Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32665 del 17/12/2018

Cassazione civile sez. VI, 17/12/2018, (ud. 11/10/2018, dep. 17/12/2018), n.32665

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE SESTA CIVILE

SOTTOSEZIONE T

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANZON Enrico – Presidente –

Dott. NAPOLITANO Lucio – Consigliere –

Dott. LUCIOTTI Lucio – Consigliere –

Dott. CRICENTI Giuseppe – Consigliere –

Dott. SOLAINI Luca – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 23303-2017 proposto da:

ISTITUTO SAN MARCO ENTE NAZIONALE DI PREVIDENZA E ASSISTENZA

LAVORATORI, in persona del legale rappresentante pro tempore,

elettivamente domiciliato in ROMA, VIA MACHIAVELLI 25, presso lo

studio dell’avvocato PIO CENTRO, che lo rappresenta e difende

unitamente all’avvocato BRUNO PARISI;

– ricorrente –

contro

COMUNE DI LATINA, in persona del Sindaco pro tempore, elettivamente

domiciliato in ROMA, PIAZZA DELL’OROLOGIO 7, presso lo studio

dell’avvocato PAOLO PONTECORVI, rappresentato e difeso dall’avvocato

FRANCESCO DI LEGINIO;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 1633/8/2017 della COMMISSIONE TRIBUTARIA

REGIONALE di ROMA, depositata il 27/03/2017; udita la relazione

della causa svolta nella camera di consiglio non partecipata del

11/10/2018 dal Consigliere Dott. LUCA SOLAINI. R.G. 23303/17.

Fatto

RAGIONI DELLA DECISIONE

Con ricorso in Cassazione affidato a un motivo (ancorchè distinto in 2 censure), nei cui confronti il comune di Latina ha resistito con controricorso, l’ente previdenziale ricorrente censura la sentenza della CTR del Lazio, in tema di avviso d’accertamento ICI per il 2007, per un immobile di proprietà del medesimo ente ma dato in locazione per finalità commerciali, dove si è fatta questione dell’efficacia espansiva o meno, per il presente giudizio, del giudicato sul valore della rendita catastale, intervenuto per le annualità 1998 e 2002.

L’ente ricorrente deduce, da una parte, il vizio di violazione dell’art. 2909 c.c. e della L. n. 296 del 2006, art. 1, comma 162, in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, e dall’altra, il vizio di omesso esame di un fatto decisivo per il giudizio (il classamento catastale C/1 non sarebbe stato conseguito con la denuncia DOCFA del 2007, ma era preesistente alla stessa), in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, in quanto, erroneamente, i giudici d’appello non avrebbero riconosciuto efficacia ultra annuale alle sentenze passate in cosa giudicate intervenute tra le medesime parti, in relazione al medesimo immobile e relative alle annualità 1998-2002, ed, inoltre, la circostanza di fatto che nell’anno 2007 sarebbe intervenuta una variazione catastale in C/1 che giustificherebbe la diversa categoria commerciale sarebbe frutto di un omesso esame degli atti, in quanto, tale distinzione catastale era già presente negli anni precedenti.

I due motivi di ricorso, che possono essere oggetto di un esame congiunto, perchè connessi, sono infondati.

Secondo la giurisprudenza di questa Corte In materia tributaria, l’Otto vincolante del giudicato esterno, in relazione alle imposte periodiche, è limitato ai soli casi in cui vengano in esame fatti che, per legge, hanno efficacia permanente o pluriennale, producendo effetti per un arco di tempo che comprende più periodi di imposta, o nei quali l’accertamento concerne la qualificazione di un rapporto ad esecuzione prolungata, sicchè è esclusa l’efficacia espansiva del giudicato per le fattispecie “tendenzialmente permanenti” in quanto suscettibili di variazione annuale” (Cass. 4832/15, secondo Cass. n. 12763/14, la preclusione del giudicato opera nel caso di giudizi identici – per soggetti, causa petendi e petitum – ma nei soli limiti dell’accertamento delle questioni di fatto e non anche in relazione alle conseguenze giuridiche, v. Cass. n. 20029/11, 5727/18, 26457/17, 14303/17, 20257/15, 21395/17).

Nel caso di specie, tra le stesse parti e per lo stesso immobile sono intervenuti le seguenti ordinanze emesse da questa Corte, n. 17761/18 (per l’anno 2008), n. 17762/18 (per l’anno 2009), n. 17763/18 (per l’anno 2010), n. 17760/18 (per l’anno 2011), nelle quali sussisteva lo stesso presupposto di fatto, della locazione dell’immobile ad uso commerciale da parte dell’ente previdenziale, a partire dal 2007 che è l’attuale anno in contestazione e che costituisce la circostanza che ha determinato l’ente locale ha variare il valore catastale del bene da Euro 395.484,63 a Euro 725.501,47, pertanto, il presupposto d’imposta, pur potenzialmente mutevole, si fonda sulla medesima destinazione d’uso consentita (oltre che sul medesimo contesto territoriale, urbanistico ed edilizio sottostante), che nella presente vicenda è pacificamente quella commerciale (vedi accertamento della CTR) e che fa venire meno i presupposti dell’esenzione di cui al D.Lgs. n. 504 del 1992, art. 7, comma 1, lett. i), per insussistenza del requisito oggettivo (Cass. n. 8870/16, 14226/15).

Mentre, per le annualità 1998, 2000, 2001 e 2002 anch’esse passate in giudicato, tra le stesse parti e per il medesimo immobile, non sono state considerate avere efficacia ultra annuale da questa Corte, con ordinanze n. 17761/18 (per l’anno 2008), n. 17762/18 (per l’anno 2009), n. 17763/18 (per l’anno 2010), n. 17760/18 (per l’anno 2011), perchè basate su una diversa situazione di fatto e cioè, su una diversa destinazione d’uso dell’immobile.

Le spese di lite seguono la soccombenza e sono liquidate come in dispositivo.

Va dato atto della sussistenza dei presupposti, per il versamento, da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso.

PQM

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE:

Rigetta il ricorso.

Condanna l’Istituto ricorrente a pagare al comune di Latina le spese di lite del presente giudizio che liquida nell’importo complessivo di Euro 1.400,00, oltre Euro 200,00 per esborsi, oltre il 15% per spese generali, oltre accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento da parte del ricorrente, dell’ulteriore importo pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1 – bis.

Così deciso in Roma, alla Camera di consiglio, il 11 ottobre 2018.

Depositato in Cancelleria il 17 dicembre 2018

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA