Sentenza Sentenza Cassazione Civile n. 32538 del 08/11/2021

Cassazione civile sez. lav., 08/11/2021, (ud. 14/07/2021, dep. 08/11/2021), n.32538

LA CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE

SEZIONE LAVORO

Composta dagli Ill.mi Sigg.ri Magistrati:

Dott. MANNA Antonio – Presidente –

Dott. NEGRI DELLA TORRE Paolo – Consigliere –

Dott. DI PAOLANTONIO Annalisa – rel. Consigliere –

Dott. MAROTTA Caterina – Consigliere –

Dott. SPENA Francesca – Consigliere –

ha pronunciato la seguente:

SENTENZA

sul ricorso 19074/2015 proposto da:

M.R., G.M., F.F.,

L.V., P.P., tutti elettivamente domiciliati in ROMA, VIA

F.P. DE’ CALBOLI N. 5, presso lo studio dell’avvocato EVA UTZERI,

che li rappresenta e difende;

– ricorrenti –

contro

LE MARCHE – UFFICIO V AMBITO TERRITORIALE DI ASCOLI PICENO, in

persona del Ministro pro tempore, rappresentato e difeso

dall’AVVOCATURA GENERALE DELLO STATO presso i cui Uffici domicilia

in ROMA, alla VIA DEI PORTOGHESI 12;

– resistente con mandato –

avverso la sentenza n. 189/2015 della CORTE D’APPELLO di ANCONA,

depositata il 15/05/2015 R.G.N. 4/2015;

udita la relazione della causa svolta nella pubblica udienza del

14/07/2021 dal Consigliere Dott. ANNALISA DI PAOLANTONIO;

il P.M., in persona del Sostituto Procuratore Generale Dott. FRESA

Mario, visto il D.L. 28 ottobre 2020, n. 137, art. 23, comma 8 bis,

convertito con modificazioni nella L. 18 dicembre 2020, n. 176, ha

depositato conclusioni scritte.

 

Fatto

FATTI DI CAUSA

1. La Corte d’Appello di Ancona, previa riunione dei giudizi, ha respinto gli appelli proposti da M.R., L.V., P.P., F.F. e G.M., tutti dirigenti scolastici, avverso le sentenze del Tribunale di Fermo (nn. 44 e 45 del 10 luglio 2014) e del Tribunale di Ascoli Piceno (nn. 333, 334 e 335 dell’8 luglio 2014) che avevano rigettato le domande, formulate nei confronti del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca nonché dell’Ufficio Scolastico Regionale per le Marche, volte ad ottenere la parificazione, quanto alla parte fissa della retribuzione di posizione, ai dirigenti di seconda fascia del Ministero e la conseguente condanna dell’amministrazione a corrispondere le differenze stipendiali nei limiti della prescrizione quinquennale. I ricorrenti avevano anche domandato l’accertamento del diritto a percepire, in relazione all’anzianità di servizio maturata nella precedente carriera docente, la maggiorazione riconosciuta dal c.c.n.l. 2000/2001 ai dirigenti scolastici provenienti dal soppresso ruolo dei Presidi e dei Direttori Didattici.

2. La Corte territoriale ha escluso l’eccepita nullità delle disposizioni dettate dal CCNL dell’Area V ed ha evidenziato, in sintesi, che il D.Lgs. n. 165 del 2001, riserva alla contrattazione collettiva la determinazione del trattamento retributivo, fondamentale ed accessorio, sicché destituita di fondamento era la pretesa dei ricorrenti di ottenere la parificazione ai dirigenti di altra area, facendo leva sull’unicità del ruolo dirigenziale. Ha escluso che l’art. 24 si riferisca alla sola retribuzione accessoria ed ha richiamato giurisprudenza di questa Corte per evidenziare che il principio di parità di trattamento, sancito dal D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 45, non costituisce parametro per giudicare le differenziazioni operate dalla contrattazione collettiva né impedisce a quest’ultima di valorizzare le pregresse vicende dei rapporti di lavoro e di differenziare il trattamento, pur a fronte dell’espletamento di medesime funzioni. Ha, pertanto, ritenuto infondata anche l’ulteriore domanda di perequazione interna all’area, sul rilievo che l’anzianità maturata nel soppresso ruolo dei presidi e dei direttori didattici non poteva essere equiparata al servizio prestato quale docente, tanto più che solo per la prima categoria vi era la necessità di assicurare il mantenimento di una voce retributiva già percepita.

3. Per la cassazione della sentenza hanno proposto ricorso i litisconsorti indicati in epigrafe sulla base di quattro motivi, ai quali non hanno opposto difese il MIUR e l’Ufficio Scolastico Regionale che hanno depositato solo atto di costituzione al fine di partecipare, eventualmente, all’udienza di discussione.

4. La Procura Generale ha concluso del D.L. n. 137 del 2020, ex art. 23, comma 8 bis, convertito in L. n. 176 del 2020, per l’infondatezza del ricorso.

Diritto

RAGIONI DELLA DECISIONE

1. Con il primo motivo, formulato ai sensi dell’art. 360 c.p.c., n. 3, i ricorrenti denunciano la violazione e falsa applicazione del D.Lgs. n. 93 del 2009, D.Lgs. n. 165 del 2001, artt. 24 e 45, D.Lgs. n. 150 del 2009, art. 42, art. 37 del CCNL 1.3.2002 per i dirigenti dell’area V. Sostengono, in sintesi, che la dirigenza scolastica è assimilabile a quella non generale di seconda fascia e, pertanto, priva di giustificazione è la diversità del trattamento economico fondamentale che si riscontra comparando i valori previsti dal CCNL per i dirigenti dell’Area I e quelli stabiliti dal CCNL per il personale dirigenziale della scuola, inserito nella V Area. Rilevano che il principio della parità di trattamento deve essere rispettato anche dalle parti collettive sicché la retribuzione non può essere ritenuta “giusta, congrua e perequata” solo perché concordata nel confronto con le parti sindacali. Aggiungono che la riserva contenuta nel D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 24, si riferisce alle sole voci del trattamento accessorio e non giustifica la denunciata disparità, rispetto al personale dirigenziale del comparto ministeri, inerente la parte fissa della retribuzione di posizione.

2. La seconda censura, ricondotta al vizio di cui all’art. 360 c.p.c., n. 3, denuncia la violazione degli artt. 3,36 e 97 Cost., D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 45,D.Lgs. n. 29 del 1993, art. 49, ed eccepisce la nullità dell’art. 2, comma 3, del CCNL 2008/2009 nella parte in cui quantifica la retribuzione di posizione in misura inferiore rispetto a quella riconosciuta ai dirigenti di seconda fascia del comparto ministeri. I ricorrenti ribadiscono che la sperequazione fra i due comparti è illegittima e contraria ai precetti costituzionali di uguaglianza e di proporzionalità della retribuzione alla qualità e quantità del lavoro svolto, che in entrambi i casi è riconducibile a quello del ruolo unico della dirigenza pubblica. Richiamano considerazioni già espresse nel primo motivo ed aggiungono che il principio di non discriminazione tra lavoratori è enunciato con assoluta chiarezza dalle fonti sovranazionali (Convenzione OIL n. 117/1962, ratificata con L. 13 luglio 1966, n. 657, Dichiarazione dei diritti dell’Uomo, Trattato di Roma). Rilevano, infine, che del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 24, interpretato nei termini indicati dalla Corte territoriale, sarebbe in contrasto con gli artt. 3, 36 e 97 della Carta Costituzionale.

3. Con il terzo motivo, intitolato “error in procedendo e in iudicando – art. 360 c.p.c., n. 5 – cassazione della sentenza impugnata – nullità per omessa pronuncia – la natura non subordinata della domanda relativa alla c.d. perequazione interna”, si addebita alla Corte territoriale di avere erroneamente qualificato subordinata la diversa ed autonoma domanda, anch’essa principale, di attribuzione del medesimo trattamento retributivo riconosciuto ai dirigenti scolastici provenienti dal soppresso ruolo dei presidi e dei direttori didattici. Sostengono di avere interesse a denunciare l’errore di qualificazione perché nella fattispecie non sussisteva alcun rapporto di accessorietà fra le due domande e pertanto il giudice d’appello avrebbe dovuto pronunciare su entrambe senza che il rigetto della prima potesse minimamente condizionare la seconda.

4. Infine con il quarto motivo i ricorrenti insistono nel denunciare la violazione degli art. 3,36 e 97 Cost., D.Lgs. n. 165 del 2001, artt. 23, 24 e 45, nonché degli artt. 37 e 39 del CCNL 14.3.2002 e richiamano il principio di parità di trattamento questa volta per denunciare il carattere discriminatorio della disposizione contrattuale che riconosce, a parità di funzioni dirigenziali, la retribuzione individuale di anzianità ai soli dirigenti che in passato avevano ricoperto il ruolo di presidi o di direttori scolastici. Aggiungono che sono destinatari di una disciplina di favore anche i dirigenti scolastici che nell’anno scolastico precedente all’assunzione svolgevano la funzione di presidi incaricati in relazione ai quali il contratto prevede la conservazione del maggior trattamento economico complessivo in precedenza percepito a titolo di assegno ad personam riassorbibile. Ritengono la complessiva disciplina contrattuale lesiva del principio di parità di trattamento perché i dirigenti scolastici vincitori di concorso e provenienti dalla carriera di docente non beneficiano di riconoscimento alcuno quanto all’anzianità di servizio.

5. Il primo, il secondo ed il quarto motivo, da trattare unitariamente in ragione della loro connessione logica e giuridica, sono infondati.

L’attribuzione ai capi di istituto ed ai direttori didattici della qualifica dirigenziale risale alla L. n. 59 del 1997, che, all’art. 21, comma 16, l’aveva correlata “all’acquisto della personalità giuridica e dell’autonomia da parte delle singole istituzioni scolastiche”, rinviando ad un successivo D.Lgs., integrativo della disciplina dettata dal D.Lgs. n. 29 del 1993, l’individuazione dei contenuti e delle specificità del ruolo dirigenziale e stabilendo, proprio in ragione di detta specificità, che il rapporto di lavoro sarebbe stato disciplinato dalla contrattazione collettiva del comparto scuola, articolata in autonome aree (art. 21, comma 17).

Con l’articolo unico del D.Lgs. n. 59 del 1998, sono stati, quindi, inseriti nel D.Lgs. n. 29 del 1993, artt. 25 bis e 28 bis, poi trasfusi del D.Lgs. n. 165 del 2001, artt. 25 e 29, con i quali è stata dettata la disciplina della funzione dirigenziale nonché delle modalità ordinarie di reclutamento dei dirigenti scolastici, disciplina connotata dal carattere di specialità rispetto a quella della dirigenza statale, reso evidente dall’inserimento non nel ruolo unico nazionale, bensì in ruoli di dimensione regionale, e dalla valorizzazione di detto livello territoriale anche ai fini della valutazione dell’operato del dirigente nonché, nel testo originario dell’art. 29, delle modalità di accesso alla qualifica dirigenziale.

Il carattere di specialità della funzione dirigenziale rispetto a quella delineata dal D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 17, risulta ancor più marcato se si analizzano i compiti attribuiti alla dirigenza delle istituzioni scolastiche, che non si esauriscono in quelli gestionali ed amministrativi (circoscritti, quanto all’ampiezza, dai limiti posti all’autonomia scolastica nonché dalle competenze attribuite al direttore dei servizi generali ed amministrativi), bensì si estendono a profili didattici ed educativi, tanto da delineare una funzione sui generis, definibile come amministrativo-educativa.

Il D.Lgs. n. 59 del 1998 ha, poi, inserito nel testo del D.Lgs. 29 del 1993, anche l’art. 25 ter con il quale è stato disciplinato l’inquadramento nei ruoli regionali dei capi di istituto già in servizio e previsto che l’attribuzione della qualifica dirigenziale sarebbe avvenuta ” previa frequenza di appositi corsi di formazione, all’atto della preposizione alle istituzioni scolastiche dotate di autonomia e della personalità giuridica a norma della L. 15 marzo 1997, n. 59, art. 21, salvaguardando, per quanto possibile, la titolarità della sede di servizio” (art. 25 ter, comma 1, poi trasfuso nel D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 25 comma 7).

5.1. In questo contesto normativo si e’, quindi, inserita la contrattazione collettiva, che, a partire dal CCNL 1.3.2002, con decorrenza dal 1 settembre 2000, ha disciplinato gli aspetti economici e normativi dell’autonoma area della dirigenza scolastica, istituita, con la medesima decorrenza, dal CCNQ 9.8.2000, e da quest’ultimo “collocata nell’ambito del comparto scuola, in relazione alla previsione della L. n. 59 del 1997, art. 21, comma 17” (art. 3 del CCNQ).

Sino a detta data sulla disciplina del rapporto erano intervenuti i CCNL sottoscritti il 4.8.1995 ed il 26.5.1999, sicché la retribuzione spettante ai capi d’istituto, così come quella prevista per il personale docente ed ATA, aveva avuto la struttura indicata dall’art. 63 del CCNL del 1995 e, a partire dal 1 gennaio 1996, era stato previsto un sistema di progressione economica per tutto il personale del comparto, ivi compreso quello con funzioni direttive, che aveva sostituito il D.P.R. n. 399 del 1988, ed era fondato sull’attribuzione di posizioni economiche differenziate, di importo crescente a seconda della maggiore o minore anzianità di servizio (02, 3-8, 9-14, 15-20, 21-27, 28-34, oltre 35).

Lo stipendio tabellare del capo di istituto, comprensivo della retribuzione individuale di anzianità e dell’indennità di funzione, risentiva principalmente dell’anzianità di servizio e, alla data del 1 giugno 1999, poteva variare da un minimo di Lire 32.147.000 ad un massimo di Lire 57.099,000 (cfr. i valori indicati nella tabella E allegata al CCNL 1999), in relazione all’esperienza maturata.

L’art. 69 del CCNL 4.8.1995 aveva, poi, previsto uno speciale regime per il personale docente chiamato a sostituire momentaneamente il capo d’istituto e per quello incaricato della reggenza ed aveva riconosciuto un’indennità aggiuntiva, che si sommava al trattamento stipendiale previsto per la qualifica di appartenenza, determinata sulla base del differenziale tra i livelli iniziali di inquadramento delle due aree (docente e capo d’istituto).

5.2. Di dette disposizioni contrattuali hanno, quindi, dovuto tener conto le parti collettive in occasione della stipula del primo contratto relativo alla sola dirigenza scolastica, contratto con il quale, in linea con la contrattazione delle altre aree dirigenziali, è stata prevista una struttura della retribuzione comprensiva dello stipendio tabellare, dell’indennità integrativa speciale, della retribuzione di posizione, parte fissa e parte variabile, della retribuzione di risultato, nonché della “retribuzione individuale di anzianità, ove acquisita e spettante”.

Quest’ultima voce è stata conservata solo per i dirigenti scolastici ex capi d’istituto per i quali, soppressa dall’art. 39 dello stesso CCNL 1.3.2002 la progressione economica per posizioni stipendiali, si poneva l’esigenza di disciplinare il passaggio dall’uno all’altro sistema e di evitare che l’inquadramento nella qualifica dirigenziale si risolvesse in una mortificazione dei diritti già acquisiti e comportasse l’azzeramento, a fini retributivi, dell’anzianità maturata in una funzione che implicava comunque compiti direttivi, rimarcati, anche in epoca antecedente all’attribuzione dell’autonomia scolastica, dal CCNL 4.8.1995 (e’ significativo riportare l’art. 32 del CCNL 1995 secondo cui “il personale regolato dalle disposizioni di cui alla presente sezione è collocato nella distinta area della specifica dirigenza scolastica nell’ambito del comparto scuola, non assimilabile alla dirigenza regolata dal D.Lgs. n. 29 del 1993…. Ciascun dipendente appartenente a tale area è organo dell’amministrazione scolastica ed ha la rappresentanza dell’istituto. Esso assolve a tutte le funzioni previste dalla legge e dai contratti collettivi in ordine alla direzione e al coordinamento, alla promozione e alla valorizzazione delle risorse umane e professionali, nonché alla gestione delle risorse finanziarie e strumentali, con connesse responsabilità in relazione ai risultati. A tal fine esso assume le decisioni ed attua le scelte di sua competenza volte a promuovere e realizzare il progetto di istituto sia sotto il profilo didattico-pedagogico, sia sotto quello organizzativo e finanziario.”).

Il CCNL 1.3.2002 ha, quindi, previsto, all’art. 39, che “A decorrere dal 1.1.2001 è soppressa la progressione economica per posizioni stipendiali ed al personale compete uno stipendio unico determinato in Euro 98,47 (Lire 36.398.917) annui lordi inclusa la tredicesima mensilità. Il valore economico corrispondente alla differenza tra la posizione stipendiale in godimento, inclusi gli incrementi indicati nella tabella A, e lo stipendio di cui al comma 1 costituisce la retribuzione individuale di anzianità di ciascun dirigente scolastico ed è corrisposta mensilmente in aggiunta allo stipendio”.

5.3. Un’esigenza analoga si è posta, espletate le procedure per il reclutamento dei dirigenti scolastici, per i vincitori che, seppure appartenenti all’area docente, prima della formale acquisizione della qualifica dirigenziale erano stati incaricati della reggenza di istituti scolastici ed avevano percepito il trattamento retributivo previsto per l’area di appartenenza, secondo il sistema delle fasce stipendiali, maggiorato della speciale indennità riconosciuta dal già richiamato art. 69 del CCNL 1.9.1995.

Le parti collettive hanno ritenuto che anche in tal caso dovesse operare il divieto di reformatio in peius, perché l’inquadramento aveva riguardato soggetti già investiti, seppure in assenza di qualifica, della relativa funzione, e con l’art. 58 del CCNL 11.4.2006 hanno previsto che “I docenti già incaricati di presidenza e assunti nella qualifica dirigenziale dell’area a seguito delle procedure di reclutamento previste dalla normativa vigente, conservano, quale assegno ad personam, l’eventuale maggior trattamento economico complessivo percepito per effetto dell’espletamento delle funzioni sostitutive. L’eventuale maggior trattamento di cui al comma 2 viene riassorbito con gli incrementi stabiliti dai successivi contratti collettivi nazionali di lavoro”.

5.4. In tal modo, quindi, nell’ambito della dirigenza scolastica, a fini retributivi, al regime, per così dire ordinario, previsto per i dirigenti di nuova assunzione sono stati affiancati due trattamenti “speciali” destinati ad esaurirsi nel tempo, riservati, rispettivamente, agli ex capi di istituto ed ai reggenti, ed accomunati dalla necessità di evitare che l’acquisizione della qualifica dirigenziale si risolvesse in un peggioramento del trattamento retributivo già acquisito.

6. Così ricostruito nei suoi tratti essenziali il quadro normativo e contrattuale, rileva il Collegio che deve essere esclusa l’eccepita nullità delle clausole contrattuali inerenti il trattamento retributivo.

Il D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 24, in linea con il sistema delle fonti delineato in via generale dal D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 2, comma 3, riserva alla contrattazione collettiva la determinazione della retribuzione del personale dirigenziale e, nella parte in cui richiama il trattamento accessorio, non intende certo circoscrivere a quest’ultimo l’intervento della contrattazione, ma solo indicare come necessaria la correlazione fra l’ammontare del trattamento in questione e le funzioni attribuite, che, pur se tutte riconducibili alla qualifica dirigenziale, possono essere diversamente graduate, al pari delle responsabilità che dalle stesse derivano.

Il ruolo centrale della contrattazione nel sistema dell’impiego pubblico contrattualizzato è stato costantemente rimarcato dalla giurisprudenza costituzionale che nella riserva alla contrattazione collettiva della definizione del trattamento economico ha ravvisato uno dei principi fondamentali di riforma economico-sociale della Repubblica che, in quanto tale, limita la potestà legislativa delle Regioni, anche a statuto speciale, (cfr. fra le tante Corte Cost. n. 16/2020 e le pronunce richiamate in motivazione).

Facendo leva sulla peculiare natura della contrattazione disciplinata dal D.Lgs. n. 165 del 2001 e sulla funzione alla stessa assegnata dal legislatore, questa Corte da tempo ha affermato che il principio espresso dall’art. 45 del richiamato decreto, secondo il quale le amministrazioni pubbliche garantiscono ai propri dipendenti parità di trattamento contrattuale, opera solo nell’ambito del sistema previsto dalla contrattazione collettiva e vieta trattamenti migliorativi o peggiorativi a titolo individuale, ma non costituisce parametro per giudicare le differenziazioni operate in quella sede, in quanto la disparità trova titolo non in scelte datoriali unilaterali lesive della dignità del lavoratore, ma in pattuizioni dell’autonomia negoziale delle parti collettive, le quali operano su un piano tendenzialmente paritario e istituzionalizzato, di regola sufficiente, salva l’applicazione di divieti legali, a tutelare il lavoratore in relazione alle specificità delle situazioni concrete (cfr. fra le tante Cass. n. 6553/2019; Cass. n. 32157/2018; Cass. n. 12334/2018; Cass. n. 19043/2017).

Si è precisato, in particolare, che, ove facciano difetto norme inderogabili dettate dal legislatore nazionale o principi Eurounitari di immediata applicazione, la parità di trattamento non può essere invocata per sollecitare un sindacato giudiziale delle scelte operate dalla contrattazione collettiva perché a quest’ultima è stato affidato in via esclusiva il potere di definire i trattamenti retributivi dei dipendenti delle pubbliche amministrazioni ed è stata lasciata alle parti sociali piena autonomia di prevedere, anche a parità di mansioni e di funzioni esercitate, trattamenti differenziati in ragione dei diversi percorsi formativi, delle specifiche esperienze maturate, delle carriere professionali nonché delle dinamiche negoziali dei diversi comparti (Cass. n. 19043/2017).

7. Sulla base di detti principi questa Corte ha già ritenuto priva di fondamento la pretesa dei dirigenti scolastici volta ad ottenere l’equiparazione, quanto alla retribuzione di posizione, alla dirigenza di seconda fascia dell’area I (Ministeri ed Aziende). Si è osservato, infatti, che l’esercizio della discrezionalità collettiva impedisce ogni sindacato finalizzato a comparazioni tra s: distinte aree e si è aggiunto che “improponibile è una comparazione, ai fini di adeguatezza e proporzionalità ex art. 36 Cost., tra dirigenti appartenenti a comparti e dunque ad aree distinti, stante la evidente eterogeneità delle attività in concreto svolte, tale da escludere altresì qualsiasi possibilità di ragionare in termini di parità di trattamento ai sensi dell’art. 45” (Cass. n. 15110/2020).

Al richiamato orientamento, condiviso dal Collegio, occorre dare continuità, tanto più che gli argomenti sviluppati nel ricorso, tutti incentrati sulla piena assimilazione della dirigenza scolastica a quella generale di seconda fascia, si scontrano in modo evidente con la assoluta peculiarità della categoria dirigenziale in questione, che lo stesso legislatore, con gli interventi normativi richiamati al punto 5, ha tenuto a sottolineare nel prevedere una disciplina speciale quanto all’inquadramento, alle modalità di reclutamento e di valutazione, all’area di contrattazione ed anche ai compiti connessi alla funzione.

8. Quanto, poi, alla domanda di perequazione interna all’area si è già dato conto delle ragioni per le quali la contrattazione collettiva, nel disciplinare il passaggio dall’uno all’altro sistema retributivo, ha ritenuto di dovere salvaguardare il trattamento già raggiunto dagli ex capi di istituto e dai dirigenti che, seppure inquadrati nella qualifica dirigenziale all’esito delle procedure di reclutamento disposte del D.Lgs. n. 165 del 2011, ex art. 29, avevano maturato un’esperienza specifica in qualità di reggenti.

Al principio richiamato al punto 6, già sufficiente a sorreggere una pronuncia di rigetto della domanda, si deve aggiungere che la pretesa dei ricorrenti di essere equiparati ai colleghi che avevano in precedenza ricoperto le funzioni di capo di istituto si fonda su un’asserita piena equiparazione delle due situazioni a confronto, in realtà insussistente.

8.1. Come è noto la retribuzione individuale di anzianità si ricollega, non alle caratteristiche oggettive delle mansioni espletate o della posizione ricoperta, bensì alla maggiore esperienza maturata nell’esercizio della funzione, ossia nella permanenza in un determinato ruolo o nella qualifica, sicché è indubbio che, ai fini dell’attribuzione dell’emolumento, non possa essere equiparata l’anzianità maturata dal docente a quella acquisita nell’espletamento della funzione direttiva, attesa la assoluta diversità dei due ruoli, che si coglie comparando le disposizioni della contrattazione collettiva, antecedente a quella che qui viene rilievo, con le quali sono stati indicati i compiti, le caratteristiche, le finalità della funzione docente e di quella svolta dal Preside o dal Direttore Didattico (artt. 32 e 38 del CCNL 4.8.1995).

Ne’ i ricorrenti possono fare leva sulla circostanza che, in ragione della peculiare natura della dirigenza scolastica, alla stessa si possa accedere solo dopo avere maturato una determinata anzianità nell’area docente. L’argomento in realtà smentisce la tesi dell’assimilabilità dei due ruoli perché l’esperienza nell’insegnamento è solo uno dei requisiti per l’accesso alla qualifica dirigenziale, che richiede ulteriori condizioni (variate nel corso del tempo e a seconda del regime, ordinario o transitorio, applicabile) proprio in ragione delle competenze richieste ai fini della funzione direttiva, le quali non si esauriscono in quelle educative.

8.2. Non rilevano nella fattispecie le disposizioni, succedutesi nel tempo, che nel settore scolastico disciplinano l’istituto della ricostruzione della carriera, riconoscendo l’anzianità maturata nel ruolo inferiore.

Le clausole contrattuali delle quali i ricorrenti contestano la legittimità sono volte a regolare, in via transitoria, il passaggio da un sistema retributivo che valorizzava l’anzianità di servizio, mediante la previsione di una progressione economica per fasce stipendiali, ad altro sistema che, invece, commisura il trattamento economico alla funzione esercitata, alle caratteristiche dell’istituto diretto, ai risultati ottenuti.

Questa esigenza si pone, ovviamente, solo per coloro che nel precedente regime avevano esercitato la funzione, non già per i dirigenti di nuova assunzione, i cui rapporti lavorativi sono stati novati con il superamento del concorso, posto che il passaggio alla qualifica dirigenziale non costituisce una mera progressione verticale, in quanto comporta l’accesso ad altra area.

8.3. La diversità delle situazioni a confronto sussiste anche rispetto ai dirigenti che, pur non rivestendo formalmente la qualifica di capo d’istituto, avevano esercitato la funzione direttiva in qualità di reggenti.

Al riguardo, alle considerazioni già espresse sulla diversa natura delle funzioni, si deve aggiungere che a detta categoria le parti collettive non hanno attribuito la retribuzione individuale di anzianità (riconosciuta dall’art. 39 del CCNL 2002 ai soli capi di istituto), bensì l’assegno personale riassorbibile di cui all’art. 58 del CCNL 2006, chiaramente finalizzato ad impedire la reformatio in peius che, per la diversità dei sistemi retributivi, si sarebbe verificata in conseguenza del formale inquadramento nel ruolo dirigenziale.

La previsione, quindi, si giustifica in ragione della finalità perseguita e della valorizzazione, anche in tal caso, della diversa esperienza professionale pregressa.

L’esclusione in radice di una irragionevole ed ingiustificata disparità di trattamento, è sufficiente a ritenere infondato il ricorso anche nella parte in cui invoca il principio di parità, di uguaglianza e di non discriminazione sancito dalle fonti sovranazionali, perché quel principio presuppone che le situazioni siano comparabili, seppure non perfettamente coincidenti, e detta comparabilità non sussiste nella fattispecie per le ragioni sopra indicate.

9. Ne’ a diverse conclusioni si può giungere facendo leva sulla dichiarazione congiunta n. 1 posta in calce al CCNL 15.7.2010 con la quale le parti hanno concordato “nel ritenere che il confronto sugli ulteriori benefici economici debba prioritariamente affrontare i problemi di perequazione retributiva interna all’area”, perché la dichiarazione di intenti si limita a prendere atto di un dato obiettivo ed a prospettare l’opportunità che dello stesso si tenga in futuro conto nell’attribuzione di “ulteriori” benefici economici, ma non implica alcun riconoscimento dell’asserito carattere ingiustificato e discriminatorio della diversità di trattamento.

10. Infine ritiene il Collegio che i ricorrenti non abbiano neppure interesse a dolersi del mancato riassorbimento dell’assegno e, quindi, a prospettare la nullità dell’art. 2, comma 5, del CCNL 15.7.2010 che “al fine di non pregiudicare il potere di acquisto del trattamento economico fisso” ha escluso il riassorbimento previsto dall’art. 58 del CCNL 11.4.2006 in relazione agli incrementi stipendiali previsti dallo stesso articolo.

E’ consolidato nella giurisprudenza di questa Corte il principio in base al quale anche il soggetto che propone un’azione di nullità ex art. 1421 c.c., deve dimostrare la sussistenza di un proprio concreto interesse ad agire, secondo le norme generali e con riferimento all’art. 100 c.p.c., sicché, in mancanza della dimostrazione, da parte dell’attore, della necessità di ricorrere al giudice per evitare una lesione attuale del proprio diritto e il conseguente danno alla propria sfera giuridica, l’azione di nullità non può essere proposta sotto la specie di un fine generale di attuazione della legge (cfr. fra le più recenti Cass. n. 18819/2018).

L’interesse ad agire deve essere concreto ed attuale e richiede, non solo l’accertamento di una situazione giuridica, ma anche che la parte prospetti l’esigenza di ottenere un risultato utile giuridicamente apprezzabile e non conseguibile senza l’intervento del giudice, poiché il processo non può essere utilizzato solo in previsione di possibili effetti futuri migliorativi o pregiudizievoli per la parte, sicché le questioni inerenti l’interpretazione delle norme giuridiche sono ammissibili solo se strumentali alla pronuncia sulla domanda di tutela del diritto ossia se costituiscono il mezzo per ottenere il risultato utile e concreto che la parte intende perseguire (cfr. fra le più recenti Cass. n. 2057/2019).

E’ evidente che nella fattispecie difetta l’interesse nei termini sopra indicati a far accertare la nullità della disposizione contrattuale con la quale le parti collettive, disattendo il principio del necessario riassorbimento, hanno sottratto gli aumenti attribuiti in occasione del rinnovo contrattuale all’applicazione della regola posta dall’art. 58 del CCNL 2006.

Invero dalla pronuncia di nullità non potrebbe in nessun caso derivare l’accoglimento della domanda azionata nel presente giudizio, di attribuzione del medesimo trattamento economico riservato agli ex capi di istituto o ai reggenti.

11. Il terzo motivo è inammissibile.

Nello storico di lite si è evidenziato che la Corte territoriale ha esaminato entrambe le domande e le ha ritenute infondate, richiamando la giurisprudenza di questa Corte sull’interpretazione del D.Lgs. n. 165 del 2001, art. 45, ed escludendo l’ipotizzata disparità di trattamento sia con i dirigenti scolastici provenienti dal soppresso ruolo dei capi di istituto sia con gli ex reggenti.

L’errore asseritamente commesso nella qualificazione della domanda, come subordinata anziché autonoma, non ha inciso in alcun modo sul contenuto della decisione e sull’esito del giudizio, sicché difetta in capo ai ricorrenti l’interesse all’impugnazione.

Va ricordato, infatti, che nel giudizio di cassazione l’interesse all’impugnazione, da valutare in relazione ad ogni motivo di censura, deve essere apprezzato con riferimento all’utilità concreta che la parte può ricavare dall’eventuale accoglimento del gravame, e non può consistere in un mero interesse astratto ad una più corretta soluzione di una questione giuridica, sicché va escluso ogniqualvolta la dedotta violazione di norme giuridiche, sostanziali o processuali, sia diretta all’emanazione di una pronuncia priva di rilievo pratico (cfr. Cass. n. 20689/2016, Cass. n. 15253/2010, Cass. n. 13373/2008; Cass. n. 11844/2006).

12. In via conclusiva il ricorso deve essere rigettato.

Non occorre statuire sulle spese del giudizio di legittimità perché il Ministero e l’Ufficio Scolastico Regionale hanno solo depositato atto di costituzione in giudizio, al fine dell’eventuale partecipazione all’udienza di discussione, e non hanno svolto alcuna attività difensiva.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, come modificato dalla L. 24 dicembre 2012, n. 228, si deve dare atto, ai fini e per gli effetti precisati da Cass. S.U. n. 4315/2020, della ricorrenza delle condizioni processuali previste dalla legge per il raddoppio del contributo unificato, se dovuto dai ricorrenti.

P.Q.M.

La Corte rigetta il ricorso.

Ai sensi del D.P.R. n. 115 del 2002, art. 13, comma 1 quater, dà atto della sussistenza dei presupposti processuali per il versamento, da parte dei ricorrenti dell’ulteriore importo a titolo di contributo unificato pari a quello previsto per il ricorso, a norma del cit. art. 13, comma 1-bis, se dovuto.

Così deciso in Roma, nella Camera di consiglio, il 14 luglio 2021.

Depositato in Cancelleria il 8 novembre 2021

Sostieni LaLeggepertutti.it

La pandemia ha colpito duramente anche il settore giornalistico. La pubblicità, di cui si nutre l’informazione online, è in forte calo, con perdite di oltre il 70%. Ma, a differenza degli altri comparti, i giornali online non ricevuto alcun sostegno da parte dello Stato. Per salvare l'informazione libera e gratuita, ti chiediamo un sostegno, una piccola donazione che ci consenta di mantenere in vita il nostro giornale. Questo ci permetterà di esistere anche dopo la pandemia, per offrirti un servizio sempre aggiornato e professionale. Diventa sostenitore clicca qui

LEGGI ANCHE



NEWSLETTER

Iscriviti per rimanere sempre informato e aggiornato.

CERCA CODICI ANNOTATI

CERCA SENTENZA