Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3282 del 10/02/2011

Cassazione civile sez. I, 10/02/2011, (ud. 26/01/2011, dep. 10/02/2011), n.3282

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE PRIMA CIVILE

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. PROTO Vincenzo – rel. Presidente –

Dott. FELICETTI Francesco – Consigliere –

Dott. RAGONESI Vittorio – Consigliere –

Dott. BISOGNI GIACINTO – Consigliere –

Dott. DE CHIARA Carlo – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

sentenza

sul ricorso 19904/2007 proposto da:

B.T. (C.F. (OMISSIS)), elettivamente

domiciliato in ROMA, VIA TIMAVO 3, presso l’avvocato LIVI MAURO,

rappresentato e difeso dall’avvocato PROVERBIO Michele, giusta

procura a margine del ricorso;

– ricorrente –

contro

L.L.;

– intimata –

avverso la sentenza n. 3533/2006 della CORTE D’APPELLO di ROMA,

depositata il 2 6/07/2006;

udita la relazione della causa svolta nella Pubblica udienza del

26/01/2011 dal Presidente Dott. VINCENZO PROTO;

udito il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott.

CARESTIA Antonietta, che ha concluso per l’inammissibilità del

ricorso.

Fatto

SVOLGIMENTO DEL PROCESSO

Con la sentenza impugnata in questa sede, depositata il 26 luglio 2006, la Corte di appello di Roma ha confermato la decisione del Tribunale di Roma che – dichiarata con sentenza non definitiva la cessazione degli effetti civili del matrimonio concordatario contratto in data (OMISSIS) da B.T. e da L.L. – aveva poi (con sentenza definitiva) stabilito il diritto della L. ad un assegno divorzile, determinato in Euro 750,00 mensili con decorrenza dal luglio 2004, ed aveva infine dichiarato cessato ogni obbligo di mantenimento nei confronti dei figli.

Avverso quest’ultima pronuncia il Boccagli ha proposto ricorso per cassazione con tre motivi, illustrati con memoria. Al ricorso non ha resistito la parte intimata.

Diritto

MOTIVI DELLA DECISIONE

Col primo motivo il ricorrente denuncia erronea e falsa applicazione di principi nonchè erronea ed omessa valutazione delle prove e contraddittorietà di motivazione in ordine al riconoscimento dell’assegno divorziale.

Col secondo motivo deduce falsa applicazione di principi in ordine alla quantificazione dell’assegno stesso.

Col terzo motivo infine lamenta la erroneità dell’affermazione contenuta nella sentenza impugnata in ordine alla, irripetibilità delle somme versate dal ricorrente in esubero per il figlio M..

Il ricorso è inammissibile, in quanto alle censure non seguono i quesiti (da formularsi nello stesso ricorso) previsti a pena di inammissibilità, dall’art. 366 bis c.p.c. (abrogato dalla L. 18 giugno 2009, n. 69, art. 47), per le impugnazioni proposte avverso le sentenze pubblicate a decorrere dal 2 marzo 2006; norma applicabile ratione temporis alla fattispecie, in quanto la sentenza impugnata risulta depositata il 24 luglio 2006.

Nessun provvedimento per le spese del giudizio di cassazione.

P.Q.M.

La Corte dichiara il ricorso inammissibile.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio della Sezione Prima Civile, il 26 gennaio 2011.

Depositato in Cancelleria il 10 febbraio 2011

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA