Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32848 del 19/12/2018

Cassazione civile sez. trib., 19/12/2018, (ud. 29/11/2018, dep. 19/12/2018), n.32848

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PETITTI Stefano – Presidente –

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Consigliere –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. GUIDA Riccardo – Consigliere –

Dott. FRACANZANI Marcello M. – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso iscritto al n. 26783-2012 R.G. proposto da:

L.M. s.r.l., con gli avvocati Bertaggia Lorenzo e Dante

Enrico, domiciliata presso lo studio del secondo, in Roma, alla via

Tacito, n. 10;

– ricorrente –

contro

Agenzia delle Entrate, rappresentata e difesa dall’Avvocatura

Generale dello Stato, ed ivi domiciliata in via dei Portoghesi, n.

12;

– controricorrente –

avverso la sentenza della Commissione Tributaria Regionale per il

Piemonte, Sez. 24 n. 45/24/12 depositata in data 24/08/2012 e

notificata il 19/09/2012.

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 29 novembre

2018 dal Co: Fracanzani Marcello M..

Fatto

RILEVATO

che la soc. contribuente ha depositato in prossimità dell’udienza memoria ove dichiara di aver aderito alla definizione agevolata dei carichi di riscossione (c.d. “rottamazione cartelle”), esponendo il dovuto e producendo nota Equitalia con le somme a debito da versare per la definizione, nonchè copia delle distinte di bonifico corrispondenti alla predetta somma;

che, pertanto, la parte contribuente dichiara di aver versato quanto richiesto e che non vi è più ragione di contendere.

P.Q.M.

Dichiara l’inammissibilità del ricorso per sopravvenuta carenza di interesse e compensa le spese per il grado di giudizio.

Così deciso in Roma, il 29 novembre 2018.

Depositato in Cancelleria il 19 dicembre 2018

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA