Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3261 del 11/02/2020

Cassazione civile sez. trib., 11/02/2020, (ud. 17/09/2019, dep. 11/02/2020), n.3261

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE TRIBUTARIA

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. LOCATELLI Giuseppe – Presidente –

Dott. GIUDICEPIETRO Andreina – Consigliere –

Dott. D’ANGIOLELLA Rosita – Consigliere –

Dott. D’ORAZIO Luigi – Consigliere –

Dott. DI PAOLA Luigi – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 10806-2014 proposto da:

B.A., elettivamente domiciliata in ROMA CORSO TRIESTE 61,

presso lo studio dell’avvocato MAURIZIA VENEZIA, rappresentata e

difesa dall’avvocato ANGELO GARLATI;

– ricorrente –

contro

AGENZIA DELLE ENTRATE DIREZIONE PROVINCIALE DI COMO, in persona del

Direttore pro tempore, elettivamente domiciliata in ROMA VIA DEI

PORTOGHESI 12, presso l’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO, che la

rappresenta e difende;

– controricorrente –

avverso la sentenza n. 127/2013 della COMM.TRIB.REG. di MILANO,

depositata il 24/07/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

17/09/2019 dal Consigliere Dott. LUIGI DI PAOLA.

Fatto

RILEVATO

che:

con la sentenza impugnata è stata confermata la pronuncia della Commissione Tributaria Provinciale di Como, con la quale è stata rigettata la domanda proposta dalla ricorrente indicata in epigrafe, volta all’annullamento degli avvisi (n. (OMISSIS), (OMISSIS), (OMISSIS)) di accertamento sintetico, del D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 38, di maggior reddito ai fini Irpef, e relative addizionali regionali, per gli anni 2006, 2007 e 2008;

per la cassazione della decisione ha proposto ricorso la B., affidato a tre motivi;

l’Agenzia delle Entrate ha resistito con controricorso.

Diritto

CONSIDERATO

che:

con il primo motivo, B.A. – denunciando violazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38 – si duole che il giudice di appello, nel condividere l’operato dell’Agenzia delle Entrate, abbia omesso di considerare che i tre acquisti immobiliari che hanno dato origine all’accertamento riguardano, quello avente ad oggetto l’immobile sito nel Comune di Nicotera, l’anno 2008 e, quelli concernenti la residenza secondaria in Cermenate e l’unità pertinenziale di detta residenza, l’anno 2009, il quale, tuttavia, non è stato oggetto nè di accertamento nè di verifica; sicchè ci si troverebbe “di fronte ad un paradosso giuridico secondo il quale il contribuente avrebbe dovuto dichiarare in un certo anno un reddito in previsione di un acquisto di un immobile in anni futuri pur non avendo la disponibilità di nessun reddito”. Con il secondo motivo – denunciando violazione della circolare 49/E del 9 agosto 2007 in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3 – lamenta che il predetto giudice non abbia valutato la possibilità economica dell’intero nucleo famigliare, disattendendo la previsione della predetta circolare che attribuisce rilievo al concetto di “famiglia fiscale”.

Con il terzo motivo – denunciando omessa ed insufficiente motivazione circa un punto determinante della sentenza in relazione all’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5 – si duole che il giudice del gravame non abbia motivato la propria decisione, limitandosi a dichiarare la inidoneità delle prove offerte dalla contribuente a provare la provenienza dei maggiori redditi rettificati, senza esaminarle nel dettaglio, riportandosi alle motivazioni dell’ufficio, a suo dire esaustive.

Ritenuto che: il primo motivo è infondato, poichè in tema di accertamento con metodo cd. sintetico, è legittima l’applicazione del D.P.R. n. 600 del 1973, art. 38, comma 5 (nel testo antecedente alla modifica apportata dal D.L. n. 78 del 2010, art. 22, conv. in L. n. 122 del 2010), il quale reca una presunzione “iuris tantum” di favore per il contribuente, secondo cui la spesa per incrementi patrimoniali rilevata dall’Ufficio si presume sostenuta con redditi conseguiti non solo nell’anno in cui è effettuata, ma già a partire dai quattro anni precedenti, in misura costante, ferma restando, peraltro, la facoltà per il contribuente stesso di provare che il maggior reddito è costituito, in tutto o in parte, da redditi esenti o soggetti a ritenuta alla fonte a titolo d’imposta (così Cass. n. 3403/2019; in senso analogo v., tra le altre, Cass. n. 6222/2012).

Il secondo motivo è inammissibile, non potendo dedursi ex art. 360 c.p.c., comma 1, n. 3, la violazione di circolare (cfr., sul punto, Cass. n. 14619/2000: “L’amministrazione finanziaria non ha poteri discrezionali nella determinazione delle imposte dovute e, di fronte alle notizie tributarie, detta amministrazione ed il contribuente si trovano su un piano di parità, per cui la cosiddetta interpretazione ministeriale (proveniente di solito da uffici centrali dell’Amministrazione finanziaria), sia essa contenuta in circolari o risoluzioni, non vincola nè i contribuenti nè i giudici, nè costituisce fonte di diritto. Conseguentemente a detti atti ministeriali non si estende il controllo di legittimità esercitato dalla Corte di Cassazione – ex art. 111 Cost. e art. 360 c.p.c. -, in quanto essi non sono manifestazione di attività normativa, bensì atti interni della medesima Pubblica Amministrazione destinati ad esercitare una funzione direttiva nei confronti degli uffici dipendenti ma inidonei ad incidere sul rapporto tributario”).

Il terzo motivo è del pari inammissibile, in primo luogo perchè formulato come vizio di motivazione rilevante ai sensi del testo precedente dell’art. 360 c.p.c., comma 1, n. 5, mentre la nuova versione del predetto articolo consente di censurare l’omesso esame di un fatto storico, principale o secondario, decisivo per il giudizio e trascurato dal giudice di merito (cfr., tra le altre, Cass. n. 27415/2018); in secondo, perchè il ricorso in appello è stato depositato successivamente all’11 settembre 2012, onde valgono i limiti della c.d. “doppia conforme” ex art. 348 ter c.p.c., u.c., avendo entrambi i giudici ritenuto non fornita dalla ricorrente – a seguito di esame e valutazione della documentazione prodotta – la prova liberatoria del D.P.R. n. 600 del 1973, ex art. 38, non integrata, così come evidenziato nella motivazione della sentenza impugnata, dalla mera disponibilità di proventi monetari (del resto, nell’ipotesi di doppia conforme, prevista dall’art. 348-ter c.p.c., comma 5, il ricorrente in cassazione, per evitare l’inammissibilità del motivo di cui all’art. 360 c.p.c., n. 5, deve indicare le ragioni di fatto poste a base, rispettivamente, della decisione di primo grado e della sentenza di rigetto dell’appello, dimostrando che esse sono tra loro diverse”; così Cass. n. 26774/2016).

Senza contare, infine, che la doglianza si risolve, comunque, in una censura di merito sulle valutazioni delle risultanze istruttorie effettuate dal giudice di appello, non ammessa nel giudizio di legittimità.

Al rigetto del ricorso segue il pagamento delle spese di lite, determinate come in dispositivo.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, va dato atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

PQM

rigetta il ricorso;

condanna la ricorrente al pagamento delle spese di lite in favore dell’Agenzia delle Entrate, liquidate in Euro 3.000,00, oltre spese prenotate a debito.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso, a norma dello stesso art. 13, comma 1-bis.

Così deciso in Roma, nella camera di consiglio, il 17 settembre 2019.

Depositato in Cancelleria il 11 febbraio 2020

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA