare se ricorressero i fatti dalla stessa allegati a giustificazione dello scostamento reddituale rilevato;

i motivi, che sostanzialmente veicolano la medesima questione (ancorchè il primo, che denuncia in concreto un vizio di motivazione, sia stato erroneamente rubricato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 4) e che possono quindi essere congiuntamente esaminati, sono fondati;

la circostanza che l’avviso fosse motivato non era, infatti, ragione sufficiente ad esonerare il giudice d’appello dall’esaminare i numerosi elementi dedotti da M. Costruzioni (crisi del settore edilizio residenziale; problematiche afferenti il personale dipendente; blocco di un cantiere) a sostegno del proprio assunto difensivo, i quali, ove ritenuti sussistenti, sarebbero risultati decisivi ai fini della prova dell’illegittimità dell’atto impositivo;

limitandosi a rilevare che l’Agenzia aveva ampiamente esposto i motivi che avevano condotto alla quantificazione del maggior reddito dell’impresa, la CTR ha, sostanzialmente, aderito acriticamente alla tesi dell’appellante, venendo meno al compito, che la natura della lite le imponeva, di fornire una propria, autonoma valutazione dei fatti controversi;

il ricorso va, pertanto, accolto, con conseguente cassazione della sentenza impugnata e rinvio della causa, per un nuovo esame, alla CTR della Toscana in diversa composizione, che liquiderà anche le spese del giudizio di legittimità.

P.Q.M.

La Corte accoglie il ricorso, cassa la sentenza impugnata e rinvia alla CTR della Toscana in diversa composizione, anche per la liquidazione delle spese del giudizio di legittimità.

Così deciso in Roma, nell’adunanza camerale, il 25 giugno 2019.

Depositato in Cancelleria il 13 dicembre 2019

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA