Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 3260 del 09/02/2018


Clicca qui per richiedere la rimozione dei dati personali dalla sentenza

Civile Ord. Sez. 1 Num. 3260 Anno 2018
Presidente: TIRELLI FRANCESCO
Relatore: DE CHIARA CARLO

ORDINANZA
sul ricorso proposto da:
TREVI FINANCE S.P.A. e per essa UNICREDIT CREDIT
MANAGEMENT BANK S.P.A. quale mandataria di UNICREDIT S.P.A.,
a sua volta mandataria della predetta Trevi Finance s.p.a.,
rappresentata e difesa dall’Avv. Serena Di Muro, con domicilio
eletto presso lo studio dell’Avv. Fabio Veroni in Roma, Via Chelini n.
5
– ricorrente contro
FALLIMENTO DE SANTIS GIACINTA, in persona del curatore
Dott.ssa Maria Rosa Garruzzo, rappresentato e difeso dall’Avv.
Stefano Marcelli, con domicilio eletto in Roma, Arangio Ruiz n. 23,
presso lo studio dell’avv. Pierfrancesco Macone
– controricorrente avverso la sentenza della Corte d’appello di Roma n. 6490/2013
depositato il 2 dicembre 2013.

Data pubblicazione: 09/02/2018

Udita la relazione svolta nella camera di consiglio del 27 settembre
2017 dal Consigliere Carlo DE CHIARA;
Rilevato che:

la Corte d’appello di Roma, in accoglimento del gravame proposto
dalla curatela del fallimento della sig.ra Giacinta De Santis, ha
respinto l’opposizione allo stato passivo proposta da Capitalia
Service J.V. s.r.l. a seguito della mancata ammissione del suo

avverso tale decisione ha proposto ricorso per cassazione la parte
creditrice come in epigrafe indicata;
la curatela fallimentare ha resistito con controricorso;
il PM ha rassegnato conclusioni scritte chiedendo dichiararsi
inammissibile il ricorso in quanto tardivo;
Considerato che:

vanno accolte le conclusioni del PM, adesive a eccezione della
curatela controricorrente;
ai sensi dell’art. 99, comma quinto, legge fallim. (nel testo, qui
applicabile, anteriore alla novella di cui al d.lgs. 9 gennaio 2006, n.
5), infatti, il termine per ricorrere per cassazione avverso la
sentenza di appello sull’opposizione a stato passivo è ridotto alla
metà, dunque a trenta giorni, mentre nella specie la sentenza di
appello è stata notificata il 13 dicembre 2013 e il ricorso è stato
spedito per la notifica soltanto 1’11 febbraio 2014;
le spese processuali, liquidate come in dispositivo, seguono la
soccombenza;
P.Q.M.

La Corte dichiara inammissibile il ricorso. Condanna la
ricorrente al pagamento, in favore del fallimento controricorrente,
delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in C 10.000,00 per
compensi, oltre alle spese forfetarie nella misura del 15 %, agli
esborsi liquidati in C 200,00 e agli accessori di legge.
Ai sensi dell’art. 13, comma 1

quater, d.P.R. 30 maggio

2002, n. 115, inserito dall’art. 1, comma 17, I. 24 dicembre 2012,
7

credito chirografario di C 568.267,31;

n. 228, dichiara la sussistenza dei presupposti dell’obbligo di
versamento, a carico della parte ricorrente, dell’ulteriore importo a
titolo di contributo unificato pari a quello dovuto per il ricorso a
norma del comma 1 bis dello stesso art. 13.
Così deciso in Roma nella camera di consiglio del 27
settembre 2017
Il PrIsid-ente
irelli

Fradc

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE


NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA