Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32562 del 08/11/2021

Cassazione civile sez. lav., 08/11/2021, (ud. 08/07/2021, dep. 08/11/2021), n.32562

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. BELLE’ Roberto – rel. Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

ORDINANZA

sul ricorso 20002-2015 proposto da:

AZIENDA SANITARIA LOCALE N. (OMISSIS) AVEZZANO-SULMONA-L’AQUILA, in

persona del Direttore Generale pro tempore, elettivamente

domiciliata in ROMA, VIA A. MORDINI 14, presso lo studio

dell’avvocato MARIA LUDOVICA POLTRONIERI, rappresentata e difesa

dall’avvocato VINCENZO SANTUCCI;

– ricorrente –

contro

M.C., R.M., elettivamente domiciliati in ROMA,

VIALE GORIZIA n. 14 presso lo studio legale Sabatini-Sinagra-Sanci,

rappresentati e difesi dall’avvocato FABRIZIO FOGLIETTI;

– controricorrenti –

nonché contro

A.C., + ALTRI OMESSI;

– intimati –

avverso la sentenza n. 47/2015 della CORTE D’APPELLO di L’AQUILA,

depositata il 22/01/2015 R.G.N. 1249/2013;

udita la relazione della causa svolta nella camera di consiglio del

08/07/2021 dal Consigliere Dott. ROBERTO BELLE’.

 

Fatto

RITENUTO

CHE:

la Corte d’Appello di L’Aquila ha confermato la sentenza del Tribunale della stessa città che aveva accertato il diritto dei lavoratori a vedersi remunerati dall’Azienda Sanitaria Locale n. (OMISSIS) Avezzano Sulmona L’Aquila, di cui erano dipendenti, tempi di vestizione, svestizione e scambio consegne in occasione del lavoro svolto quali infermieri presso l’Ospedale Civile di L’Aquila;

la Corte di merito, sul presupposto che quella svolta fosse azione di merito accertamento, riteneva non decisivo il fatto, addotto dalla Asl, secondo cui quei tempi già erano considerati a fini retributivi, in quanto il cartellino veniva timbrato prima della vestizione e dopo la svestizione;

la Corte territoriale, ritenendo quindi che fosse rimasta controversa tra le parti la questione sul diritto alla retribuzione, confermava il riconoscimento dello stesso operato dal giudice di prime cure;

la Asl ha impugnato la predetta sentenza con due motivi di ricorso, resistiti dai lavoratori M.C. e R.M. con controricorso, poi illustrato da memoria, mentre gli altri dipendenti sono rimasti intimati.

Diritto

CONSIDERATO

CHE:

il primo motivo di ricorso denuncia la violazione e falsa applicazione (art. 360 c.p.c., n. 3) dell’art. 115 c.p.c.;

la Asl sostiene che sarebbe pacifico il fatto che vi fosse timbratura del cartellino in abiti civili e che quindi anche i tempi di cambio turno sarebbero stati remunerati;

il motivo, per quanto in sé potenzialmente tale da rifluire anche rispetto all’interesse ad agire, in ipotesi carente ove le attività dedotte fossero state remunerate senza condizioni, è tuttavia inammissibile;

esso, infatti, afferma come pacifico tra le parti un fatto, consistente appunto nella timbratura prima e dopo i tempi di vestizione/svestizione, ma è sviluppato riportando solo le difese della Asl con le quali quel fatto era stato affermato e non le difese altrui da cui dovrebbe desumersi la non contestazione;

ciò, a fronte del fatto che la Corte territoriale ha ritenuto il permanere di contestazioni, è tuttavia insufficiente a far emergere nel giudizio di legittimità, anche a fronte degli oneri di completezza espositiva e specificità rispetto al caso concreto sottesi all’art. 366 c.p.c., l’elemento dirimente dell’avvenuto ed incondizionato pagamento di quelle attività prodromiche; analogamente inammissibile è da ritenere il secondo motivo di ricorso, con cui il medesimo profilo, ovverosia il verificarsi delle timbrature secondo quelle modalità temporali, è addotto come omesso esame di un fatto decisivo ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 5;

non è vero infatti che quella circostanza in ordine alla timbratura non sia stata esaminata, perché la Corte territoriale la menziona, affermando però che restano non spiegate “le modalità di “conteggio”” e concludendo infine nel senso che fosse rimasto controverso il diritto alla retribuzione di quei tempi;

non ricorrono dunque i presupposti propri dell’ipotesi (art. 360 c.p.c., n. 5) evocata dalla ricorrente;

la complessiva inammissibilità del ricorso esime, anche per ragioni di pronta definizione del processo, dal disaminare la questione sull’integrità del contraddittorio, sollevata nel controricorso con riferimento a tale A.C., che sarebbe stata costituita mediante difensore in appello ed alla quale non sarebbe stata eseguita la notifica del ricorso per cassazione nel domicilio eletto;

le spese del grado restano regolate secondo soccombenza.

PQM

La Corte dichiara inammissibile il ricorso e condanna la ricorrente al pagamento in favore di M.C. e R.M. delle spese del giudizio di legittimità, che liquida in Euro 3.000,00 per compensi ed Euro 200,00 per esborsi, oltre spese generali in misura del 15 % ed accessori di legge.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte della ricorrente, dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del comma 1-bis, dello stesso art. 13, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 8 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2021

 

 

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA